Skip to content

Le politiche di sviluppo turistico in Sicilia dal 1960 al 1980

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppina Ballistreri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Economia
  Corso: economia e gestione dei servizi turistici
  Relatore: Anna Li Donni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

La riflessione fondamentale su cui si basa il presente lavoro, è quella che considera il turismo come uno dei settori più importanti per l’economia mondiale ed essendo la Sicilia un’isola di particolare rilevanza turistica, ho ritenuto interessante analizzare il prodotto turistico siciliano e capire l’origine e il perché dei punti di debolezza.La vera forza della Sicilia risiede proprio nella sua caratteristica di raggruppare tutte le bellezze naturali e stupefacenti testimonianze storiche, in un’unica regione. In questo senso non vi è dubbio che tutte le risorse citate abbiano sempre fatto passare in secondo piano certe difficoltà pratiche che i turisti possono aver trovato nell’Isola.Purtroppo però, l'isola presenta svariati punti di debolezza. Volendo risalire all’origine di questi punti di debolezza del turismo in Sicilia è d’obbligo analizzare cosa è successo negli anni che vanno dal 1960 al 1980, in cui si cercò in tutti i modi di colmare il divario economico tra il nord industrializzato e il sud arretrato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 IL FENOMENO TURISTICO 1. Cenni storici: dai viaggiatori ai turisti. Secondo lo storico svizzero Hans Conrad Peyer è con il Medioevo che iniziano i grandi viaggi. Nel suo libro “Viaggiare nel medioevo” scrive: “Il Medioevo è un‟età di grandi viaggi, e l‟ospitalità è il presupposto 2 fondamentale”. Verso la fine del Rinascimento iniziano i viaggi dei giovani aristocratici europei, come momento fondamentale della loro educazione. L'espressione "Grand Tour" venne coniata da Richard Lassels 3 nel suo "The Voyage of Italy" del 1670, per descrivere appunto il viaggio in Italia che già dal 1630 si andava diffondendo tra le elite culturali del nord Europa. Il termine tour, che soppianta quello di travel o journey o voyage, chiarisce come la moda di questo viaggio si specifichi in un giro - particolarmente lungo e ampio e senza soluzione di continuità, con partenza e arrivo nello stesso luogo - che può attraversare anche i paesi continentali ma ha come traguardo prediletto e irrinunciabile l'Italia, meta ricca di opere 4 d‟arte e di vestigia da conoscere e visitare. La durata del Gran Tour classico originario era di 40 mesi. Successivamente la nobiltà inglese ideò altre forme di turismo molto diverse tra loro sia per le modalità con cui si svolgevano, sia per le motivazioni con cui i turisti di allora le sceglievano. Oltre al viaggio culturale intrapreso da artisti e intellettuali spinti soprattutto dall‟interesse e dal desiderio di conoscenza delle città classiche, emergono soprattutto i soggiorni termali e quelli in montagna che al di là del loro contenuto terapeutico divennero ben presto luoghi alla moda scelti soprattutto per il 2 HANS CONRAD PEYER, Viaggiare nel Medioevo, Editori Laterza. 3 CHANEY EDWARD, LASSELS RICHARD, The voyage of Italy, Cirvi. 4 De Seta C. L’Italia del Gran Tour. Da Montaigne a Goethe, Electa, Napoli, 1992. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1960
1980
cassa per il mezzogiorno
domanda turistica
economia
l'impatto del turismo
marketing turistico
risorse turistiche
sicilia
turismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi