Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica, droga e realtà giovanile, dal dopoguerra a oggi

La tesi tratta il fenomeno della droga attraverso le diverse epoche storiche, analizzato in relazione al tipo di musica associato all'assunzione.
Il fenomeno viene analizzato come rituale e paragonato ai riti praticati in altri contesti culturali e storici. Viene inoltre prospettato un diverso approccio educativo in merito alla trattazione della problematica droga-mondo giovanile.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questa tesi è nata dal mio interesse per la musica “moderna”e la serie di elementi che erano (e sono) più o meno collegati ad essa. Il punto di partenza è stato il fatto di considerare questo tipo di musica a tutti gli effetti “cultura” e per questo ho ritenuto importante tracciarne la storia (dal dopoguerra fino ai giorni nostri). E’ però impossibile pensare alla storia, senza considerarne i protagonisti e i soggetti, che ho personalmente individuato nel pubblico e negli artisti-musicisti. Il pubblico in particolare è ben rappresentato dai giovani, nati come “categoria sociale” negli anni Cinquanta con un‘autonomia dal mondo degli adulti che prima non sembrava esistere: essi sono gli attori della mia tesi. Il concetto di giovani che ho adottato, non è necessariamente legato ad aspetti solo anagrafici, in realtà si estende ad un’attitudine del cambiamento rispetto alla cultura, ai valori e agli atteggiamenti esistenti nelle diverse società. Le droghe e i giovani hanno costituito un altro solido legame: negli ultimi cinquant’anni esse sono diventate uno strumento sempre più usato (e abusato)di divertimento. Ho voluto verificare i collegamenti tra la situazione d’oggi e quello che accadeva nei decenni precedenti. Mi sembrava interessante raccontare ciò che erano i giovani di altri periodi storici, come era il loro modello culturale, le loro abitudini, i loro divertimenti, la loro musica e verificare la presenza (continua) di quell’unione di elementi costituita da giovani-droga-musica. Questa tesi è sviluppata “cronologicamente”: c’è una parte introduttiva che fa riferimento al rito, che per certi versi lega una serie di esperienze e usanze giovanili nel corso del tempo, nonostante ci siano continui riferimenti alle società tradizionali. Importante è la presentazione-descrizione dei giovani e il mondo dove essi vivono e sono protagonisti, il mondo moderno dei consumi e della cultura di massa. Presentati in generale i soggetti, viene analizzata la storia delle loro sottoculture rilevanti, legate ai diversi decenni, ma soprattutto alle musiche ed ai musicisti (a loro volta associati alle droghe). Ne risulta una storia dagli anni Cinquanta ad oggi, relativa alla cultura esclusivamente giovanile, che tenta di mostrare cosa succedeva prima e cosa è accaduto dopo. L’ultimo decennio è trattato in un capitolo a parte perché è quello che i giovani stanno vivendo o che comunque hanno appena vissuto; per questo motivo ho voluto isolare tutti gli aspetti riguardanti le nuove droghe, la nuova musica e “i ragazzi d’oggi”.

Diploma di Laurea

Facoltà: Operatori Sociali

Autore: Michele Pari Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9900 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.