Skip to content

La Stanza del Vuoto - Elementi di continuità tra architettura giapponese tradizionale e contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Martina Caredda
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: ingegneria edile-architettura
  Relatore: Sabrina Dessì
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 187

Le relazioni tra l’architettura tradizionale giapponese e quella contemporanea e lo studio degli infiniti modi in cui la seconda ha preso vita dalla prima, hanno costituito negli anni argomento di accesi dibattiti; il rapporto che gli architetti giapponesi hanno con il loro bagaglio storico è stato infatti puntualmente analizzato da più illustri critici ed architetti.
Il presente lavoro di tesi, senza prescindere dagli studi di cui sopra, ma anzi adottandoli come sfondo generale, si è focalizzato su un particolare elemento: la Stanza del Vuoto. La Stanza del Vuoto può essere definita come un concetto, apparentemente astratto ed aleatorio, ma può essere compresa pienamente solo se considerata come esperienza. Essa fornisce una chiave di lettura irrinunciabile nella comprensione dello spazio architettonico giapponese; la “ricerca del vuoto” e l’uso sapiente della “luce” quale strumento per catturare il vuoto, sono elementi di continuità perfettamente percepibili in ogni opera studiata e nella cultura giapponese nel senso più ampio, di cui ne determinano e rivelano le connotanti peculiarità.
La penombra, i tagli di luce, la calma, la complicata essenzialità, gli sfocati accordi di elementi solo apparentemente contrastanti, il senso del divenire e dell’effimero che permeano l’ambiente giapponese tradizionale, si trasferiscono nell’ambiente contemporaneo su differenti livelli e con differenti modalità, parlando sempre lo stesso sfuggente linguaggio a chi li vive in prima persona e ne assorbe in maniera quasi subliminale e inconsapevole concetti e metasignificati.
È infatti l’aspetto emozionale e trascendentale a costituire le coordinate da cui questo lavoro ha preso spunto, filtrando concetti e sostanza attraverso lo studio storico di questa cultura, affinché si comprendano in maniera evidente le ragioni che hanno portato nel corso del tempo ad utilizzare determinati linguaggi e gli strumenti grazie ai quali è stato possibile instaurare una relazione così intima tra l’opera e l’osservatore.
Si partirà dunque dallo studio del pensiero Zen e dal gusto ad esso correlato per arrivare a permeare completamente il complesso e sfaccettato schema di entità iconiche e l’intreccio di elementi costruttivi, simbolici e cerimoniali della residenza e della stanza del tè, con un’attenzione particolare per le principali declinazioni del vastissimo universo artistico giapponese, quali calligrafia, poesia e teatro, in cui vuoto ed ombra sono i principi ordinatori.
Si analizzeranno i principi fondamentali dell’architettura tradizionale giapponese descrivendone gli elementi caratteristici tramite le suggestioni regalate da alcuni dei luoghi determinanti lo sviluppo del linguaggio architettonico nipponico. Ci si concentrerà inoltre attorno agli elementi di continuità con l’architettura contemporanea, attraverso una breve selezione di opere capaci di riprodurre o reinterpretare l’esperienza del vuoto dell’architettura del passato.
Infine, ci si soffermerà sull’imprescindibile legame che si stabilisce tra la natura e la casa giapponese, con i suoi mutamenti dovuti a variazioni delle condizioni di illuminazione climatiche, stagionali. A tale proposito sono state realizzate alcune sperimentazioni e simulazioni nel tentativo di tradurre graficamente le sensazioni regalateci dalla silenziosa penombra della Stanza del Vuoto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5&#!AAA! !! X2!C(.7+&,-)&.!&.EE^-EE+7'(2([email protected]!.E.M.&'-!*-7'-&' -S-!*.EE)!0.&!-&!C)[email protected]&[email protected]+7'-Y-82'2!*2EE2! !&.8.77-'W!*-!2YY()&'2(.!'2E.!G-8)7'(+-([email protected]@-!7')(-8-!89.!92&&)!C)('2')!2E Em.S)E+,-)&.!*.EE)!0.&!U!M)E')!*-YY-8-E.<!2!82+72!* .EEm-((.C.(-:-E-'W!*-!*)8+M.&'-! 2(@)M.&')!C.(!C)'.(!2&2E-,,2(.!E^2(89-'.''+([email protected] )&.7._!-&Y2''-!7.&,2!2**.&'(2(7-!-&!\+.7')!2M:-')!8 )7h!8)MCE.77)!.!(-88)!*-!2''.&*-:-E-<!.!*.EE.!8)&'(27'2&'-!-&'.(C(.'2,-)&-!'(2M2&*2'.7-!*[email protected]!7')(-8-!.!*2-!Y-E)7)Y-!&.E!8)(7)! *.-!7.8)E-a!! '(2*-,-)&.!&)&!72(.::.!C)77-:-E.!'2E.!'(2''2,-)&.a! R.E!C(.7.&'.!82C-')E)!7-!8.(89.(W!*-!C.(M.2(.!E.!C. 8+E-2(-'W!*.E!C.&7-.()!0.&!.<! X)!0.&!Y)&*2!E.!7+.!)([email protected]&-!&.E!:+**9-7M)!T92&<!*-!)([email protected]&-!8-&.7-<!-E!\+2E.!&278.S2!*[email protected]!-&[email protected]&2M.&'- !'(27M.77-!*2E!:+**9-7M)! C(.&*.&*)!2'')!!*.EE.!*-YY-8)E'W!89.!7)(@)&)!2E!8)7 C.'')!*-!+&2!(.2E'W!'2&')!E)&'2&2!*2EE^I88-*.&'.<!*2E!7+)!M)*)!*-!C.&72(.<!.! F292>2&2<!-&YE+.&,2'-!C)-!*2E!Q2)-7M)<!.!*2E!T)&Y+8 -2&.7-M)a!X2!7')(-2!'(2*-,-)&2E.<!Y)('.M.&'.!-&'(-7 2!*[email protected]@.&*2<!-&*-82!Em2&&)! *2E!7+)!7'-E.!*-!S-'2<!*-!8)MC(.&*.(E)!&.-!7+)-!'(2 ''-!Y)&*2M.&'2E-a! D5$<!8)M.!E2!*2'2!*-!-&'()*+,-)&.!*.EE)!0.&!-&!T-&2 !*2!C2('.!*.E!Y2M)7)!M)&28)!-&*-2&)!])*9-*92(M2a!!! d9$#:-#;! *#! <$).(+&! 1-$22&#).)! ,)''=)+$! <)->-;! +-/)% )(()! '$! %-.-($! ,-! *#! 2+&0)..&+)! *#-%)+.-($+-&! /?)! ) +$!$#,$(&!,$!'*-!2)+! %E! '.(M-&.! @)#[email protected])&.7.!.!*.(-S2!*2E!8-&.7.!B?=$#<! 89.! (-M2&*2! 2E! '.(M-&.! 72&78(-')! S?T$#$;! 89.! [email protected]&-Y-82! nS-7-)&.^<! -#()++&1$+'&!.*''&[email protected])#3!9$#:-#!.)+%A!-'!()3!B&'5C!' $!($77$!,)'!.*&!&.2-();!)!2&-!/&#(-#*C!$!%)+.$+)3!D'!2+&0)..&+)!1*$+,C!(+$E&//$+)!-'! nM.*-'2,-)&.^a ();!2&-!#&#!+-*./A!2-F!$!/&#()#)+.-3!G4=!+-/&'5$3!9 &#!/)!#=)#(+$!2-FHG3!GB&5)!I*).($!($77$G!,-..)!9$#:-#!G(*!.)-!+-/&'5&!,)'')!(*)! # %E!T92&<!-&'()*)'')!-&![-2CC)&.!*2-!M)&28-!Q.&*2-!* -!)([email protected]&.!8-&.7.<!7-!2((-889-78.!+E'.(-)(M.&'.!8)&! E2!8+E'+(2!79-&')-7'2a!d%&! &2-#-&#-!)!/&#1)((*+)3!B&5)!2&..&!.2-)1$+(-!'&!7)#;!.)!2+-5$!#&#!%*&(-!'$!(*$!($77$!ij!e!! [-2CC)&.!7-!([email protected]@-+&@.!-E!C+&')!M277-M)!*-!.E2:)(2,- )&.!.!([email protected])(.!89.!*W!E+)@)!2!8-c!89.!7-!C+c!*.Y-&-(.!M-7'-82!*.E!\+)'-*-2&)b!E)! T)[email protected]@.(-78.!KE2&!;2''7<!-E!:+**9-7M)!0.&!&)&!U! +&2!([email protected])&.<!&)&!U!+&2!Y-E)7)Y-2<!&)&!U!+&2!C7-8)E)@-2<!)!+&!'-C)!*-!78-.&,2_! / 0.&ae!!! .77)!!7-!C+c!*.78(-S.(.!8)&!+&2!*.Y-&-,-)&.!82([email protected]!-&*-2&-!.!2-!8-&.7-b!jS-2!*-!E-:.(2,-)&.ja!%&Y2' '-<!&)&!8-!7-!C+c!E-M-'2(.!2!C2(E2(.! B2E.7.!U!E2!*-YY.(.&,2!'(2!Em2CC()88-)!*.E!:+**9-7M )!F292>2&2!.!\+.EE)!*.EE)!0.&_!-&Y2''-<!7.!E^2CC()8 8-)!2E!C(-M)!U!(2CC(.7.&'2')! *-!([email protected])&.!)!Y-E)7)Y-2b!&)&!8-!7)&)!*)@M-!)!*-S-&-'W_!U!+&!M)*)!*-!S-S.(.<!+&^.7C.(-.&,2!C.(7)&2E.!8 9.!C)('2!E^-&*-S-*+)!2EE2! 7C.8-2EM.&'.! 7+EE)! 7'+*-)! '.)(-8)!*.EE2! 7')(-2!.! *. EE^.S)E+,-)&.!*-! 8)&8.''-!.! C(-&8-C-! Y)&*2M.&'2E-<! E^2CC()88-)! 2EE)! 0.&! U! 8)78-.&,2!-&'+-'-S2!*.EE^277)E+')a!! *.Y-&-:-E.!8)M.!+&^.7C.(-.&,2!C.(7)&2E.<!-&!8+-!E2!8(-'-82!-&'.EE.''+2E.!E278-2!-E!C)7')!2E!M)&*)!7.&7 )(-2E.a! M 9)''$!.*$!)..)#7$;!'&[email protected])#!J!'K$+()!,-!%),)+)!#)''$! 2+&2+-$!#$(*+$3!4..&!-#,-/$!'$!%-$!/?)!,$''$!.)+%-( F!/&#,*/)!$''$!'-E)+(L3! j8-,)+&!U-!5$).([email protected])#V!-!0-'&.&0-!<$?$T$#$!/)+/$+)! ,-!.2-)1$+)!'$!%-($!/&#!2$+&')!)!,)0-#-7-&#-;!)!.-! +).)+&!.*E-(&!/&#(&!/?)!/-C! %[email protected]@-)!89.!'(27M.''.!E)!0.&!U!+&-S.(72E.<!.!C +c!.77.(.!(.8.C-')!*2EE^-&*-S-*+)!8)M.!7'-E.!*-!S-' 2!2!C(.78-&*.(.!*2!-*.)E)@-.!.! $%+)EE)!.&'&!,)()+5-#$(&!*#$!,-.2)+$($!/&#0*.-&#)3! W-#!,$'!2+-#/-2-&!'&[email protected])#!5-+C!,*#I*)!$!.1&5E+$+)!'$ !.(+$,$!,$!(*(()!')! ([email protected])&-a!B&5)!N-'!2)./)!#*&($!#)''K$/I*$!5$!#&#!.-!/*+$!,)'' K$/I*$;!'K*//)''&!%&'$!#)'!%)#(&!5$!#&#!.$!,)'!%)#( &O;!/&.A!'$!%-($!%)+$! ,)0-#-7-&#-;!-!/&#/)((-!-#()'')((*$'-!)!')!.2)/*'$7 -&#-X!)!'&!0)/)!.)#7$!./)#,)+)!$!/&52+&5)..-3!D'!.$ 11-&!%),+L!.*E-(&!-'!9-+%$#$!#)'')! A ,)''&[email protected])#!#&#!?$!E-.&1#&!,-!$55)(()+)!*#$!+)'-1-&#) !&!*#$!.2-+-(*$'-(L!/&5)!I*$'/&.$!.&2+$!)!2-F!-#!$' (&!,)''$!%-($!.()..$3!! /&.)!2-F!/&5*#-X!*#!-#.)#.$(&!%&++L!0-'&.&0)11-$+)! .*!,-!)..&!)!'&!2)#.)+L!/&5)!.)!0&..)!I*$'/&.$!,-!, -%)+.&X!)22*+)!*#!%)//?-&! D !!$'E)+&!,-!2-#&!2+),-/$!'$!.$11)77$;!)!*#!*//)''&!.) '%$(-/&!1+-,$!$!1+$#!%&/)!'$!8)+-(La!e!! !! !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! # !R>)@.&!1.&,2P-<!B2+E!G.C7<!PQP!6(&+-)[email protected])#<!K*.EC9-<!F-E2&)<!5$$3<!Ca!#Aa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 5/ !kaQa!1+,+P-<!6$11-!.*'!E*,,?-.5&[email protected])#<!S)E+M.!#<!F.*-'.((2&..<!G)M2<!#V3/<!Ca!5#a!!l.(&2&*)!67C+.E27<!D'!%*&(&Y!+-0')..-&#-!.*''&!.2$7-&!-#!$+/?-()((*+$ <!!F2(-&)''-!6*-,-)&-<!F-E2&)<!5$$/<!Ca!#HDa! AD !KE2&!;2''7<!R$!%-$!,)''&!7)# <!F-E2&)<!l.E'(-&.EE-<!5$$3<!!Ca!#"3a!!KE2&!;2''7<!R&[email protected])#Y!*#!5&,&!,-!%-($;!'$%&+&!)!$+()!-#!).(+)5&!& +-)#()<!!])MC-2&-<!F-E2&)<!5$$#<!Ca!5HN53a! #/!#D! !!

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
architettura contemporaneagiapponese
architettura giappone
architettura tradizionale giapponese
giappone
kengo kuma
luce
sanaa
tadao ando
tesi architettura
tesi architettura giappone
tesi giappone
vuoto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi