Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili costituzionali del diritto alla difesa nel processo penale

La presente tesi ha ad oggetto la disamina del diritto di difesa nel processo penale, quale principio inviolabile riconosciuto dalla Carta costituzionale all’art. 24. L’interesse verso tale tema scaturisce dalla posizione di garanzia di questo rispetto a tutti i diritti fondamentali dell’uomo sanciti nella Carta Costituzionale e di baricentro dei mezzi di garanzia dei diritti e delle norme organizzative destinate a dare concretezza alla tutela della libertà.
Le problematiche sottese, dunque, al primo capitolo concernono anzitutto la costruzione teleologica di tale principio durante i lavori in Assemblea Costituente, avendo riguardo da una parte ai fondamenti linguistici di una formulazione –quale quella dell’art. 24 Cost. – che si contraddistingue per la sua ampiezza ed genericità, e dall’altra, al contesto storico, giuridico, sociale entro cui veniva ad immettersi una norma, che considerate le caratteristiche sopra citate, già riecheggiava l’apertura verso un modello ordina mentale aperto all’introduzione dei canoni internazionali che contemporaneamente si andavano diffondendo nel mondo occidentale.
L'art. 24 Cost. ha funzionato da chiave di volta e da collante tra la garanzia di tutela del diritto di difesa e la realizzazione della giustizia, quale diritto incomprimibile della persona umana, edificando così una norma di pari contenuto rispetto all’art. 6 della C.E.D.U. – all’epoca ritenuto di forza eguale alle leggi ordinarie – ma interno al nostro ordinamento ed inserito tra i principi supremi dello stesso.
Dopo aver esaminato le garanzie sottese all’art. 24 Cost., nel secondo capitolo è stato dapprima attenzionato il periodo di transizione del sistema giudiziario italiano avutosi nel corso degli anni novanta, avendo particolare riguardo alle peculiari contingenze verificatesi in quegli anni, alla diatriba sorta tra dottrina (e avvocati) e giurisprudenza sul significato di giusto processo, in assenza di una norma costituzionale che lo esplicitasse ed infine all’introduzione del rito accusatorio.
Più specificatamente, sono state prese in considerazione le c.d. sentenze “additive”della Consulta che hanno fondato sulla ricerca della verità, intesa quale specificazione del principio di non dispersione delle prove raccolte, anche al di fuori del dibattimento, la decisione giusta, e quindi quel giusto processo avuto di mira dal modello internazionale che con sempre più forza chiedeva la sua osservanza.
Il primato riconosciuto dalle pronunce dei giudici costituzionali al principio di non dispersione della prova, e quindi a quello dell’efficienza giudiziaria, sulle garanzie imposte dal contraddittorio, e più in generale, dal diritto di difesa e dall’egalitès des armes risultava intimamente dissonante con la cornice costituzionale di riferimento, la quale – per specifico intento dell’Assemblea Costituente – aveva anteposto nella scala gerarchica dei diritti la persona e i suoi diritti inviolabili.
Per tali motivazioni si è addivenuti alla riforma sul giusto processo con la legge cost. nr. 2 del 1999, la quale non solo ha consentito l’ingresso delle disposizioni proprie della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali, ma ha altresì fatto assurgere il principio del contraddittorio tra le parti, anche nella formazione della prova, a fondamento di tutti i procedimenti giurisdizionali, dissolvendo, quindi, definitivamente le ostilità di parte della magistratura che mal si era adattata al metodo dialettico di formazione della verità processuale.
Da ultimo, si è analizzato il quadro internazionale entro cui viene ad inscriversi la disciplina costituzionale, nel pieno convincimento della rilevanza che hanno avuto nel processo di riforma costituzionale italiana le pronunce della Corte Europea dei diritti dell’uomo, che, rinunciando alla posizione elitaria pur posseduta, ha saputo con gran maestria accogliere in se stessa il principio più coerentemente democratico del dialogo con le altre Corti, e quella di Giustizia e le singole Corti nazionali, andando così a comporre un sistema mobile di diritto processuale, che racchiude in sé le grandi tradizioni giuridiche europee, di civil law e di common law.
Tanto equivale a significare che la Corte europea non solo si è posta come suo fine ultimo la effettiva realizzazione di un diritto ad un processo equo, ma, con le sue sentenze, ha altresì tracciato il percorso mediante il quale raggiungere tale obiettivo; in particolare sul tema delle prove, ha intrapreso l’iter di lenta ma costante omogeneizzazione dei sistemi processuali di matrice inquisitoria e accusatoria, al fine di soddisfare contemporaneamente le diverse esigenze del garantismo della posizione dell’imputato/indagato e del pieno accertamento dei fatti costituenti reato.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Premessa Il complesso sistema delle fonti normative in materia di diritto alla difesa. La presente tesi ha ad oggetto la disamina del diritto di difesa nel processo penale, quale principio inviolabile riconosciuto dalla Carta costituzionale all’art. 24. L’interesse verso tale tema scaturisce dalla posizione di garanzia di questo rispetto a tutti i diritti fondamentali dell’uomo sanciti nella Carta Costituzionale e di baricentro dei mezzi di garanzia dei diritti e delle norme organizzative destinate a dare concretezza alla tutela della libertà. Invero, garantire la possibilità di adire l’autorità giurisdizionale per la tutela di propri diritti ed interessi legittimi equivale a consacrare quel modello di civiltà giuridica e democratica cui aspiravano i Padri Costituenti allorquando posero a valore di base del sistema costituzionale positivo la persona umana e la sua tutela. La portata peculiare del diritto alla difesa scaturisce non solo dalla sua natura di sede imprescindibile di affermazione della dignità umana nell’ambito dei sistemi democratici, ma anche dalla singolare interazione e coordinamento delle norme e della giurisprudenza tra diritto statale, comunitario ed internazionale. Ciò ha comportato nella redazione del presente elaborato la suddivisione delle tematiche in due linee fondamentali, la prima incentrata sullo sviluppo interno dei diritti fondamentali riconosciuti alla persona, ed in particolare il diritto alla difesa e le sue specificazioni all’interno dell’art. 111 Cost., così come riformulato dal Legislatore Costituzionale del 1999; la seconda è tesa ad esplicare l’articolato sistema multilivello di tutela entro cui trova riconoscimento e garanzia il diritto in oggetto. Dalla lettura del testo agevolmente si evincerà un taglio nell’analisi della materia, proprio in considerazione della molteplicità delle questioni ad essa connesse, e della impossibilità di poter trattarle tutte in modo esaustivo. Lo schema di sotto proposto vuole, pertanto, essere di agevolazione alla comprensione del nucleo essenziale da cui la presente tesi prende l’avvio.

Tesi di Dottorato

Dipartimento: istituzioni, amministrazione e libertà

Autore: Silvia Siciliano Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8422 click dal 29/10/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.