Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cittadinanza come meccanismo di esclusione. Percorsi storici e continuità di lungo periodo.

Storia della migrazione tra 1800 e 1900 dall' Europa agli Stati Uniti. Parallelismi con l'attualità per ciò che riguarda i meccanismi sociali, politici e antropologici volti a criminalizzare lo straniero e a privarlo del godimento dei diritti umani. Dibattito filosofico sull'attualità dell'istituto della cittadinanza e sulla sua eventuale funzione esclusiva piuttosto che inclusiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione “Nella sua complessa fenomenologia storica, il discorso della cittadinanza provvede ad attribuire diritti secondo strategie retoriche tanto variabili quanto sono diverse le società e le culture prese in considerazione. Mutano a seconda dei contesti, tanto i soggetti cui il discorso attribuisce diritti, quanto il fondamento che esso invoca a 1 sostegno della sua attribuzione”. Con queste parole Pietro Costa offre la giusta lente attraverso cui sarà filtrato tutto il successivo discorso storico-filosofico sulla cittadinanza. L'obiettivo dell'indagine è volto a ripercorrere le vicissitudini storiche e le implicazioni dello status di cittadinanza nell'ambito dell'inclusione ed esclusione dello straniero (intendendosi per straniero l'immigrato), con particolare riferimento all'epoca moderna, in cui si sono imposte, grazie all'afflusso di ingenti ondate migratorie prima negli Stati Uniti e poi in Europa, le istanze di una società sempre più multiculturale. La questione della cittadinanza è una delle tante questioni, come quella dell'immigrazione, che attengono alla grande problematica dei confini dell'autorità statale e in particolare dei limiti della sovranità politica del potere statale nel rapporto con la libertà individuale; come è vista storicamente espressione di sovranità il potere di regolare l'entrata e l'uscita dai confini dello Stato, così è vista espressione 2 dell'autorità statale il potere di concessione della cittadinanza. Il ruolo svolto dall'appartenenza è anche quello di definire i soggetti interni ad un dato confine di sovranità ed implicitamente anche quello 1 Pietro Costa, Cittadinanza, Roma-Bari 2005, pag 5 2 BENHABIB S., Introduzione a I Diritti degli Altri, Stranieri, Residenti, Cittadini, Milano 2006 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Potenza Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1145 click dal 08/11/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.