Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Associazione di tipo mafioso e Sacra Corona Unita. Analisi della giurisprudenza relativa al fenomeno mafioso nel territorio salentino

Ciò che mi ha spinta a occuparmi del tema “mafia” nel territorio pugliese e salentino in particolare è l’amore per la mia bellissima terra, unito alla passione per le tematiche mafiose che da tempo coltivo e che con il presente lavoro ho avuto la possibilità di sviluppare.
Ho voluto raccontare la nascita e l’evoluzione di un fenomeno che ha tentato, per alcuni versi riuscendoci, di oscurare la bellezza e il fascino di una terra ricca di cultura e di tradizione. Come già era successo in tempi remoti in Sicilia, in Calabria e in Campania, ora anche la Puglia, da terra del sole e del mare, dell’accoglienza e del sorriso, diviene “terra di mafia”.
Gli anni ’80, in Puglia, segnano l’inizio di una nuova stagione: sotto l’egida della ‘Ndrangheta calabrese, la più sanguinaria delle mafie italiane, nasce la Sacra Corona Unita, un’associazione per delinquere da subito ben strutturata, dotata di uno statuto, composta da numerosi criminali locali, capeggiata da un capo fortemente carismatico e ben collocata sul territorio. Ben presto la S.C.U. si rende protagonista di violenti fatti di sangue e di sequestri di persona, si dedica stabilmente all’estorsione, sfrutta il contrabbando di tabacchi lavorati esteri e dà vita ad una serie di traffici criminali via mare, da e per le coste albanesi, montenegrine, greche e turche, che vanno dal traffico di stupefacenti e di armi alla tratta di esseri umani. Con il tempo la S.C.U. prende maggiore consapevolezza della propria forza criminale e inizia ad acquisire una capacità intimidatoria che le consente di iniziare ad operare sul territorio in modo meno eclatante ma più subdolo: si infiltra nel settore economico, dedicandosi al controllo degli appalti pubblici, al riciclaggio, alle aste giudiziarie, al controllo, diretto o indiretto, di aziende e all’usura a tassi di interesse fino al 300%.

Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                                            !                            "                                                   #                                 $                  %                                                &                   '  (  )     *             + ,    -./0$/1 *   !                  " " 2-1345                                                      &                                                !       &                           ,                                  !              ! "     #  

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gloria Di Mauro Contatta »

Composta da 317 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2897 click dal 04/11/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.