Skip to content

Societing multicanale di una startup innovativa: il caso Itsme

Informazioni tesi

  Autore: David Carollo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e Tecniche della comunicazione
  Relatore: Giorgio De Michelis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 291

Il presente elaborato costituisce la tesi di Laurea Magistrale in Teoria e Tecnologia della Comunicazione presso l’Università degli Studi Milano Bicocca. Intende rappresentare una panoramica sugli attuali scenari (con relative problematiche e complessità) che le aziende, spesso troppo impreparate al riguardo e troppo attaccate a modelli non più validi, si trovano ad affrontare nel mercato del primo decennio del XXI secolo; al tempo stesso vuole fornire spunti e possibili linee guida per provare ad affrontarle con successo, con una chiave di lettura più adatta alle caratteristiche globali e postindustriali della società in cui viviamo. I consumatori sono cambiati e di conseguenza devono farlo anche il le aziende che vogliono rimanere al passo coi tempi. Nuovi media, nuovi approcci, nuovi canali, nuovi punti di contatto e nuove modalità di intrattenimento degli stakeholder devono essere quindi ben definiti e progettati secondo lo spirito dell’azienda e il contesto di interesse. Analizzerò nuovi trend e nuove prospettive di marketing e comunicazione, con alcuni riferimenti a casi noti, ed illustrerò i progetti che ho realizzato, riguardanti un piano di comunicazione integrata per Itsme, la startup per cui ho svolto il tirocinio professionalizzante in qualità di addetto Marketing & Comunicazione, oltre che focus realizzativo del mio progetto di tesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
David Carollo - Societing multicanale di una startup innovativa: il caso Itsme - CdL Magistrale in Teoria e Tecnologia della comunicazione - a.a. 2009/2010 Log-in Passaggio d’epoca. Transizione d’epoca. Espressioni che appaiono enfatiche, artifici retorici più tesi a sottolineare l’intensità del mutamento in atto, sull’impatto delle nuove tecnologie, soprattutto quelle informatiche sul mondo della produzione, della comunicazione, della quotidianità, a dare conto di una realtà del tutto inedita che si disvela e va prendendo consistenza davanti ai nostri occhi. Non vi è però alcuna esagerazione in questi termini. Il cambiamento non è mai stato tanto rapido e tanto pervasivo. Un’epoca va ormai volgendo al termine. Quella, per intenderci, positivista, razionalista, tecnocentrica, della fede nel progresso lineare e delle verità assolute, della standardizzazione, della produzione e dei consumi, del primato della produzione, della subalternità del consumatore. Anche se una parte ancora maggioritaria (ma per quanto?) della popolazione vive e condivide il sistema di valori e di stili di vita dell’epoca che si avvia al tramonto, a questa si vanno affiancando nuovi soggetti - ancora allo stato nascente ma già in grado di esercitare una reale egemonia - che bene interpretano la discontinuità e catalizzano il nuovo che emerge. Comincia così a profilarsi un vistoso e inquietante ritardo tra i modi di vivere e di pensare, le esperienze partecipate da una parte significativa ed emergente della popolazione e il sapere e il bagaglio teorico delle istituzioni del decision making pubblico o privato che dovrebbero gestire, o comunque ben conoscere, le dinamiche del cambiamento sociale e dei mercati. Lasciamo l’epoca delle certezze e delle ideologie e ci inoltriamo nella stagione del frammento, della pluralità, della volatilità, della molteplicità dei punti di vista per adottare nuove categorie guida del vivere sociale, anche nel rispetto della diversità. Non disponiamo ancora di mappe dettagliate per procedere senza perderci nei meandri della nuova società, di una bussola per trovare vie d’uscita o d’entrata in quei percorsi che appaiono confusivi, magmatici, ambigui. Non è un caso che come affresco della società nuova venga sovente indicato il labirinto. Rullani osserva come la ricerca del “nuovo” che segna il passaggio di secolo non sia solo moda ma qualcosa di più: “un bisogno pratico, un’ansia intellettuale di segnare una demarcazione che dia conto di una sensazione che un po’ tutti abbiamo: la sensazione di vivere un’epoca di discontinuità rispetto al paradigma classico elaborato durante il secolo del fordismo e vigente come modello di riferimento fino al 1970 almeno (Rullani,2005). Da allora ci stiamo allontanando da un centro di gravità senza averne ancora trovato un altro”. Eppure dobbiamo inoltrarci con determinazione in questi territori - come i grandi esploratori dei secoli scorsi che si avventuravano al di là dei confini invalicabili, dell’hic sunt leones e delle colonne d’Ercole, con strumentazioni rudimentali - se vogliamo comprendere il nuovo che ci circonda, per gestire la crescente complessità senza esserne travolti. La società industriale o moderna - quella che ci stiamo lasciando alle spalle -, quando doveva affrontare un problema complesso, cercava di semplificarlo o di suddividerlo analiticamente in tanti problemi semplici. Adesso questo approccio non è più proponibile. Non è possibile ricostruire la complessità studiando le singole parti del sistema: occorre un approccio che insieme sia sistemico, intersettoriale, inter(multi) disciplinare. Per affrontare problemi complessi prendiamo ora consapevolezza che dobbiamo dotarci di strumenti complessi e trovare comunque soluzioni complesse. In un’epoca di transizione la complessità, che pure aveva visto un costante accentuarsi negli ultimi decenni, subisce un’ulteriore forte accelerazione per il suo scon(incon)trarsi con i lineamenti della nuova epoca. Complessità significa varietà e variabilità, ossia estrema duttilità e flessibilità nell’aderire a contesti o situazioni differenti. La complessità è la risultante del sommarsi di tre processi fondamentali e del sistema di interazioni che generano: la differenziazione, la variabilità e l’eccedenza delle possibilità che ciascuno di noi 12

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi