Skip to content

La videoarte tra le arti multimediali

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Casole
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Operatore beni culturali
  Relatore: Michela Scolaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

Dopo aver esposto, anche se in modo parziale ovviamente, varie tipologie di arti multimediali, e passato in rassegna i loro interpreti, nonché le varie proposte estetiche conseguenti, sia dalla critica che dagli autori, utilizzando come intercodice l’immagine video, credo che diventi sempre più manifesta la tesi dei miei obbiettivi iniziali, secondo cui la video arte e le arti multimediali appartengono ad uno stesso campo della storia dell’arte.
Il voler procedere in maniera catalogativa ed univoca ad uno studio estetico della vicenda, allontana da una visione probabile, oltre che possibile, verso una interattività tra diversi mezzi espressivi, una contaminazione orizzontale e verticale tra i vari generi, anzi tra tutto lo scibile tecnologico che usa come matrice l’immagine, prima analogica poi digitale. A mio parere la discriminate temporale alla nascità della video arte fu l’esigenza di una esclusiva comunicazione partecipativa sociale comune: rendere l’arte sempre più fruibile a tutti, sempre meno univoca nella sua ricerca, più aperta verso un arte della rappresentazione, dove nello spazio artistico, che nella sua evoluzione storica diventa prima ambiente, poi multimediale, infine interattivo, lo spettatore, gli attori impiegati, entrano tutti insieme nel progetto dell’autore, che diviene collettivo. Ad esempio proviamo a pensare a quanta rilevanza hanno avuto i cambiamenti sociopolitici in atto negli anni Sessanta in Europa e nel Mondo? Io credo che solo in quel determinato momento storico di apertura, e di confronto politico costruttivo, verso un processo irreversibile di globalizzazione tecnologica e di democrazia, poteva nascere la video arte in senso stretto e lo sviluppo di differenti percorsi artistici multimediali, un esigenza di comunicazione e contaminazione planetaria, basti pensare agli eventi itineranti Fluxus.
C’era la necessità manifesta, profonda, di rappresentare il mondo intero attraverso il video, come fecerò Nam June Paik, Wolff Vostell e molti altri, attraverso, spesso, la ripresa televisiva “in diretta”, in contesti museali o di happening, dove si mostravano contemporaneamente vicende di mondi lontani, differenti, metropolitani o rurali. Una spinta intellettuale nelle diverse vicende artistiche che definirei situazionista, cioè di apertura ma anche psicogeografica, legata al contesto socio-ambientale.
Potrei dilungarmi sulle diverse accezioni estetiche delle nuove arti digitali e tutte le problematiche morali e storico-artistiche conseguenti, ma credo di averlo esposto, anche se in modo ristretto e a volte quasi didascalico, ma in caso contrario non sarei riuscito a mantenere il filo di una esposizione estetica e critica il più completa possibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La videoarte, come vedremo, nasce, per la maggior parte della critica, negli anni Sessanta in Germania e quasi in concomitanza negli Stati Uniti, con i lavori di Nam June Paik e Wolf Vostell, artisti appartenenti al movimento Fluxus. Altri ne vedono l’origine nella sperimentazione televisiva della rete WGBH di Boston, altri con i lavori di Lucio Fontana negli anni Cinquanta- Sessanta. L’origine temporale è fatta coincidere con la mostra Exposition of Music Electronic Television di Nam June Paik, nel 1963, alla Galleria Parnasse di Wuppertal, in Germania. Il termine video art venne invece coniato dal mercato d’arte newyorkese, subito dopo, nel 1968, a seguito della personale Electronic Art dello stesso Paik. La videoarte in senso stretto si inserisce nell’ambito del movimento artistico internazionale Fluxus, e per tali ragioni termina nel 1979. Per quanto concerne le arti multimediali, ovvero quelle che utilizzano più mezzi espressivi tecnologici, ma nel nostro caso l’indagine è limitata all’uso della immagine video, hanno origine in differenti campi, non facilmente delimitabili a causa della loro multidisciplinarità espressiva: teatro, cinema, arte, tecnologia audio e video sperimentale. Si arriva alla conclusione che per le arti multimediali è impossibile definirne le origini, ma indubbiamente il processo formativo, sperimentale, evolutivo delle arti multimediali segna un percorso che parte dalle avanguardie storiche del Primo Novecento, fino alle ultime evoluzioni delle arti cibernetiche e virtuali, verso una complessa arte della rappresentazione. Il momento di passaggio tra due diverse possibilità è stato indubbiamente l’uso del digitale. I lavori che più mi hanno ispirato nel delineare obbiettivi e percorsi sono stati i testi di Angela Madesani Le icone fluttuanti, storia del cinema di artista e della videoarte in Italia e, di Andrea Balzola e Anna Maria Monteverdi, Le 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arti multimediali
videoarte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi