Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi fitosociologica e sinfitosociologica del territorio compreso nella parte orientale del “Distretto Strada Maestra” e dei processi diacronici della vegetazione nel Comune di Pietracamela (Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga)

La Tesi di Dottorato di Ricerca che viene presentata si articola in due parti delle quali la prima consiste nella presentazione delle ricerche condotte sulla vegetazione e gli habitat presenti nel territorio compreso nella parte orientale del “Distretto Strada Maestra” (di circa 15000 ha), nel Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga (Abruzzo).
La seconda parte della tesi riguarda lo studio dei processi diacronici della vegetazione, condotto in un’area del territorio del Comune di Pietracamela, in cui l’abbandono delle attività agricole e silvo-pastorali, ha determinato, la ripresa dei processi evolutivi della vegetazione. Gli approcci metodologici utilizzati per lo studio della vegetazione, di tipo fitosociologico e sinfitosociologico, hanno comportato l’integrazione dei dati di natura biologica (flora e vegetazione) con quelli fisici del territorio (geomorfologia e bioclima).
Sono state inoltre prodotte cartografie digitali elaborate in ambiente Gis, in cui si collegano i poligoni cartografici con i dati riguardanti l’analisi integrata dei dati vegetazionali, le matrici di transizione, utilizzate nelle analisi diacroniche e i dati di tipo storico e socio-economico.
Lo studio dei processi diacronici della vegetazione ha portato ad evidenziare le fasi di recupero della vegetazione su campi e praterie abbandonate, che sono direttamente collegabili al declino dell’economia montana e quindi alla trasformazione socio-economica della zona. Nei processi di recupero della vegetazione un ruolo particolarmente importante gioca Juniperus communis il quale si presenta in aspetti diversi che hanno richiesto un approfondimento di tipo tassonomico, a livello subspecifico, che viene commentato per gli aspetti morfologici e relazionato con le condizioni ecologiche di sviluppo delle popolazioni (geomorfologia e bioclima).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE GENERALE. Il Distretto “Strada Maestra”, localizzato nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nell’Appennino centro-meridionale, ha un’estensione di circa 42.000 ha, nel territorio Nord- occidentale della Regione Abruzzo, province dell’Aquila e Teramo, nella Regione Lazio provincia di Rieti e nella Regione Marche, provincia di Ascoli Piceno. L’area in studio è la porzione orientale del Distretto, ricadente nella provincia di Teramo ed è caratterizzata da una grande varietà di ambienti che ne determinano un’elevata diversità abiotica e biotica. Il presente lavoro si articola in due parti, delle quali, la prima consiste nella presentazione delle ricerche condotte sulla vegetazione e gli habitat presenti nel territorio compreso nella parte orientale del “Distretto Strada Maestra” (di circa 15000 ha), condotta dal gruppo di ricerca coordinato dal Prof. Edoardo Biondi, dell’Università Politecnica delle Marche (Ancona) a seguito di un progetto di analisi di monitoraggio della biodiversità a livello territoriale, finanziato dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga con i fondi del Ministero dell’Ambiente. Al progetto di ricerca hanno partecipato anche ricercatori dell’Università dell’Aquila, coordinati dal Prof. Gianfranco Pirone, che hanno indagato la parte occidentale dello stesso distretto. La seconda parte della presente tesi riguarda lo studio, condotto esclusivamente dal sottoscritto, dei processi diacronici della vegetazione, in un’area del territorio del Comune di Pietracamela, situato all’interno del Distretto “Strada Maestra”, in cui l’abbandono delle attività agricole e silvo-pastorali, ha determinato la ripresa dei processi evolutivi della vegetazione. Lo studio dei meccanismi e delle tipologie vegetazionali che intervengono in questi processi è, infatti, importante per comprendere come la vegetazione naturalmente recupera e quindi assume una fondamentale importanza per l’attuazione di una razionale gestione dell’ambiente. Affiancato a questo studio vengono esposte delle considerazioni sulle entità critiche rinvenute nel territorio indagato riguardo alla tassonomia delle subspecie della specie Juniperus communis. In particolare delle subspecie hemisphaerica e intermedia.

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento SAPROV

Autore: Simone Galassi Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 627 click dal 02/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.