Skip to content

Alighiero Boetti: storia di una letteratura critica

Informazioni tesi

  Autore: Eva Tarei
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Carla Subrizi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Storia della fortuna critica di Alghiero Boetti.
La decisione di seguire la linea del tempo cronologico è stata presa proprio per giocare con l'artista. Volevo provare a sfidare le sue regole, scoprire se davvero è stato un giocatore sublime, superiore a tutti. L'opera di Boetti è restia ad una catalogazione filologica, ci scappa, ci sfugge proprio nel momento in cui stiamo per convincerci di averla in pugno. Ripercorrere cronologicamente la storia della letteratura critica di un artista la cui opera già all'inizio viene ritenuta sfuggevole, è un bluff. L'intero lavoro mi è servito per giungere alla conclusione che più ci si affanna a mettere le cose in ordine, più queste sembra che si divertano a porsi disordine. È come tentare di inscatolare qualcosa di impalpabile, un po' come l'ombra di Peter Pan, sempre sfuggente, sempre ironica e sorniona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
UNA PREMESSA Perchè una storia della letteratura critica su Alighiero Boetti? Fino a qualche mese fa, ad essere sincera,   non avevo mai sentito parlare di Alighiero  Boetti. Nei quattro anni passati a studiare nell'università precedente mi erano mancate le  basi della Storia dell'Arte che in questo ultimo anno a Roma mi sono state date. Durante  una delle lezioni con la professoressa Subrizi,   tra le numerosissime immagini che ci  venivano proiettate sullo schermo, la mia attenzione venne attratta da una in particolare.  Si trattava di una vecchia foto in bianco e nero che raffigurava due persone molto simili  che si tenevano per mano lungo un viale alberato. Il titolo era Gemelli. Mi sono chiesta  chi saranno mai questi due gemelli che si tengono per mano? Alighiero&Boetti, fu la  risposta.  Mi sembrava   un fatto  singolare,  una coppia  di  artisti   fratelli  e  per  di  più  gemelli. Poi iniziai ad informarmi, senza alcun motivo apparente, leggendo qua e là su  internet.   Sembrerà   sciocco,   ma   da   subito   ebbi   la   certezza   che   sarebbe   stato   lui   il  protagonista  della  mia   tesi.  Poi  mi  capitò  di   andare   a  marzo  a  Venezia  per  vedere  "Italics.  Arte  italiana tra tradizione e rivoluzione,  1968­ 2008",  curata da Francesco  Bonami. La prima opera in mostra non si trattava di "All"(2008), di Maurizio Cattelan, i  nove corpi coperti da un lenzuolo in marmo di Carrara, che ti accoglievano all'ingresso  di  Palazzo Grassi.  Era,   invece,  proprio  un'opera  di  Boetti.  Non riuscendo a   trovarla  dovetti chiedere. Mi risposero che si vedeva dalla finestra a fianco al guardaroba, che  dava  direttamente   sul   canale.  A  quel  punto   lo  vidi,   il   suo  Autoritratto   (1993),  una  scultura   in   bronzo,   a   grandezza   naturale,   surriscaldata   all'altezza   della   testa   da   un  dispositivo di resistenze elettriche, le quali, a contatto con il getto d'acqua che fuoriesce  da un tubo retto in mano, provocano nuvole di vapore. Nella didascalia c'era scritto che  l'opera era   stata   ideata  negli  anni   '70,  ma  realizzata  solo nel  1993.  Avrebbe dovuto  essere l'emblema della creatività della sua testa fumante, ma per uno strano scherzo del  destino ha rappresentato anche un'amara riflessione sulla vita dell'artista, morto per un  tumore al cervello nel 1994. Da quel momento ho deciso di scoprire di più della sua  vicenda artistica, della sua vita, del suo pensiero, ed ho scoperto un mondo. Anzi ho  scoperto una visione del mondo, molto più ampia e sfaccettata, una visione globale che  ti insegna a prenderlo per ciò che è, e a cercare di migliorarlo con le piccole cose, i gesti  minimi, le "felici coincidenze", come era solito chiamarle lui, quelle misteriose affinità  4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alighiero boetti
arte contemporanea
arte povera
artista
boetti
bonito oliva
critica d'arte
letteratura artistica
mappe
roma
torino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi