Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le moderne biotecnologie in agricoltura: spunti per una valutazione economica, sociale e ambientale

Le biotecnologie avanzate applicate all'agricoltura, analisi delle colture geneticamente modificate e maggiormente diffuse: mais e soia. Valutazione economica delle piante, con breve analisi ambientale e sociale

Mostra/Nascondi contenuto.
VII INTRODUZIONE Le biotecnologie sono destinate a diventare il fulcro di un�attivit� industriale, che rappresenter� per il XXI secolo ci� che le industrie basate sulla fisica e sulla chimica hanno rappresentato per il XX. L�intero sistema agroalimentare � oggi chiamato a mutare radicalmente la gestione del presente, secondo prospettive che lo proiettino in avanti, guardando al futuro. La nuova fase di sviluppo economico che abbiamo di fronte, alle soglie del terzo millennio, � imperniata sulla capacit� di utilizzare al meglio l�insieme delle tecnologie denominate �scienze della vita�. Grazie alle recenti scoperte dell�ingegneria genetica e alle biotecnologie, per la prima volta il genere umano pu� non soltanto sfruttare le propriet� dei viventi, ma anche modificarle in modo predeterminato per particolari fini produttivi, e persino creare nuove variet� che non si trovano in natura. La rivoluzione introdotta dalle biotecnologie avanzate non solo investe l�ambito scientifico, ma, attraverso le ormai innumerevoli applicazioni industriali e mediche, ha ed avr� sempre pi� forti ripercussioni sul piano economico e sociale. Numerose sono le analisi sull�impatto che le biotecnologie avanzate sortiranno in campo agroalimentare nel breve e nel medio termine.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Magda Riondato Contatta »

Composta da 269 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3427 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.