Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Correzione acustica di sale da concerto

L’acustica ambientale è la scienza che studia la propagazione del suono in locali chiusi o comunque in presenza di oggetti capaci di causare significativi effetti di assorbimento e riflessione. Ha le sue origini nelle civiltà antiche, da cui fu sviluppata in modo empirico allo scopo di realizzare ambienti dove il suono, la musica o la parola, potessero diffondersi ed essere recepite con chiarezza dagli ascoltatori. L’acustica ambientale divenne poi scienza nel XIX secolo grazie agli studi condotti da un fisico americano di nome Wallace Clement Sabine, che approfondivano i fenomeni di riverberazione e assorbimento del suono applicati alla progettazione ea alla correzione acustica di teatri e sale da concerto.
Dopo quasi poco più di un secolo dalla nascita dell’acustica ambientale come scienza questa tesi propone oggi lo studio di una stanza dalle caratteristiche il più generale possibile, già esistente, destinata oggi a scopi ricreativi, come concerti di musica leggera, conferenze o cinema, ma inizialmente progettata e costruita senza rivolgere alcuna attenzione nei riguardi dell’acustica.
La stanza viene sottoposta ad analisi acustiche preliminari sulla base di modelli di calcolo computerizzati che ci consentiranno di individuarne quali sono i difetti strutturali che compromettono la qualità dell’ascolto al suo interno. Successivamente, grazie ai dati ottenuti dalle precedenti analisi e sulla base dei parametri fisici dell’acustica, verrà proposto un programma di intervento che potrà essere eseguito alla stanza al fine di migliorarne la qualità dell’ascolto per le performance musicali. Nota bene che gli interventi non andranno a modificare la geometria catastale della stanza, bensì si tratterà di installare opportunamente dei dispositivi accessori per correggere l’acustica della stanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’acustica ambientale è la scienza che studia la propagazione del suono in locali chiusi o comunque in presenza di oggetti capaci di causare significativi effetti di assorbimento e riflessione. Ha le sue origini nelle civiltà antiche, fu sviluppata in modo empirico allo scopo di realizzare ambienti dove il suono, la musica o la parola, potessero diffondersi ed essere recepite con chiarezza dagli ascoltatori. L’acustica Divenne poi scienza nel XIX secolo grazie agli studi condotti da un fisico americano di nome Wallace Clement Sabine, che approfondivano i fenomeni di riverberazione e assorbimento del suono applicati alla progettazione ea alla correzione acustica di teatri e sale da concerto. Dopo quasi poco più di un secolo dalla nascita dell’acustica ambientale come scienza questa tesi propone oggi lo studio di una stanza dalle caratteristiche il più generali possibile, già esistente, destinata oggi a scopi ricreativi, come concerti di musica leggera, conferenze o cinema, ma inizialmente progettata e costruita senza rivolgere alcuna attenzione nei riguardi dell’acustica. La stanza viene sottoposta ad analisi acustiche preliminari sulla base di modelli di calcolo computerizzati che ci consentiranno di individuarne qiali sono i difetti strutturali che compromettono la qualità dell’ascolto al suo interno. Successivamente, grazie ai dati ottenuti dalle precedenti analisi e sulla base dei parametri fisici dell’acustica, verrà proposto un programma di intervento che potrà essere eseguito alla stanza al fine di migliorarne la qualità dell’ascolto per le performance musicali. Nota bene che gli interventi non andranno a modificare la geometria catastale della stanza, bensì si tratterà di installare opportunamente dei dispositivi accessori per correggere l’acustica della stanza. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Niccolò Fanfani Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3603 click dal 05/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.