Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sostenibilità: il PTR e il contenimento del consumo di suolo

La tesi è composta in diverse parti, si inizia con una definizione di consumo di suolo, vengono inquadrati i vari livelli normativi, verranno citate alcune esperienze sulla materia, si parlerà del Piano Territoriale Regionale del Piemonte e verranno introdotti i comuni caso studio su cui verranno sviluppate e applicate le ipotesi di norma. La sperimentazione ha avuto come obiettivo la simulazione di consumo di suolo nelle varie ipotesi di norma vagliate per la redazione del PTR 2009 del Piemonte, ma anche lo sviluppo di una metodologia in grado di risolvere quella porzione di norme basata su aspetti qualitativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Nel 1854 il "Grande Bianco" di Washington (l’allora presidente degli Stati Uniti, Franklin Pierce) si offrì di acquistare una parte del territorio indiano e promise di istituirvi una "riserva" per il popolo indiano. Ecco la risposta del capo Seattle, considerata ancora oggi una tra le più belle e più profonde dichiarazioni mai fatte sull'ambiente. “Così noi considereremo la Vostra offerta di comprare la nostra terra. Ma non sarà facile. Perché questa terra è sacra per noi. Questa acqua scintillante che scende nei ruscelli e nei fiumi non è solo acqua ma il sangue dei nostri antenati. Se vi vendiamo la terra dovrete ricordare che è sacra, e dovrete insegnare ai vostri figli che è sacra, e che ogni immagine spirituale riflessa nella chiara acqua dei laghi parla di avvenimenti e ricordi nella vita del mio popolo. Il mormorio dell'acqua è la voce del padre di mio padre. I fiumi sono nostri fratelli, spengono la nostra sete. I fiumi trasportano le nostre canoe e alimentano i nostri figli. Se vi vendiamo la nostra terra dovrete ricordarvi e insegnare ai vostri bambini che i fiumi sono nostri fratelli, e vostri, e che dovrete d'ora innanzi riservare ai fiumi tutte le gentilezze che riservereste a ogni fratello. Sappiamo che l'uomo bianco non comprende il nostro modo di pensare. Un pezzo di terra è per lui uguale a quello vicino perché egli è lo straniero che viene di notte e prende dalla terra tutto ciò di cui ha bisogno. La sua avidità divorerà la terra e lascerà dietro a sé solo il deserto...”

Laurea liv.I

Facoltà: Pianificazione del Territorio

Autore: Diego Polga Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2856 click dal 10/11/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.