Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

E se non fosse mai successo? Suggestionabilità e falsi ricorsi nella memoria dei bambini

Questa tesi è una ricerca bibliografica degli studi sulla memoria, in particolare quella autobiografica nello sviluppo del bambino.
Dopo una presentazione sommaria delle teorie sulla memoria e dei modelli che oggi usiamo come riferimento, abbiamo descritto l'organizzazione e la creazione dei ricordi personali del bambino, focalizzandoci sulle ricerche che hanno individuato quei fattori che possono influire sulla codifica del ricordo, lo modificano, arrivando anche a falsificarlo. Suggestione, tempo ed emozione sono alcuni esempi di elementi influenti.
Il tema della memoria è strettamente legato a quello della testimonianza. Quando un bambino deve testimoniare è importante controllare le influenze sui suoi ricordi, in modo che il racconto sia il più veritiero possibile. Le conoscenze sullo sviluppo delle capacità mnestiche diventano così una base per costruire le tecniche investigative da usare con i testimoni-minori.
La tesi mira quindi a presentare le ricerche che intrecciano lo studio della memoria a quello della suggestione e della testimonianza.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE E' così difficile non parlare troppo quando si interroga un fanciullo, specie se chi interroga è un pedagogo! Così difficile non suggestionarlo e, soprattutto, evitare la sistematizzazione dovuta alle idee preconcette e l'incoerenza 1 dovuta all'assenza di qualsiasi ipotesi direttiva! Questa citazione iniziale del lavoro di Piaget, vuole essere una presentazione del lavoro esposto in queste pagine, che mira ad una breve introduzione agli studi sulla memoria. In particolare si focalizza sulla struttura dei ricordi autobiografici, sulla loro creazione e sviluppo, sui fattori che possono influire a crearne di falsi o alla modificazione di quelli veri. Nelle fasi iniziali della creazione dei ricordi, infatti, queste influenze sono molto frequenti, studi e ricerche lo confermano. Nelle pagine che seguono ne presenteremo i risultati, rimandando all'ultimo capitolo per la descrizione delle ricerche più importanti. Proprio per via della suggestionabilità, i ricordi dei bambini, nei casi di testimonianza, sono oggetto di analisi per accertarne la credibilità. Infatti, nell'ambito giuridico lo studio della testimonianza infantile si è particolarmente sviluppato, per proteggere sia il minore- testimone, spesso vittima e unico a poter raccontare gli eventi, sia l'imputato, che potrebbe essere innocente ma vittima delle suggestioni della mente. Nei primi capitoli descriviamo quindi studi e risultati che riguardano lo sviluppo della memoria del bambino. Nell'ultimo capitolo invece sono riassunte le ricerche più importanti alle quali si è fatto riferimento. Piaget, La rappresentazione del mondo del fanciullo, Torino, Bollati Boringhieri, 1966. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Deborah Concas Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3804 click dal 10/11/2010.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.