Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo "spago dei ricordi". L'esordio letterario di Goliarda Sapienza

Il lavoro consiste nell'analisi delle prime due opere della scrittrice siciliana del secolo scorso, Goliarda Sapienza. Ci si è voluti soffermare sui romanzi autobiografici poiché di enorme valore letterario e indispensabili per la comprensione del suo più celebre L'Arte della Gioia, unico, tra i romanzi editi, osannato dalla critica.
Le opere prese in considerazione sono Lettera Aperta e Il Filo di Mezzogiorno, nonché una loro trasposizione teatrale della regista Maria Arena, dal titolo Io Ho Fatto Tutto Questo, del 2009. Lo spettacolo, tributo a Goliarda, è tratto da questi primi romanzi autobiografici dell'autrice, che raccontano di memorie perdute e poi ritrovate, dell'importanza di tornare indietro per riuscire ad andare avanti, della bellezza di rinascere dalle proprie ceneri.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Obiettivo di questo lavoro è analizzare le prime due opere di Goliarda Sapienza, scrittrice catanese, messa a tacere per troppo tempo e che solo adesso, grazie alla pubblicazione in Paesi europei, come Francia e Germania, sta iniziando anche in Italia e tra la critica ad avere un ruolo significativo nell’ambito della letteratura contemporanea. Ci si è voluti soffermare sui romanzi autobiografici, poiché di enorme valore letterario e indispensabili ai fini della comprensione del suo più celebre L’arte della gioia, unico tra i romanzi editi osannato dalla critica, anche se solo da pochi anni. Le opere prese in considerazione sono Lettera aperta e Il filo di mezzogiorno, nonché una loro trasposizione teatrale della regista Maria Arena, dal titolo Io ho fatto tutto questo, del 2009. Lo spettacolo, tributo a Goliarda, è tratto da questi primi romanzi autobiografici dell’autrice che raccontano di memorie perdute e poi ritrovate, dell’importanza di tornare indietro per riuscire ad andare avanti, della bellezza di rinascere dalle proprie ceneri; e nasce dalla volontà della regista di diffondere il nome di Goliarda Sapienza, parlando della fatica o, forse, del dolore di essere se stessi.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anita Gensabella Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2179 click dal 11/11/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.