Skip to content

L'etanolo e il biodiesel come alternativa al petrolio in Brasile. Conseguenze nell'economia e nell'agricoltura.

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Lima Battistini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Paolo Polinori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

Negli ultimi anni l’interesse verso i biocarburanti è cresciuto enormemente a causa di fattori politici, ambientali ed economici.
Emissioni nocive molto basse, il rialzo del prezzo del petrolio e la conseguente dipendenza estera di molti paesi hanno incentivato l’utilizzo di fonti di energia alternative e rinnovabili, come l’etanolo e il biodiesel.
Per la prima volta nella storia del Brasile, nel 2008 le vendite di etanolo come carburante per autoveicoli hanno superato quelle di benzina; gli scambi di biocarburante sono aumentati in un anno del 45%, raggiungendo la quota di circa 16 miliardi di litri venduti nei distributori sparsi nel Paese. Il dato si riferisce al solo etanolo idrato, che può essere utilizzato puro dalla maggior parte delle auto circolanti nel Paese sudamericano e non tiene in considerazione l'etanolo anidro, che deve essere miscelato alla benzina.
Quello che rende l’etanolo una fonte energetica attrattiva è la sua caratteristica di fonte energetica rinnovabile, mentre la benzina comune non lo è.
Meno inquinante e più conveniente della benzina, l'etanolo e' derivato in gran parte dalla canna da zucchero, attraverso un processo di fermentazione alcolica degli zuccheri presenti nella pianta.
L’utilizzo di materie prime come la canna da zucchero e il mais, hanno contribuito a creare un nuovo mercato di sbocco per i produttori agricoli.
Il paese sud americano è responsabile, congiuntamente con gli Stati Uniti, del 73% della produzione mondiale di etanolo.
Indicati da più fonti, tuttavia, come una delle cause principali dell'aumento dei prezzi dei generi alimentari, i biocarburanti sono da anni al centro di ricerche scientifiche volte a verificarne la validità come alternativa ai combustibili fossili.
Oltre alla competizione tra alimenti e carburanti, l’utilizzo di prodotti agricoli suscita timori riguardo alla deforestazione, alla degradazione dei suoli utilizzati e alla possibile distruzione delle biodiversità.
Con il seguente lavoro cercheremo di conoscere meglio questo nuovo carburante, analizzando come viene prodotto, quali sono i suoi impatti nell’agricoltura e nell’ambiente e quali possibilità ha nel mondo contemporaneo di sostituire il petrolio nell’economia brasiliana e in quella mondiale.
La prima parte sarà focalizzata nel contesto in cui l’etanolo viene prodotto, il Brasile, analizzandone l’economia ed i consumi energetici, dando uno sguardo alle politiche che hanno spinto storicamente il paese a puntare sulla produzione di biocarburanti.
La seconda parte analizzerà le conseguenze dell’utilizzo dell’etanolo e del biodisel nell’economia Brasiliana e nell’agricoltura in particolar modo. Cercheremo di capire poi, se veramente l’utilizzo di carburanti vegetali aumentino il prezzo dei prodotti agricoli nel mercato mondiale.
Dimostreremo che nel caso brasiliano, l’utilizzo di biocarburanti non contribuisce al rialzo dei prezzi mondiali degli alimenti e, oltre a creare una vera alternativa al petrolio per alimentare gli autoveicoli, abbatte le emissioni di gas serra e aumenta il numero di lavoratori impiegati in tutte le fasi della produzione.
La maggior parte dei dati economici sono stati ottenuti attraverso ricerche su internet, attingendo da pubblicazioni scientifiche e su banche dati di organizzazioni internazionali, oltre che da articoli di giornale. Nella seconda parte è presente un’intervista via mail con il segretario esecutivo della commissione interministeriale per i cambiamenti climatici globali, José D.G. Miguez .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi anni l’interesse verso i biocarburanti è cresciuto enormemente a causa di fattori politici, ambientali ed economici. Emissioni nocive molto basse, il rialzo del prezzo del petrolio e la conseguente dipendenza estera di molti paesi hanno incentivato l’utilizzo di fonti di energia alternative e rinnovabili, come l’etanolo e il biodiesel. Per la prima volta nella storia del Brasile, nel 2008 le vendite di etanolo come carburante per autoveicoli hanno superato quelle di benzina; gli scambi di biocarburante sono aumentati in un anno del 45%, raggiungendo la quota di circa 16 miliardi di litri venduti nei distributori sparsi nel Paese. Il dato si riferisce al solo etanolo idrato, che può essere utilizzato puro dalla maggior parte delle auto circolanti nel Paese sudamericano e non tiene in considerazione l'etanolo anidro, che deve essere miscelato alla benzina. Quello che rende l’etanolo una fonte energetica attrattiva è la sua caratteristica di fonte energetica rinnovabile, mentre la benzina comune non lo è. Meno inquinante e più conveniente della benzina, l'etanolo e' derivato in gran parte dalla canna da zucchero, attraverso un processo di fermentazione alcolica degli zuccheri presenti nella pianta. L’utilizzo di materie prime come la canna da zucchero e il mais, hanno contribuito a creare un nuovo mercato di sbocco per i produttori agricoli. Il paese sud americano è responsabile, congiuntamente con gli Stati Uniti, del 73% della produzione mondiale di etanolo. Indicati da più fonti, tuttavia, come una delle cause principali dell'aumento dei prezzi dei generi alimentari, i biocarburanti sono da anni al centro di ricerche scientifiche volte a verificarne la validità come alternativa ai combustibili fossili. Oltre alla competizione tra alimenti e carburanti, l’utilizzo di prodotti agricoli suscita timori riguardo alla deforestazione, alla degradazione dei suoli utilizzati e alla possibile distruzione delle biodiversità. Con il seguente lavoro cercheremo di conoscere meglio questo nuovo carburante, analizzando come viene prodotto, quali sono i suoi impatti nell’agricoltura e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agricoltura
biodiesel
bioetanolo
brasile
bush
canna da zucchero
carburanti vegetali
combustibili fossili
consumi energetici
deforestazione
effetto serra
efficienza energetica
energy act
etanolo
flexfuel
josé d.g. miguez
lula
mais
politica energetica
prezzi mondiali degli alimenti
proalcol
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi