Skip to content

Analisi dell’efficacia delle schermature solari: confronto fra un modello ideale e un caso di studio reale e validazione dei metodi di calcolo

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Sbriccoli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria edile - Architettura
  Relatore: Placido Munafò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 375

La tesi affronta il tema delle schermature solari e del loro contributo all’efficienza energetica degli edifici, un argomento ancora poco studiato soprattutto da un punto di vista sperimentale.
Fra tutti i sistemi utilizzati per la riduzione dei consumi, le schermature solari, ancora poco sfruttate in particolare in edifici destinati ad uso uffici e al terziario, sono classificate come sistema passivo per il controllo dei consumi energetici, poiché riducono la quantità di energia solare entrante evitando il surriscaldamento dell'ambiente interno senza utilizzare sistemi alimentati da fonti energetiche esterne; soprattutto se abbinate ad altri sistemi passivi per il raffrescamento, come la ventilazione naturale, le schermature solari consentono di ridurre in modo considerevole i consumi energetici legati agli impianti di condizionamento dell’aria. Le schermature solari, infatti, sono gli elementi dell'involucro edilizio che hanno il compito di proteggere dai raggi solari le pareti e le finestre dell'edificio, creando effetti d'ombra sulla superficie esterna dell'involucro ed evitando così che la radiazione solare provochi un innalzamento della temperatura interna dell'edificio.
Lo studio è iniziato con l’analisi delle varie normative in materia di efficienza energetica e apporti solari in presenza o meno di sistemi di schermatura, per comprendere le differenze fra i diversi approcci e metodi di calcolo da esse proposti.
Mediante l’uso di fogli di calcolo elaborati secondo le normative vigenti e di software di simulazione dinamica (Design Builder + Energy Plus e TRNSYS), si è passati poi alla valutazione degli apporti solari attraverso le finestre per due stanze ad uso ufficio di due diversi edifici:
• un modello ideale, costituito da due stanze, una esposta a Nord ed una a Sud con finestra schermata;
• un edificio reale, sito nella città di Ancona, del quale è stata studiata una stanza esposta a Sud e con una finestra schermata su questo lato.
Su entrambi i modelli sono stati poi variati alcuni parametri riguardanti le schermature e ne sono state valutate le differenze in termini di apporti solari mensili in tutto l’arco dell’anno.
Inoltre la conduzione di un’attività sperimentale di monitoraggio e acquisizione di grandezze ambientali (temperatura, radiazione solare, …) sull’edificio studiato ha permesso di comprendere la reale efficacia in fase estiva di quegli specifici sistemi di schermatura e, attraverso il confronto dei dati acquisiti con i risultati derivanti dai software di simulazione, la maggiore o minore affidabilità di questi ultimi.
Infine, constatata l’efficacia dei sistemi di schermatura per finestre esposte a Sud nel miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, attraverso il confronto fra i due casi studiati, dalle caratteristiche diverse ma con sistemi di schermatura simili, è stato possibile capire l’entità degli apporti solari attraverso le finestre esposte ad Est ed Ovest in tutto l’arco dell’anno nella città di Ancona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 5 INTRODUZIONE In questi anni assistiamo ad un risveglio dell’interesse verso le fonti di energia rinnovabili e verso l’efficienza energetica nella sua accezione più generale. Questa esigenza nasce da molteplici problematiche: da un lato quelle economiche legate all’aumento del prezzo degli idrocarburi, dall’altro quelle sociali derivanti da una maggiore “responsabilità ambientale” e da una crescente necessità di ritorno alla natura. Il rapporto uomo‐natura portato avanti fino ad ora, basato sullo sfruttamento indiscriminato delle risorse, non è più sostenibile, e la situazione di degrado ambientale in cui viviamo ne è una prova continua. Anche il mondo politico, seppur con lentezza, si è attivato in questa direzione e dal 1998, quando venne ratificato il Protocollo di Kyoto, molti provvedimenti per la tutela dell’ambiente sono entrati gradualmente a far parte della vita dei cittadini dei Paesi aderenti, come la certificazione energetica degli edifici e degli elettrodomestici o le classi di emissione di inquinanti per le automobili. Nel settore edilizio, in particolare negli ultimi dieci anni, c’è stato un forte impulso legislativo comunitario verso l’efficienza energetica. Allo stato attuale, però, la certificazione energetica degli edifici è ancora un concetto poco chiaro e aperto alle più disparate interpretazioni. Le ragioni di questa situazione vanno cercate in parte in una normativa non ancora completa ed esauriente ed in parte in una reale difficoltà tecnica nel prendere in considerazione alcune delle problematiche energetiche in edilizia. Nel sistema edilizio, infatti, entrano in gioco una grande quantità di parametri che influenzano il suo comportamento energetico; essi riguardano problematiche ambientali, strutturali, impiantistiche e perfino sociali e personali, dal momento che il comportamento degli occupanti può influire in modo determinante sui consumi energetici. Fino a pochi anni fa si pensava che il consumo di risorse da contenere fosse solo quello riferito al riscaldamento nel periodo invernale; in realtà la ricerca nel campo del miglioramento delle prestazioni termiche dell’involucro degli edifici riguarda oggi e in misura sempre maggiore, in particolare nei climi mediterranei, il periodo estivo. Basti pensare agli edifici destinati ad uso uffici e al terziario, dove, per la presenza di ampie vetrate e di un elevato numero di apparecchi elettronici che sono fonti di calore utili in inverno, si assiste in estate ad un elevato surriscaldamento, che rende necessaria l’installazione di impianti di raffrescamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apporti solari
ashrae
design builder
dgr 5796/2009 lombardia
efficienza energetica
energy plus
metodi di calcolo
monitoraggio grandezze ambientali
protocollo itaca
radiazione solare
schermature solari
trnsys
uni ts 11300

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi