Skip to content

La tutela penale del vincolo cautelare

Informazioni tesi

  Autore: Luca Mainieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Amalia Tranchino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

Oggetto specifico della tutela penale del vincolo cautelare è l’interesse concernente il normale funzionamento della Pubblica Amministrazione, nella più ampia accezione del termine, materializzata, nell’imposizione dell’osservanza di certe forme, di regola meramente simboliche, mediante le quali si manifesta la volontà dello Stato diretta ad assicurare cose mobili od immobili contro ogni atto di disposizione o di manomissione da parte di persone non autorizzate.
Il vincolo cautelare è genericamente disposto dalla pubblica autorità per scopo di prova, di garanzia, di prevenzione o di conservazione.
Si sono pertanto analizzate le condotte rivolte contro i sigilli, cioè i mezzi utilizzati per assicurare la conservazione o l’identità di una cosa. Individuando in essi il primo simbolo della presenza dello Stato e della sua azione.
Ed è proprio per la fondamentale importanza dell’interesse protetto con la loro apposizione che la giurisprudenza ha avuto modo di affermare che, ai fini della sussistenza del relativo reato, è irrilevante che l’imputato venga assolto dal reato-fine (ad esempio, costruzione abusiva) in occasione del quale furono applicati i sigilli, trovando la specifica esigenza statuale diretta ed autonoma tutela dell’art. 349 c.p..
I soggetti attivi sono stati individuati tra quelli che sottraggono, sopprimono, distruggono disperdono o eventualmente deteriorano una cosa sottoposta a sequestro, disposto nel corso di un procedimento penale o dall’autorità amministrativa ed affidata alla propria o all’altrui custodia, allo scopo di favorire il proprietario di essa o meno.
Comune denominatore nelle fattispecie di reato a tutela del vincolo è risultata la violazione attraverso una condotta resistente all’azione pubblica.
Analizzando l’ordito penale posto in essere dai legislatori e vista la dottrina sull’argomento risulta evidente che la questione sollevata rappresenti non solo problematiche interne alla materia ma, il fenomeno della violazione del vincolo, aggredisce tutte quelle dinamiche pubbliche sorreggenti i più basilari principi Costituzionali, quali quello di Legalità e buona Andamento della Pubblica Amministrazione.
Pertanto la Manus pubblica compie una tutela penale del vincolo cautelare in modo forte, articolato e puntuale, effettuando una persecuzione di questo reato in modo costante, in caso contrario il rischio sarebbe l’interruzione di tutti quei “circuiti” attraverso i quali l’azione amministrativa e giudiziaria si esprime.
Comprendiamo quindi che questo vincolo, attraverso l’apposizione dei “sigilli” rappresenta la prima “interfaccia” tra lo Stato ed il cittadino;
il primo confronto tra l’azione pubblica e la libera autonomia del Privato.
Il qual Privato una volta alterata e violata l’integrità dello stesso, non effettua solamente un gesto materiale significativo, ma crea un vulnus alla Pubblica Amministrazione ed al suo legittimo potere impositivo, attraverso un evidente gesto di aggressione e di disobbedienza all’azione pubblica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Oggetto di questo elaborato sarà l’osservazione della tutela penale predisposta dall’ordinamento nei confronti del vincolo cautelare, quale strumento di affermazione dell’autorità di governo e di garanzia del buon andamento. Verrà effettuata la disamina di alcuni casi esemplificativi della dottrina sulla materia attraverso l’applicazione degli strumenti giuridici previsti, dai quali si arriverà a desumere la particolare attenzione normativa posta in essere nell’ordito penale nei confronti delle problematiche che investono la tutela del vincolo cautelare. Nell’iter di questa analisi si esamineranno altresì le relative fattispecie di reato e le modalità di persecuzione delle condotte vietate, effettuando dei focus sulle questioni problematiche che sono emerse nella prassi giuridica italiana; acclamando che nella sua interezza la Pubblica Amministrazione, utilizza nel proprio modus operandi una particolare attenzione alla tutela di questo vincolo. Nello studio della tassonomia giuridica è da rilevare che nel titolo dei delitti contro la Pubblica Amministrazione si incontrano varie norme incriminatici di condotte che aggrediscono la custodia di cose disposta dalla pubblica autorità per scopi di garanzia, di prova, di conservazione o

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azione pubblica
custodia
penale
sequestro
sigilli
vincolo cautelare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi