Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della semiotica nella progettazione ipermediale

In questo lavoro di tesi si esplora l'utilizzo delle tecniche e delle metodologie semiotiche nella progettazione di prodotti digitali in particolare ipermedia e siti web.
La semiotica è stata tradizionalmente usata per l'analisi di testi letterari. Recentemente, con lo sviluppo dei nuovi media, si è cercato di estendere il dominio di applicazione dell'analisi semiotica a diverse tipologie di prodotti multimediali come i siti web, i video, i film, la pubblicità su Internet.
L'utilizzo della semiotica nella progettazione ipermediale è meno diffusa, ma ha suscitato, negli ultimi anni, un notevole interesse. Il motivo deve essere ricercato nella natura stessa dei prodotti ipermediali che vanno intesi come artefatti culturali la cui efficacia comunicativa non risiede soltanto negli aspetti tecnici, ma anche e soprattutto in quelli semiotici. L'ipermedia, infatti, può essere considerato come un sistema complesso di segni che fa da mediatore nella comunicazione tra il progettista e l'utente.
La tesi è organizzata in tre capitoli, nel Capitolo 1 prenderemo in considerazione due categorie di metodi per lo sviluppo di ipermedia: i metodi formali e i metodi empirici. I primi provengono tipicamente dal mondo accademico, e si ispirano a risultati noti nel campo della Ingegneria del Software e della Ingegneria dei Documenti. I secondi, derivano dal mondo professionale e incorporano le buone pratiche sviluppate nelle agenzie web.
Nel Capitolo 2 dopo una breve introduzione alla semiotica e, in particolare, alla teoria generativa del senso di Greimas si prenderanno in esame alcune esperienze di uso della semiotica nella progettazione ipermediale.
Il Capitolo 3 infine cerca di integrare alcuni aspetti dei metodi di progettazione ispirati alla semiotica in un modello tradizionale di sviluppo di siti web analizzando possibili vantaggi e limitazioni e identificando i problemi aperti.
L'obiettivo è quello di identificare le analogie e le differenze in modo da capire come gli approcci di ispirazione semiotica si collocano rispetto ad un metodo di sviluppo tradizionale e come e con quali vantaggi possano essere integrati in esso.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il Ruolo della Semiotica nella Progettazione Ipermediale 5 CAPITOLO 1 Metodi di Sviluppo di Ipermedia: il Punto di Vista Informatico 1.1 Introduzione Con il termine “ipermedia” indicheremo nel seguito un prodotto digitale, interattivo, con struttura non necessariamente lineare, che utilizza sia medium statici (ad esempio testi e immagini) sia medium dinamici (ad esempio suono, video). Una sottoclasse importante degli ipermedia è costituita dai siti web. Lo sviluppo di un ipermedia è un processo complesso che richiede conoscenze e competenze interdisciplinari e che dovrebbe essere svolto in maniera sistematica seguendo metodi precisi ed assestati in modo da garantire buoni livelli di qualità, usabilità, manutenibilità e riusabilità del prodotto sviluppato. Con il termine “metodo di sviluppo” intenderemo una descrizione del processo di costruzione di ipermedia che specifica: a) le fasi e le attività che lo sviluppatore/progettista deve seguire per produrre l'artefatto finale; b) l'ordine logico e temporale in cui tali fasi e attività vanno eseguite; c) il tipo di semilavorati che sono utilizzati all'inizio e sono prodotti alla fine di ogni fase d) gli strumenti e le conoscenze necessarie per affrontare ciascuna fase. In questo capitolo prenderemo in considerazione due categorie di metodi: i metodi formali e i metodi empirici. I primi provengono tipicamente dal mondo accademico, e si ispirano a risultati noti nel campo della Ingegneria del Software e della Ingegneria dei Documenti. I secondi, derivano dal mondo professionale e incorporano le buone pratiche sviluppate nelle agenzie web. I metodi formali privilegiano gli aspetti economici e pragmatici dello sviluppo di un prodotto digitale (efficienza del processo, economia di scala, funzionalità, qualità ). I metodi empirici sono più attenti agli aspetti di innovazione, creatività, personalizzazione del prodotto.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Fabio Degano Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3945 click dal 09/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.