Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dagospia.com: l'informazione non allineata

DAGOSPIA.COM: L'informazione non allineata
Vengono presi in considerazione ed analizzati gli aspetti salienti che caratterizzano il sito gestito da Roberto D'Agostino, fenomeno mediatico del momento.
Approfondimenti con analisi semiotica di articoli e reportage.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA La comunicazione ha subito un radicale cambiamento negli ultimi dieci anni con l’evoluzione di internet e la nuova possibilità di vivere l’aggiornamento in tempo reale di qualsiasi avvenimento con l’opportunità (impensabile fino a pochi anni fa) per chiunque di fare informazione da casa senza disporre di ingenti fonti economiche e tecnologie sofisticate (“citizen journalism”). Questa situazione ha portato alla ribalta nuovi personaggi che sono riusciti ad emergere nel “caos” dell’informazione del terzo millennio, ponendosi come punto di riferimento per migliaia di persone che quotidianamente accendono un computer per informarsi. Nel Maggio del 2000 compare nel world wide web Dagospia.com, sito realizzato e curato da Roberto D’Agostino, un ex critico di costume da tempo allontanato dalla tv che propone un modello di interazione “media-potere” senza precedenti, porta alla luce gli aspetti più marginali della politica agli occhi dei cittadini attraverso notizie indiscrete e “voci di corridoio” dei palazzi di potere, che riducono l’ambito “sacro” della quotidianità dei vip e delle Istituzioni a scandalose rivelazioni e sensazionali scoop che bruciano in tempestività anche le testate più affermate e attrezzate del nostro Paese. Il palcoscenico in cui Dagospia.com opera tutti i giorni è la società mediatizzata, i quali attori principali sono la politica, i cittadini e i media. La tipologia di fare notizia di cui stiamo parlando, è riferibile al modello del “giornalismo politico scandalistico”, che in questo periodo è tra le più ricercate dal pubblico per il modo in cui riesce a vestire i panni dell’occhio integerrimo a cui nulla sfugge, che scopre e svela al pubblico i retroscena di ogni azione politica ed economica che i canali statali nascondono. Riuscire ad ottenere un livello di 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Riccardo Fiacchini Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 996 click dal 10/11/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.