Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo, vittima del suo successo? Le dinamiche del fenomeno attraverso un semplice modello matematico.

La tesi di laurea propone un nuovo approccio alla classica economia del turismo.

Da fenomeno sociale positivo per l'economia di un Paese o una destinazione in generale, il turismo rischia infatti di convertirsi in un pericoloso effetto boomerang, soprattutto per l’ambiente e le risorse naturali, base della piramide su cui viene costruita l’intera offerta turistica di un luogo. Quali sono i rischi, gli equilibri possibili, le dinamiche nel corso del tempo, sono solo alcune delle domande a cui cercherà di dare risposta questo lavoro. Dopo una parte iniziale di definizioni e contenuti, si passerà ad analizzare prima le scelte del consumatore-turista secondo un approccio microeconomico. Poi, si guarderà ad un’analisi macroeconomica, ferma restando la staticità dei modelli proposti, che si limitano a “fotografare” un dato momento di interazione fra domanda e offerta di turismo. Per superare questi vincoli, passeremo quindi ad un modello discreto che studi l’andamento del fenomeno nel tempo, con particolare riguardo all’influenza negativa che un’eccessiva domanda può ripercuotere sull’offerta stessa. Il tutto grazie ad una modellizzazione matematica basata su alcune indispensabili semplificazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Eterogeneità e pluralità del prodotto turistico L'attività del turista, dal punto di vista economico, si manifesta con una domanda di beni e servizi nella località di destinazione: da questa domanda generano i problemi di produzione, di occupazione, di localizzazione ecc.., attorno a cui si costruisce il problema economico del turismo. Oggi il prodotto turistico viene identificato come un paniere di beni e servizi diversi. Attilio Gardini afferma: "la spesa turistica è costituita da una pluralità di beni eterogenei sul piano merceologico- produttivo e accomunati solo dal tipo di bisogno soddisfatto, o meglio dalla circostanza di essere acquistati durante o per le vacanze: trasporto, pernottamento, ristorazione, servizi ausiliari di spiaggia, divertimenti, shopping". Il prodotto turistico è inteso come un insieme di differenti beni e servizi domandati dal visitatore durante l’esperienza della sua vacanza. Le quattro classi fondamentali sono: i trasporti, l’alloggio e la ristorazione, le attività, lo shopping. Il prodotto turistico si presenta come una lista di prodotti eterogenei, dato che non esiste un’industria che produce l’intera gamma dei beni e servizi acquistati dai turisti e nessuna branca di attività economica produce solo beni e servizi destinati ai turisti. 13

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Bernardini Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1530 click dal 10/11/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.