Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Processo di certificazione dei prodotti WAP e problematiche di interoperabilità

Conoscere il protocollo WAP
Infrastruttrura WAP-Internet
WML
WMLScript
Test Suite per definire le proprietà di un WAP Browser
Applicazione WAP: Scommesse via WAP

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 INTRODUZIONE In questi ultimi tempi, gli operatori di telefonia mobile si sono posti il problema di creare ulteriore valore aggiunto alla propria offerta. Terminata la “guerra” per la copertura del territorio, dei prezzi e sulle funzioni sempre più intelligenti dei cellulari, l’unica strada che poteva recare un ulteriore valore aggiunto era quella di Internet. Un campo da esplorare per poter conquistare i vasti confini di pubblico e servizi, che solo la rete delle reti è in grado di assicurare. La prima azienda a lanciarsi in questa impresa è stata Unwired Planet (ora Phone.com) realizzando un microbrowser in grado di utilizzare l’ipertestualità per navigare in Internet senza alcun ulteriore dispositivo. Quasi contemporaneamente Nokia ha messo lo Smart Message, un protocollo in grado di interconnettersi ad Internet grazie al servizio SMS della rete GSM. Le idee sono state buone ma nessuna delle due ha dato risultati degli di nota. Mancava la chiave del successo: � La standardizzazione � Nessuna proprietà sul protocollo Così è stato. Motorola, Nokia, Ericsson e Unwired Planet, cioè il 75% del mercato della telefonia mobile mondiale, nel giugno del 1997 si sono unite creando il WAP Forum, con l’intento di studiare uno standard utilizzabile da tutti, assicurandosi facilità di diffusione, uniformità di tecnologie impiegate, compatibilità tra i vari sistemi, al fine di evitare gli alti costi miliardari per licenze se un protocollo avesse avuto successo sugli altri.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Borraccino Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1148 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.