Skip to content

Parsing di documenti XML in PHP5

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Manno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Biagio Lenzitti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

Lo scopo principale di questo lavoro di tesi è descrivere le caratteristiche principali del linguaggio XML, ed analizzare le possibilità offerte da un moderno linguaggio di programmazione per il web quale è il PHP, per l’analisi (parsing) e la manipolazione dei documenti descritti in questo nuovo paradigma per la strutturazione dei dati.

Nel primo capitolo descriveremo la storia dei linguaggi di markup, e le ragioni che hanno portato all’evoluzione di tali linguaggi verso lo standard XML.

Nel secondo capitolo descriveremo le caratteristiche principali del linguaggio XML, la sua struttura sintattica e il modello concettuale di un documento XML.
Definiremo i concetti di documento ben formato e di validazione di un documento; infine nel contesto della validazione descriveremo il concetto di schema e i due principali linguaggi di definizione di schemi: DTD e XML Schema.

Nel terzo capitolo analizzeremo il legame tra il linguaggio XML e i linguaggi di programmazione di uso generale.
Descriveremo i due principali paradigmi per la elaborazione dei dati contenuti nei documenti XML: lo standard DOM come modello di analisi di documenti XML che vengono rappresentati tramite strutture ad albero, e lo standard SAX come modello di analisi di documenti XML la cui dimensione impedisce il loro completo caricamento in memoria.

Nel quarto capitolo esamineremo come manipolare effettivamente un documento XML attraverso un linguaggio di programmazione specifico, il PHP, e dopo avere descritto brevemente la storia ed il suo utilizzo nel contesto dello sviluppo web, analizzeremo le librerie che PHP mette a disposizione per il parsing di documenti XML.
Di ognuna di tali librerie descriveremo le caratteristiche principali, le modalità di lettura e di manipolazione del documento, il supporto ai namespace e la possibilità, laddove essa è offerta, di validare il documento rispetto ad uno schema fornito.

Infine nel quinto capitolo faremo un confronto tra le librerie di parsing analizzate nel precedente capitolo.
Analizzeremo i punti di forza e di debolezza di ciascuna di esse, con l’obiettivo di definire un possibile criterio di scelta della libreria più adatta per le esigenze di una data applicazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il Web ha reso possibile comunicare con chiunque e in qualunque luogo. L‟evoluzione delle tecnologie web ha portato allo sviluppo di diversi standard per la fruizione da parte degli utenti dei contenuti pubblicati sul web. Esaminando le tecnologie disponibili a livello di interfaccie utente, gli standard attuali quali HTML, CSS e JavaScript consentono di creare una pagina e di visualizzarla sul browser degli utenti. Sebbene tali standard costituiscano uno strumento necessario per la definizione delle interfacce utente, essi però non costituiscono strumenti sufficienti a rappresentare e gestire i dati. In passato Internet è stata un mero mezzo di accesso a immagini e testi. Non esistevano standard per effettuare la ricerca intelligente, lo scambio o la presentazione adattabile e personalizzata dei dati. Oggi Internet deve fare molto più che fornire accesso a informazioni e fissare standard di visualizzazione. Deve fissare uno standard per la comprensione delle informazioni, un modo comune di rappresentare i dati cosicché i programmi software possano eseguire con più efficienza le ricerche, possano spostare, visualizzare e manipolare le informazioni nascoste nell'oscurità contestuale. Lo standard HTML non può fare tutto questo perché esso è stato progettato semplicemente per descrivere l'aspetto di una pagina Web, e non per definire un modo per strutturare i dati. Sebbene il linguaggio HTML sia molto ricco dal punto di vista della visualizzazione, esso però non fornisce un modo standard per definire e gestire i dati. Uno standard per definire la strutturazione dei dati diventerebbe il veicolo delle transazioni aziendali, della pubblicazione dei profili personali, della collaborazione automatizzata e della condivisione dei database. Le diagnosi cliniche, i dati della ricerca farmaceutica, le schede sui semiconduttori e gli ordini di acquisto verrebbero descritti in questo formato. Ciò aprirebbe nuove prospettive d'utilizzo, tutte basate su una rappresentazione standard per trasferire dati strutturati sul Web con la stessa facilità con cui oggi si trasferiscono le pagine HTML. In effetti oggi non ha più senso usare il condizionale perché questo standard in realtà esiste ed è rappresentato dal linguaggio XML. Per XML si intende un meta linguaggio di markup che fornisce un formato per la descrizione di dati strutturati. Ciò consente di dichiarare con maggiore precisione il contenuto dei dati, e rende possibile creare una nuova generazione di applicazioni Web per la visualizzazione e la manipolazione di dati. il linguaggio XML assicura che i dati strutturati siano uniformi e indipendenti dalle applicazioni o dai produttori. L'interoperabilità che ne risulta costituisce un punto di partenza per la nascita di nuove applicazioni Web per le aziende e il commercio elettronico. Il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

librerie
parsing
php
web
xml

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi