Skip to content

Il Personal Ubiquitous Content: i contenuti che vuoi dove vuoi

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Sanesi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Design di ambienti per la comunicazione
  Relatore: Maurizio Caporali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

Il lavoro di tesi ha inteso analizzare il cambiamento messo in atto dall’introduzione delle nuove tecnologie nella vita degli individui, con l’obiettivo di consegnare agli utenti uno strumento che li aiuti nella gestione delle informazioni presenti sul web, senza interferire con l’attività che stanno facendo, ma dando un supporto all’attività stessa attraverso le informazioni provenienti dalla rete. La diversificazione dei device disponibili, dalle tecnologie portatili alle tecnologie context aware, insieme all’aumento costante del tipo e della quantità di informazione disponibile, richiedono un approccio olistico all’analisi di questi nuovi ambienti interattivi.
I nuovi device quali smartphone, netbook e laptop danno la possibilità di essere sempre reperibili, permettono di lavorare a distanza, aprendo nuove possibilità di sviluppo a modalità di collaborazione alternative, oppure di restare in contatto con gli amici, anche nei momenti in cui ci si trovi distanti. Il trend è quello della diffusione di prodotti che consentono di essere collegati ad Internet dovunque, mandare e ricevere email, scrivere, guardare film, ascoltare musica e telefonare. La trasformazione elettronica accresce il coinvolgimento della parola nello spazio che era iniziato con la scrittura, e ha contemporaneamente creato una nuova cultura, dominata dall’oralità secondaria . Questa nuova oralità ha sorprendenti somiglianze con quella più antica per la sua natura partecipatoria e lo sviluppo di comunità, il senso di appartenenza che genera il “villaggio universale” di McLuhan.
Il tempo che passavamo seduti davanti a uno schermo con un mouse e una tastiera, per accedere ai contenuti web, non è più sufficiente, la convergenza di telefonia, informatica e sistemi informativi nella telematica, ha portato alla ridefinizione dei confini spaziali, temporali e contestuali, è necessario concepire modalità d’interazione adatte per le attività sociali che si verificano in un tempo e uno spazio precisi. Inoltre l’uso di terminali mobili e nuove abitudini di consumo dei servizi hanno portato a nuove forme di produzione dei contenuti quali il microblogging, che trasforma le nostre vite in un flusso continuo di contenuti che vengono prodotti, distribuiti e ricercati minuto per minuto. La distribuzione delle informazioni in tempo reale, prende il nome di Real Time Web, esempi sono Friend Feed, Twitter, la homepage di Facebook. La possibilità di mettere insieme questi messaggi permette di cogliere in un batter d’occhio i sentimenti e le opinioni dei navigatori, velocità di creazione, velocità di consumo, velocità della rete, in dispositivi portatili: è il social networking mobile. Per ottenere un artefatto che fosse in grado di rispondere ai bisogni degli utenti nel contesto descritto, è stato utilizzato il processo di Interaction Design con un approccio centrato sull’utente, in particolare le fasi sono state:
• L’identificazione dei bisogni e la definizione dei requisiti
• Generazione del concept
• La costruzione del prototipo
• La valutazione iterativa dei risultati del processo mano a mano che il lavoro va avanti.
In concreto abbiamo seguito lo sviluppo prototipale di un’applicazione per smartphone, per rispondere al paradigma del social network mobile, il nome scelto per l’applicazione è “Linksonomy”. L’applicazione raggruppa i link postati dai propri contatti distribuiti sui diversi social network, con la possibilità di salvarli sul proprio dispositivo oppure inviarli ad altri dispositivi.
In breve il sistema permette:
• Di raggruppare in un unico spazio tutti i link dei propri contatti distribuiti tra i vari social network, divisi per categorie: musica, video, news e eventi.
• Di salvare i link che ci interessano per archiviarli oppure rivederli in un secondo momento.
• Di organizzare i link salvati in playlist per il tempo libero, per lo studio o per il lavoro.
• L’invio dei link ad altri dispositivi precedentemente sincronizzati con lo smartphone.
• Di archiviare musica o video sul proprio dispositivo
• L’invio degli eventi pubblicati sui social network al proprio calendario o su calendari condivisi.
I benefici apportati dall’utilizzo di quest’applicazione sono molteplici: migliorare la nostra produttività su internet, evitare di perdere informazioni precise, tenere ordine tra le risorse salvate, poter decidere quando e dove fruire dei propri contenuti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il lavoro di tesi ha inteso analizzare il cambiamento messo in atto dall‟introduzione delle nuove tecnologie nella vita degli individui, con l‟obiettivo di consegnare agli utenti uno strumento che li aiuti nella gestione delle informazioni presenti sul web, senza interferire con l‟attività che stanno facendo, ma dando un supporto all‟attività stessa attraverso le informazioni provenienti dalla rete. La diversificazione dei device disponibili, dalle tecnologie portatili alle tecnologie context aware, insieme all‟aumento costante del tipo e della quantità di informazione disponibile, richiedono un approccio olistico all‟analisi di questi nuovi ambienti interattivi. I nuovi device quali smartphone, netbook e laptop danno la possibilità di essere sempre reperibili, permettono di lavorare a distanza, aprendo nuove possibilità di sviluppo a modalità di collaborazione alternative, oppure di restare in contatto con gli amici anche nei momenti in cui ci si trovi distanti. Il trend è quello della diffusione di prodotti che consentono di essere collegati ad Internet dovunque, mandare e ricevere email, scrivere, guardare film, ascoltare musica e telefonare. La trasformazione elettronica accresce il coinvolgimento della parola nello spazio che era iniziato con la scrittura e ha contemporaneamente creato una nuova cultura, dominata dall‟oralità secondaria (ONG, 1986). Questa nuova oralità ha sorprendenti somiglianze con quella più antica per la sua natura partecipatoria e lo sviluppo di comunità, il senso di appartenenza che genera il villaggio universale di McLuhan (McLUHAN, 1964). Così come cambiano le tecnologie, cambiano anche i contenuti, che divengono, per usare una definizione di Giovagnoli, cross mediali, ovvero “narrazioni e contenuti specifici per ciascun mezzo di comunicazione coinvolto all‟interno di un progetto editoriale che utilizzi più media simultaneamente” (GIOVAGNOLI, 2009). È necessario concepire un passaggio concreto dall‟interattività di consultazione, fondata sulla ricerca di informazioni e di approfondimenti, sul primato del testo sull‟immagine e della scelta personale; all‟interattività di conversazione, fondata invece sul confronto e la partecipazione, e sulla compresenza di diverse forme espressive. Nell‟epoca della trasformazione tecnologica più rapida di sempre, la quantità di informazioni disponibili sul web è impressionante, prima gli utenti si limitavano a consumare, adesso sono essi stessi creatori, e cercano nuove modalità per gestire le enormi masse di informazioni disponibili online. È la consolidazione della cosmopedia concettualizzata da Pierre Lévy: “un nuovo tipo di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

augmented reality
benchmarking
context aware
interaction design
internet
laptop
microblogging
mockup
netbook
nuovi media
pervasive computing
playlist
real time web
scenari
sistemi informativi
smartphone
social bookmarking
social network
social networking mobile
tecnologia
telematica
test utente
virtual home environment
web

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi