Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Roberto Saviano e il caso "Gomorra": un romanzo multimediale

La tesi si sofferma sull'analisi dettagliata del fenomeno letterario che è stato il romanzo di Roberto Saviano, "Gomorra", edito nel 2006 da Mondadori, analizzandolo in tutte le sue sfaccettature come vero e proprio fenomeno multimediale: un caso letteriario e giornalistico ma anche mondano, teatrale e cinematografico.
La vita blindata di uno scrittore sotto scorta, il fenomeno letterario del romanzo-inchiesta e la storia degli adattamenti cinematografici e teatrali di questo libro (e di altri esempi similari) vengono dovutamente e minuziosamente approfonditi nel corso dei tre capitoli della tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nell‟epoca moderna lo scrittore, attraverso una battaglia fatta di manifesti, di idee e di poetiche, mirava a occupare il centro, s‟impegnava in vere e proprie guerre di successione, volte alla conquista di un‟egemonia culturale e di uno spazio dominante all‟interno di un campo privilegiato e decisivo nella formazione ideologica. Oggi invece non è più così. Calvino, Fortini, Volponi, Sanguineti, Sciascia e Pasolini, da posizioni intellettuali diverse hanno svolto questo ruolo. Ma oggi questo spazio ideologico non esiste più e la figura del nuovo intellettuale è diversa. La causa è da ricercare nei nuovi stili di vita imposti dalla società, dove siamo abituati ormai a vedere trentenni che escono da una sorta di adolescenza prolungata per piombare di colpo nel mondo del precariato. Il suo, è un ruolo totalmente differente rispetto a quello a cui siamo stati fin‟ora abituati, la sua figura storica ha assunto ora una nuova dimensione: non aspira più a occupare il centro della scena, non accampa più utopie, ma accetta la sua condizione di marginalità, di intellettuale scomodo che vive al confine, sulla frontiera. ‹‹Se i giovani del Gruppo 63 erano l‟avanguardia in vagone-letto, il ricercatore Saviano che si muove in scooter nei territori devastati del napoletano e del casertano è la figura 1 più eloquente di una nuova condizione storica››. Una condizione, dove diventa essenziale affermare sé stessi e il proprio io per non sentirsi deboli e sopraffatti dagli eventi in rapido susseguirsi, per sentirsi ancora ‹‹uomini degni di respirare››. E l‟io di Gomorra è l‟essenzialità della testimonianza, il fatto e la parola, e non solo il talento narrativo astratto; il valore semplice e potente della testimonianza, la stessa per la quale Primo Levi è stato considerato uno dei più grandi scrittori italiani perché, dopo Se questo è un uomo, nessuno può più osare dire che non è stato Auschwitz. 1 R. Luperini, Roberto Saviano presentato da Romano Luperini, in “AetnaNet.org”, 25 gennaio 2008, ora in http://www.robertosaviano.it/documenti/9124/. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisabetta Di Mare Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4971 click dal 15/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.