Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di sviluppo del discount in Italia: il caso Penny Market

In questo lavoro mi occuperò di studiare le trasformazioni avvenute in Italia negli ultimi decenni riguardanti la Grande Distribuzione Organizzata ed in particolare nel comparto alimentare e di esaminare dettagliatamente la nascita, sviluppo e le strategie del canale discount.
Il primo capitolo vuole introdurre il lettore nel mondo della grande distribuzione moderna, attraverso una breve storia che va dalle origini della distribuzione fino al giorno d’oggi.
Verranno poi spiegate le teorie più importanti riguardanti l’innovazione in ambito distributivo e infine illustrerò la situazione italiana e le strategie dei più importanti distributori operanti nel nostro paese.
Il secondo capitolo offre una visione approfondita dei diversi canali distributivi e delle modalità di classificazione delle stesse. Nella seconda parte, invece, verranno analizzate le varie tipologie distributive che si sono sviluppate in Italia e all’estero, e le particolarità della rete distributiva italiana.
Il capitolo terzo prende in considerazione una tipologia distributiva altamente innovativa nata di recente, il discount, e cerca di analizzare la strategia competitiva su cui si fonda. Illustrerò inoltre le diverse tipologie di discount esistenti e la differenziazione della formula nei diversi paesi europei.
Nel quarto capitolo esporrò le dinamiche di diffusione del discount in Italia, parlerò di tutte le principali insegne discount presenti nel nostro paese e delle reazioni competitive degli altri formati distributivi in seguito all’ingresso sul mercato dei discount.
Infine nel quinto capitolo porterò il lettore all’interno di una vera azienda di distribuzione discount, la Penny Market, analizzandone la strategia commerciale, le caratteristiche organizzative e gestionali e mettendola a confronto con l’insegna leader del settore, il gruppo Lidl.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA 1.1 Le origini della distribuzione moderna Il servizio commerciale prodotto dalla distribuzione è definito come l’insieme delle attività necessarie a mettere a disposizione dei consumatori i beni che questi desiderano nei tempi, nei luoghi e con le modalità desiderate. Il settore distributivo si colloca, infatti, in una posizione d’interfaccia tra produzione e consumo; è un punto d’incontro tra domanda e offerta, in cui il distributore costituisce un assortimento, selezionando i prodotti dell’industria per proporli al consumatore. Per distribuzione commerciale s’intende, nell’accezione più ampia, l’insieme delle attività poste in essere per realizzare il trasferimento di beni e servizi dal produttore all’utilizzatore. Da tale definizione ci si rende conto di come la funzione distributiva sia chiamata in causa ogni qual volta il soggetto che utilizza un prodotto è diverso dal soggetto che lo produce. Tale attività di distribuzione ha quindi origini antichissime, essendo strettamente correlata all’attività di scambio. Nel periodo che precede la rivoluzione industriale questa funzione viene svolta tipicamente dai mercanti o dagli stessi produttori. Con il trascorrere del tempo, tuttavia lo scenario muta radicalmente e con esso anche il ruolo della distribuzione. Volendo tratteggiare a grandi linee il percorso che conduce alle trasformazioni delle modalità di svolgimento della funzione distributiva, è dunque necessario riflettere proprio sul ruolo da attribuire alla rivoluzione industriale ed ai cambiamenti nella struttura sociale ed economica innescati dalla stessa. Tale fenomeno, che ha inizio nella seconda metà del’700, sperimenta un allargamento dei mercati di consumo superiore all’aumento della produzione. La conseguenza è che durante il secolo successivo, la quantità di prodotti offerta rimane sensibilmente inferiore rispetto alla domanda. In questo contesto l’esigenza primaria del sistema economico è quella di colmare il divario tra le due forze; tale necessità stimola il comparto manufatturiero a migliorare l’efficienza e spinge il progresso tecnologico verso la ricerca di soluzioni che consentano di aumentare la produttività d’impresa. In questo periodo storico il ruolo della funzione distributiva è pertanto di secondaria

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessia Corti Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3868 click dal 15/11/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.