Skip to content

Evoluzione dell'istituto dell'occupazione appropriativa

Informazioni tesi

  Autore: Deborah Salvi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Caia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

La tesi si prefigge l'obiettivo di ripercorrere tutte le vicende dell'istituto di creazione pretoria dell'occupazione appropriativa, evidenziando i diversi filoni giurisprudenziali intervenuti nel corso degi anni riguardo i profili risarcitorio, giurisdizionale e comunitario. Infine viene svolta un'approfondita analisi all'art. 43 TU in materia esprorpiativa (2001), norma innovativa e che pone fine all'istituto dell'occupazione appropriativa, ora denominato "utilizzazione di un bene per scopi di pubblico interesse senza un titolo".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VII INTRODUZIONE La Costituzione stabilisce all’art. 42, che «La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge che ne determina i modi di acquisto, di godimento ed i limiti, allo scopo di assicurare la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti», ed aggiunge che essa «può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi di interesse generale». Quest’ultima statuizione, pur se con diversi accenti, è contenuta anche nell’art. 834 c.c., per il quale «Nessuno può essere privato in tutto o in parte dei beni di sua proprietà se non per causa di pubblico interesse, legalmente dichiarata, e contro il pagamento di una giusta indennità». In ambito internazionale, la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1948, afferma che (art. 17) «Nessun individuo potrà essere arbitrariamente privato della sua proprietà». Anche la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (C.E.D.U.), firmata a Roma il 4 novembre 1950 e resa esecutiva in Italia nell’anno 1955, all’art. 1 Protocollo addizionale n.1, si occupa della protezione addizionale della proprietà. Del diritto di proprietà e della possibilità della sua privazione per motivi di pubblico interesse si occupa infine anche la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, in attesa di ratifica dei singoli Stati e per questo non ancora entrata in vigore(1) L’espropriazione per pubblica utilità (p.u.), se da una parte rappresenta la più grave limitazione al diritto di proprietà, dall’altra si pone a garanzia del privato, che può essere spogliato dei suoi beni per soddisfare superiori esigenze di interesse generale, attraverso un procedimento legale e dietro corresponsione di un indennizzo. Soltanto al verificarsi di tali condizioni, l’ordinamento consente lo svuotamento del diritto dominicale. Accanto all’espropriazione si assiste, tuttavia, nella pratica, a forme patologiche di espropriazione, variamente etichettate dalla dottrina e dalla (1) La Carta è stata pubblica sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea in data 16 dicembre 2004.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ablazione illegittima
accessione invertita
acquisizione coattiva sanante
art. 43 t.u. espr.
art. 55 t.u.
belvedere alberghiera
carbonara e ventura
espropriaizone sine titulo
espropriaizone sostanziale
occupazione acquisitiva
occupazione appropriativa
occupazione di diritto pubblico
occupazione preordinata all'esproprio
occupazione temporanea e d'urgenza
occupazione usurpativa
risarcimento del danno da occupazione appr.va
risarcimento regolamentato
utilizzazione di un bene senza valido titolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi