Skip to content

Ansia e incertezza in diadi interrazziali: un'indagine empirica

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Nuzzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Sociale
  Relatore: Silvia Casale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

Dato che sempre più membri appartenenti al gruppo di maggioranza convivono e lavorano insieme a minoranze, la psicologia sociale sta dedicando molta attenzione all'individuazione di strategie che facilitino un buon andamento delle interazioni interrazziali.
Per riuscire in tale obiettivo potrebbe essere importante individuare modalità semplici volte a ridurre l'incertezza e l'ansia che precedono le interazioni interrazziali e volte ad aumentare l'accuratezza nella valutazione dell’interesse che il partner ha del rapporto.
Le ipotesi che hanno guidato la realizzazione di questo studio sono state le seguenti:
- Riscontrare similarità con le informazioni del partner col quale il soggetto sa di dover interagire comporterà livelli di ansia e di incertezza minori in minoranze in interazione con Caucasici e in Caucasici in interazione con minoranze.
- Nei casi in cui sono stati riscontrati livelli minori di ansia e incertezza i soggetti riporteranno livelli di accuratezza nella valutazione dell’interesse del partner a stringere amicizia significativamente migliori.
A conferma delle nostre ipotesi è stato evidenziato che i livelli di incertezza e di ansia dichiarati da minoranze in interazione con Caucasici sono significativamente minori quando, scambiate le informazioni con i partner, riscontrano all’interno di queste alta similarità piuttosto che bassa similarità. Tuttavia, al contrario di quanto ipotizzato, non è stata rilevata una differenza significativa nei livelli di ansia e incertezza riportati dai soggetti Caucasici in interazione con le minoranze. È possibile che una delle ragioni di questa divergenza sia riconducibile all'esistenza di antecedenti dell'ansia intergruppi parzialmente diversi tra Caucasici e minoranze. Se infatti per i primi, in accordo con i principi della teoria di Schlenker e Leary (1982), si ritrova la causa principale dell'ansia nella preoccupazione di apparire prevenuti nei confronti dell'altro così come nella preoccupazione di apparire socialmente incompetenti, per i secondi è il timore di poter essere bersaglio del pregiudizio la preoccupazione che innesca l'ansia (Clark, Anderson, Clark & Williams, 1999; Tropp, 2003). L'alta similarità rinvenuta, potrebbe essere sufficiente a tranquillizzare le minoranze circa il timore di essere oggetto di pregiudizio ma non sarebbe in grado di tranquillizzare i membri della maggioranza riguardo la possibilità di apparire pregiudizievoli o incompetenti a livello relazionale.
Le analisi dimostrano che non esistono differenze di accuratezza nella valutazione dell’interesse del partner a stringere amicizia per minoranze in interazione con Caucasici in caso di bassa o alta similarità. Sebbene, quindi, la letteratura abbia recentemente riconosciuto la centralità del ruolo dell'ansia e dell'incertezza nella formazione delle percezioni durante le interazioni interrazziali (Mallet, Wilson & Gilbert, 2008; Vorauer, 2006; Vorauer & Sakamoto, 2006) ciò non è stato rilevato nel nostro studio lasciando la porta aperta per ulteriori ricerche le quali dovrebbero rivolgersi probabilmente all'analisi dei fattori interpersonali che guidano il processo di formazione di giudizi accurati nelle relazioni interrazziali come, per esempio, il ruolo dei pregiudizi espliciti e impliciti.
Lo studio realizzato presenta diversi limiti tra cui il fatto che basa esclusivamente su autovalutazioni; esistono, infatti, esempi che ci dimostrano l'efficacia di analisi multi-metodo, ossia ricerche che includono al suo interno strumenti osservativi, i cui dati vengono analizzati in modo congiunto a quelli ottenuti dai self-report. Inoltre, lo scambio di informazioni all’interno di questo studio non avviene in modo volontario; ciò limita l’applicabilità dei risultati ai soli contesti in cui è prevista una terza persona che facilita il processo di scambio.
Il presente lavoro offre, malgrado i limiti sopra evidenziati, una serie di spunti che potrebbero rivelarsi interessanti nelle ricerche future: suggerisce che potrebbero esserci strumenti utili che determinano implicazioni positive, come livelli minori di ansia e incertezza, già dalla prima interazione, senza dover attendere il lungo processo di socializzazione.
I risultati osservati in questo studio sono applicabili probabilmente con maggior successo nei luoghi di lavoro e all'interno delle scuole, dove la capacità di stabilire delle buone relazioni con persone di qualsiasi origine etnica e razziale è estremamente importante ed esistono figure in grado di facilitare il processo di condivisione di informazioni reciproche e che possono direzionare la conversazione su aspetti che accomunano le persone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Era il 1619 quando la prima nave da guerra olandese approdò sulle coste della Virginia (Stati Uniti) ed in quello stesso anno iniziò per il popolo afroamericano quell’orribile e disumana condizione denominata schiavitù che durerà per molti anni (Fabi, 2002). Tra il 1641 e il 1717 tutte le colonie americane, eccetto una, legalizzarono la schiavitù; tuttavia, nel 1750 anche la Georgia si unì nel riconoscere la peculiar institution. La schiavitù definisce alcune persone in parte come esseri umani e in parte come proprietà; gli schiavi africani erano ritenuti beni mobili da poter vendere e comprare secondo la volontà del padrone (Hine & Thompson, 1998). Sono trascorsi più di 40 anni dalla firma del Civil Rights Act, garantendo ai Bianchi ed ai Neri degli Stati Uniti d'America la concessione di parità d’accesso alle istituzioni pubbliche e l'integrazione nelle scuole e nei posti di lavoro (Dovidio & Gaertner, 2004), ma nonostante ciò la razza e le divisioni etniche continuano a condizionare la società americana. Al centro di queste divisioni vi è un paradosso fondamentale proprio dell'identità di questo Paese: si tratta di una società fondata sui principi di giustizia e di uguaglianza da un lato e costruita sul razzismo e la schiavitù dall'altro (Pearson, Dovidio, & Gaertner, 2009). Sebbene negli ultimi anni i sondaggi d'opinione abbiano 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi