Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento ortesico preventivo nel piede diabetico: analisi cross-over comparata di due diverse tipologie di plantari

La tesi tratta uno studio scientifico e uno psico sociale su un trattamento terapeudico con l'uso di due tipi di plantari diversi

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Sono più di 120 milioni le persone nel mondo affette da diabete mellito e un numero troppo elevato di questi individui presenta ulcere del piede, che possono col tempo comportare una amputazione. Dati gli alti costi associati alle ulcere del piede, questa malattia non è soltanto un onere assai gravoso per il paziente, ma anche per il sistema sanitario. L’insorgenza della patologia è dovuta generalmente a meccanismi (biomeccanici, vascolari, neurologici) che accentua la necessità di un approccio multidisciplinare nella gestione del paziente, al fine di ridurre il numero delle ulcerazioni, delle amputazioni e delle elevate spese sanitarie a esse associate. In questo lavoro viene presentata una ricerca di carattere scientifico e di carattere psico- sociale. La ricerca di carattere scientifico ha riguardato la distribuzione di carico plantare del piede del paziente diabetico attraverso l’utilizzo di due tipi di plantari realizzati con materiali diversi e caratteristiche funzionali diverse, mentre la ricerca di carattere psico- sociale ha riguardato la somministrazione di un questionario sulla qualità della vita del paziente diabetico ripetuto durante i quattro intervalli di tempo indicati nello studio. Le due ricerche, svolte contemporaneamente, hanno permesso di registrare dei risultati indicativi.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Innocenzo Secolo Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3816 click dal 24/11/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.