Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interpello tra diritto interno e diritto comparato

Questa tesi analizza l'interpello tra diritto interno e diritto comparato.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 – INTRODUZIONE. Abbiamo assistito, negli ultimi anni, ad un periodo storico che ha visto il Fisco italiano in costante, diretta contrapposizione con il contribuente. La farraginosità delle norme fiscali, introdotte nel sistema in modo confuso e asistematico, il contenuto e la portata delle stesse, hanno prodotto una evasione fiscale di portata eccezionale nonché una elusione che ha messo a dura prova la capacità del legislatore di contrastarla, conducendo, tra l'altro, ad una stretta fiscale nei confronti dei ceti medi sempre più sproporzionata e irrealistica per un paese civile. Questa situazione ha portato ad un aumento esponenziale 1 delle controversie tra Fisco e contribuente che ha congestionato, fino quasi a soffocare, il sistema del contenzioso tributario, rendendo necessaria una radicale riforma che investisse non solo il processo tributario, ma tutto il sistema di rapporti tra Amministrazione Finanziaria e contribuente. 2 1 Come rileva Tesauro, A proposito della riforma del contenzioso tributario, in Rassegna Tributaria 1988, n.9,pag 435, alla fine degli anni ottanta , secondo i dati ufficiali, risultavano pendenti, in totale, quasi due milioni di ricorsi (di cui 300.000 in secondo grado). 2 In effetti, concordiamo con le riflessioni di Tesauro, op.cit., e La Rosa, Concordato, Conciliazione e flessibilità dell’amministrazione finanziaria, in Diritto e Pratica Tributaria, 1995, I, pag.999 ss., i quali individuano le ragioni della crisi del contenzioso nella sfasatura tra la riforma del diritto tributario sostanziale (da un sistema, basato su pochi tributi e su di una determinazione del reddito secondo canoni tendenzialmente medio-ordinari, ad un sistema basato, dopo la riforma del 1971, su di un numero maggiore di tributi e quindi di contribuenti e su una determinazione del redditto tendenzialmente “effettivo”) e la “non riforma delle commissioni tributarie”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Spagna Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4304 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.