Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal passato al presente: le implicazioni dei vissuti infantili d'attaccamento nel farsi della genitorialità

Il presente lavoro di ricerca si inserisce all'interno di un più ampio progetto su "La prospettiva contestuale delle relazioni di attaccamento nello studio della genitorialità". L'obiettivo di questo progetto è quello di indagare quanto le esperienze infantili di attaccamento vissute e narrate dai genitori durante il periodo della gravidanza possano influire nelle future interazioni familiari. Tale lavoro unisce un costrutto quale il legame di attaccamento con una prospettiva interattiva triadica.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 1.1.1 Le Radici John Bowlby LE ORIGINI E GLI SVILUPPI DELLA TEORIA DELL’ATTACCAMENTO Intorno agli anni ’70 lo studioso londinese John Bowlby ipotizzava come negli uomini esistesse un bisogno strutturale, geneticamente determinato ed etologicamente pre- 1.1 Introduzione ordinato, di essere in contatto con un altro essere umano (attaccamento); questo bisogno La teoria dell’attaccamento può essere suddivisa in tre fasi principali. In esse troviamo appare essere indipendente da altre esigenze fisiologiche di base come la ricerca di cibo come primi protagonisti i lavori di John Bowlby (1973,1980,1988) e Mary Ainsworth e calore: Il comportamento di attaccamento è quella forma di comportamento che si (1989) che congiuntamente hanno fornito una prima base per lo studio manifesta in una persona che consegue o mantiene una prossimità nei confronti di dell’attaccamento. Il primo ha il merito di aver formulato le idee di base per l’instaurarsi un’altra persona, chiaramente identificata, ritenuta in grado di affrontare il mondo in della teoria dell’attaccamento utilizzando concetti tratti dell’etologia, dalla cibernetica e modo adeguato. Questo comportamento diventa molto evidente ogni volta che la dalla psicoanalisi. Grazie al suo lavoro si è creato un nuovo modo di concettualizzare il persona è spaventata, affaticata o malata, e si attenua quando si ricevono conforto e legame esistente tra madre e bambino. Mary Ainsworth (1989) ha il merito di aver cure (Bowlby, 1988 p.25). tradotto i principi di base sull’attaccamento in dati empirici consentendo un Lo scopo di protezione viene raggiunto attraverso un insieme di comportamenti innati ampliamento della teoria stessa. (comportamenti di attaccamento) che sono necessari per favorire la vicinanza fisica del Infine la fase attuale dell’attaccamento, che qui sarà solamente accennata, riguarda bambino alla figura di riferimento e che variano in base alla maggiore (il l’interesse sempre più diffuso per i processi rappresentazionali ad opera di ricercatori comportamento si può limitare ad un’interazione visiva o uditiva) o minore (necessità di come George, Kaplan, e Main (1985) e le interpretazioni della Bretherton (1995). ricevere maggiori attenzioni con la messa in atto da parte del bambino di comportamenti Determinati, in particolare, sono le conferme cliniche fornite in questa fase da di accostamento) accessibilità mostrata da quest’ultima. un’importante studiosa che si è occupata di definire gli assunti principali sulla Secondo Bowlby (1969/1982) la struttura essenziale dei legami di attaccamento è basata trasmissione intergenerazionale dell’attaccamento: Mary Main. su tre elementi: mantenimento della vicinanza, protesta alla separazione e base sicura, Un breve excursus storico ci permetterà di comprenderne in modo più approfondito i che possono agire tra loro in modo coordinato o antitetico. principi base e i successivi sviluppi verso nuovi orizzonti di ricerca. L’ultima caratteristica in particolare, che si riferisce alla possibilità di esplorare Nella seconda parte di questo capitolo partendo dagli assunti bowlbiani verranno l’ambiente, fiduciosi della disponibilità della figura di attaccamento a fornire aiuto e delineate le teorie che più si avvicinano allo studio dei legami familiari nella prospettiva protezione qualora fosse necessario, rappresenta il presupposto dei processi di dell’attaccamento: la life span developmental psychology, la prospettiva psicosociale separazione e di individuazione che verranno successivamente studiati e analizzati da del family development. M. Ainsworth (1979). Si parlerà inoltre della teoria generale dei sistemi attribuita a von Bertalanffy (1968) Oltre a possedere una propria specificità, che lo distingue da altri comportamenti inserita all’interno di una cornice sistemica familiare che fornirà gli spunti per i istintuali, come quello sessuale o di nutrizione, l’attaccamento è continuamente mediato successivi sviluppi della ricerca che si andrà a delineare. 78

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Sabrina Gambaro Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2088 click dal 15/12/2010.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.