Skip to content

Il Presidente del Consiglio nell'evoluzione della forma di governo

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Gentile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Salvatore Bonfiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 410

La forma di governo italiana delineata dalla Costituzione del 1948 viene comunemente ricondotta al tipo parlamentare (in quanto centrata sull’esistenza di un «rapporto di fiducia» che lega le assemblee parlamentari al Governo), ma non «puro», bensì «razionalizzato» od «a debole razionalizzazione» (per l’introduzione di regole dirette a rafforzare il Governo ed a renderlo più stabile) e «corretto» (per il riconoscimento di un complesso molto consistente di poteri - sia di freno che di stimolo - tanto in capo al Presidente della Repubblica che alla Corte costituzionale, accompagnato a livello di comunità dalla previsione di una serie di istituti di democrazia diretta - referendum ed iniziativa legislativa popolare - e dalla costruzione di un ampio sistema di autonomie politiche e territoriali.
In seno alla compagine governativa spicca la figura del Presidente del Consiglio dei ministri, quale organo che – secondo l’orientamento dottrinale prevalente – non si configura più (a differenza di quanto avveniva ai sensi del vecchio Statuto albertino) come un mero primus inter pares rispetto al collegio dei ministri, ma assume un rilievo giuridico particolare, avendogli il dettato costituzionale attribuito: a) la direzione della politica generale del Governo, di cui è responsabile; b) il mantenimento dell’unità dell’indirizzo politico e amministrativo; c) il coordinamento dell’attività dei ministri.
Nella concreta esperienza italiana risulta, tuttavia, difficile (se non impossibile) ricostruire il ruolo del Presidente del Consiglio sulla base delle sole disposizioni costituzionali e legislative, ma è necessario procedere ad una visione d’insieme della complessiva forma di governo, ponendo altresì l'attenzione su quell’insieme di fattori ora giuridici ora extra-giuridici che, tanto nella prassi statutaria che in quella repubblicana (con l’ovvia eccezione della parentesi autoritaria fascista), hanno a lungo concorso a (e, in taluni casi, tuttora siano suscettibili di) depotenziare il ruolo stesso del Presidente del Consiglio (sovente chiamato a svolgere, nel corso dei decenni, più un’attività di mediazione fra i partiti della maggioranza che quella di direzione effettiva dell’attività di governo) a prescindere dai poteri formalmente conferitegli.
Si evidenzierà, dunque, come il sistema di governo italiano sia andato man mano allontanandosi dal modello inglese di riferimento, ovvero dal c.d. «modello Westminster» (o modello maggioritario di democrazia), pur registrandosi nell’ultimo quindicennio – ed in particolar modo a partire dalla XIII legislatura – una certa inversione di tendenza, in virtù: a) del progressivo orientamento del sistema politico verso un assetto bipolare e competitivo (seppur altamente «imperfetto ed incompiuto») in cui le maggioranze sono tendenzialmente scelte a livello di corpo elettorale; b) del surplus di legittimazione democratica di cui oggi beneficia il Presidente del Consiglio in virtù dell’espediente, escogitato dalle forze politiche, di includere nel simbolo elettorale di ciascuna coalizione – a partire dalle elezioni politiche nazionali del 2001 – il nome del leader candidato alla guida della futura compagine governativa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione La forma di governo italiana delineata dalla Costituzione del 1948 viene comunemente ricondotta al tipo parlamentare (in quanto centrata sull‟esistenza di un «rapporto di fiducia» che lega le assemblee parlamentari al Governo), ma non «puro», bensì: ξ «razionalizzato» (o «a debole razionalizzazione»), per l‟introduzione di regole dirette a rafforzare il Governo ed a renderlo più stabile; ξ «corretto», per il riconoscimento di un complesso molto consistente di poteri (sia di freno che di stimolo) tanto in capo al Presidente della Repubblica che alla Corte costituzionale, accompagnato a livello di comunità dalla previsione di una serie di istituti di democrazia diretta (referendum ed iniziativa legislativa popolare) e dalla costruzione di un ampio sistema di autonomie politiche e territoriali. In seno alla compagine governativa spicca la figura del Presidente del Consiglio dei ministri, quale organo che – secondo l‟orientamento dottrinale prevalente – non si configura più (a differenza di quanto avveniva ai sensi del vecchio Statuto albertino) come un mero primus inter pares rispetto al collegio dei ministri, ma assume un rilievo giuridico particolare, avendogli il dettato costituzionale attribuito: ξ la direzione della politica generale del Governo, di cui è responsabile; ξ il mantenimento dell‟unità dell‟indirizzo politico e amministrativo; ξ il coordinamento dell‟attività dei ministri. Il presente elaborato si propone, tuttavia, di dimostrare come nella concreta esperienza italiana risulti difficile (se non impossibile) ricostruire il ruolo del Presidente del Consiglio sulla base delle sole disposizioni costituzionali e legislative, ma sia necessario procedere ad una visione d‟insieme della complessiva forma di governo (tenendo, dunque, in considerazione «quei nessi e quei condizionamenti che si instaurano tra questa figura e quel reticolato di organi e di operatori costituzionali la cui complessa trama determina la particolare fisionomia del sistema di governo vigente in Italia»)1. 1 Così G. Pitruzzella, Il Presidente del Consiglio dei Ministri e l’organizzazione del Governo, Padova, 1986, pp. 2 s., 25.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assemblea costituente
berlusconi
bipolarismo
capo del governo
cavour
commissione bicamerale
consiglio dei ministri
crisi di governo
de gasperi
fascismo
forma di governo
formazione del governo
governo
ministri
mussolini
premier
premierato
presidente del consiglio
presidenza del consiglio
primo ministro
riforma elettorale
riforme costituzionali
rimpasto
statuto albertino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi