Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le leve di trade marketing nel settore discografico

L’elaborato si concentra sugli aspetti relazionali tra le imprese discografiche e i canali di vendita prendendo in considerazione le leve di trade marketing sia in relazione ai tradizionali intermediari di vendita fisici sia a quelli digitali.
Il primo capitolo descrive gli operatori del settore discografico e l’impatto della rivoluzione digitale su ogni stadio della filiera.
L’analisi procede descrivendo nuovi modelli di business per le imprese discografiche, nuovi intermediari digitali e i cambiamenti avvenuti nei comportamenti di consumo e d’acquisto del consumatore.
Il secondo capitolo analizza la distribuzione in chiave di marketing come leva del marketing mix. Vengono presi in considerazione i tradizionali canali di vendita fisici (punto vendita specializzato, edicola, GDO, catene specializzate) e anche i nuovi canali di vendita digitali (internet e mobile).
Infine il terzo capitolo si concentra sulle leve di trade marketing utilizzate dalle case discografiche. In particolar modo si parla della segmentazione del prodotto, della formazione del prezzo e di tutte le politiche di comunicazione e promozione attivate in relazione ai diversi canali di vendita. L’analisi procede con un focus sull’opportunità/possibilità per i retailer italiani della GDO di sviluppare store digitali di vendita legale di musica.
Per concludere vengono analizzati due casi aziendali di successo: iTunes Store, leader mondiale nella vendita di musica digitale e Believe Digital, leader europeo nella distribuzione e promozione di musica digitale

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La diffusione della rete digitale determina dei mutamenti radicali nei processi di creazione di valore delle imprese discografiche, modificando gli assetti relazionali nell’ambito dei canali distributivi. L’avvio di una nuova forma di intermediazione digitale fa emergere una serie di problematiche gestionali sconosciute per tutte le imprese che hanno svolto tradizionalmente la propria attività nei settori della distribuzione offline. Non si tratta solo di gestire l’attivazione di un ulteriore canale di vendita ma di sperimentare una modalità distributiva radicalmente nuova caratterizzata da specificità gestionali diverse da quelle che governano i tradizionali punti vendita fisici. Per arrivare al consumatore finale, sempre di più le imprese discografiche devono conquistare i nuovi intermediari digitali e sviluppare quindi politiche di trade marketing specializzate per questi nuovi canali di vendita. L’elaborato si concentra sugli aspetti relazionali tra le imprese discografiche e i canali di vendita prendendo in considerazione le leve di trade marketing sia in relazione ai tradizionali intermediari di vendita fisici sia a quelli digitali. Il primo capitolo descrive gli operatori del settore discografico e l’impatto della rivoluzione digitale su ogni stadio della filiera. In particolare si sottolinea come in questo settore siano giunte ad operare anche organizzazioni che fino a qualche anno fa erano estranee a questo mercato e che hanno il loro core business in altri campi, come ad esempio le telecomunicazioni, l’informatica, la pubblicità e il retail, determinando così una situazione di intertype competition. L’analisi procede descrivendo nuovi modelli di business per le imprese discografiche, nuovi intermediari digitali e i cambiamenti avvenuti nei comportamenti di consumo e d’acquisto del consumatore. Il secondo capitolo è interamente dedicato alla distribuzione. In questo contesto la distribuzione viene analizzata in chiave di marketing come leva del marketing mix. Vengono presi in considerazione i tradizionali canali di vendita fisici (punto vendita

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Veronesi Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3379 click dal 29/11/2010.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.