Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Usabilità nel mobile Web: il caso del portale Info.fvg.it.

La seguente tesi tratta due materie che stanno prendendo sempre più piede negli ultimi anni: usabilità e mobile Web.
La scelta di affrontare i seguenti argomenti parte dalla lettura di un articolo relativo ad un report di un test di usabilità, effettuato per dispostivi mobili che accedono al World Wide Web. Nell’articolo in questione, l’autore Jacob Nielsen, in qualità di esperto di usabilità e valutatore dei test eseguiti, esprime la propria opinione scrivendo: “The phrase ‘mobile usability’ is pretty much an oxymoron.” e continuando “It's neither easy nor pleasant to use the Web on mobile devices.”

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 - STATO DELL'ARTE DEL MOBILE WEB 1.1 Mobile Web o semplicemente Web via mobile? Prima di iniziare la discussione è bene dare una brevissima definizione di “Web” e una breve definizione di “mobile”. Innanzitutto Web, quell’insieme immateriale di contenuti e dati definito più completamente come World Wide Web o Internet: rete globale di computer che fornisce una grande varietà di informazioni e strumenti di comunicazione, formata da più reti interconnesse attraverso protocolli di comunicazione standardizzati. Il termine “mobile” invece, sia in italiano ma più correttamente in inglese, sta a indicare la capacità di spostarsi o di essere spostato o trasportato liberamente e con facilità. Nello specifico della materia che stiamo trattando, si parla di mobile computing in termini di tecnologie di elaborazione ed accesso ai dati senza vincoli di posizione fisica dell’utente o delle apparecchiature utilizzate; mobile è dunque la possibilità di utilizzare facilmente e liberamente tali tecnologie in qualsiasi contesto. Nato con il diffondersi dei primi personal computer portatili, e con la progressiva riduzione delle dimensioni dei componenti hardware, il termine mobile viene man mano attribuito ai successori dei PC portatili, come i laptop, i notebook, i tablet PC, i più recenti netbook fino ad arrivare ai palmari e smartphone, dispositivi che possono essere utilizzati nel palmo di una mano. Negli ultimi anni abbiamo inoltre assistito alla nascita di nuove tecnologie digitali sempre più piccole da utilizzare in mobilità, dai telefoni cellulari ai lettore mp3, dalle fotocamere digitali fino ai navigatori satellitari. Quand’è dunque che trovano unione questi due termini, “Web” e “mobile”, tanto diversi tra loro ma sempre più convergenti? Semplicemente quando si accede alla rete Internet con un dispositivo mobile utilizzando applicazioni connesse a Internet, o browser per la navigazione attraverso una rete wireless. Il quesito posto a inizio capitolo vuole dunque verificare se l’utilizzo di Internet, mediante un dispositivo mobile, sia inteso semplicemente come lo stesso Web visualizzato da uno schermo più piccolo anziché il desktop oppure se si sta creando, o già esiste, un Web sviluppato appositamente per il mobile, con tecnologie, mezzi di accesso e contenuti differenti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Nicola Moretto Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 664 click dal 08/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.