Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione aziendale interna e la web tv: il caso Enel

La comunicazione interna come la intendiamo oggi è frutto dunque di un’evoluzione relativamente recente. Solo negli ultimi anni infatti è maturata la consapevolezza da parte delle aziende, più attente e pertanto maggiormente sensibili a temi della comunicazione, della necessità di instaurare con l’ambiente, interno ed esterno, un rapporto reciprocamente costruttivo basato appunto sulla comunicazione aperta e trasparente degli elementi della propria identità: ciò, in ultima analisi, allo scopo di ottenere il consenso degli interlocutori sociali nei confronti del progetto strategico perseguito.
Questa attenzione alla trasmissione idonea della propria identità ed alla sua corretta percezione (immagine) da parte delle molteplici classi di pubblici, ha condotto in modo specifico l’azienda ad effettuare una profonda revisione di sé, partendo dalla constatazione che l’aspetto esteriore riflette necessariamente la realtà interna dell’azienda stessa, costituita anzitutto, dalle persone che la compongono e dalle relazioni che al suo interno si instaurano.
In questo contesto, la comunicazione interna si impone come nuovo oggetto di riflessione e di studio, che il mondo aziendale italiano aveva da troppo tempo trascurato.
Nello specifico verrà analizzata la business television come strumento di innovazione e al contempo come strumento di motivazione del personale interno all’azienda. La business tv o web tv, si presenta come lo strumento più attuale utilizzato dalle imprese capace di tenere aggiornati i dipendenti e il personale su tutte le attività svolte e programmate dall’impresa. Verrà dunque preso in considerazione il caso Enel, in Italia, dando all’inizio un quadro generale sul funzionamento della comunicazione e dei suoi meccanismi interni ed infine fornendo un’idea pratica sull’utilizzo della web tv in Enel.
Questo lavoro di tesi è diviso in tre parti, di cui la prima riguarda la comunicazione nelle aziende e la comunicazione organizzativa; la seconda concerne il ruolo della comunicazione e come essa contribuisce a creare una cultura e un’identità aziendale; la terza ed ultima parte verte sulla business television, come strumento di comunicazione, e sull’esperienza pratica individuata nel caso dell’azienda Enel.
Nella I parte, dopo una breve introduzione della comunicazione in generale, si è cercato di approfondire il tema della comunicazione interna e della comunicazione organizzativa. In primo luogo si è ripercorsa l’evoluzione della disciplina, le origine storiche e le cause che ne hanno aumentato l’importanza all’interno dell’impresa, dalla prima industrializzazione fino ai giorni nostri. Dopo aver definito in modo teorico la comunicazione interna, dando spazio anche a tratti essenziali della comunicazione esterna, si è passati ad analizzare la comunicazione organizzativa. Sono stati individuati i punti fondamentali, le funzioni chiavi e le tipologie nonché le teorie prese in esame per ciò che concerne questa disciplina. Infine si è posta l’attenzione anche sulla comunicazione di crisi e sui presupposti per ottenere una comunicazione aziendale efficace.
Nella II parte l’attenzione viene focalizzata sull’interconnessione tra l’impresa e la sua immagine. Vengono fornite tutte le indicazioni che sono utilizzate al fine di creare una cultura d’azienda. Inoltre si pone l’attenzione su come la cultura all’interno dell’impresa funga da collante sociale e come le persone si riescano ad identificarsi interamente con l’organizzazione stessa. Verranno qui prese in esame una serie di articoli di giornali inglesi, proprio al fine di approfondire e fornire dati concreti su tale argomento.
Nella III parte si definisce la business television. Non essendo uno strumento molto diffuso e familiare, si è cercato di descriverne le caratteristiche e il funzionamento nella maniera più chiara, esaustiva e oggettiva possibile, fornendo quegli elementi di comprensione del mezzo in modo che un lettore, pur non conoscendo lo strumento, possa formarsi un proprio giudizio a riguardo. Infine, viene analizzato il caso aziendale preso in esame ovvero quello dell’utilizzo della web tv nell’azienda Enel. Saranno fornite tutte le modalità d’uso e tutte le ragioni d’utilizzo del mezzo senza tralasciare aspetti critici ed efficaci di questo strumento.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione Negli ultimi anni è in corso un fortissimo incremento dell’attività di comunicazione interna. Il bisogno di comunicazione è talmente forte che la sua diffusione non dipende più, come in passato, dall’elevato grado di innovatività organizzativa delle imprese. Infatti, se in passato non lontano erano le imprese più innovative che si dotavano anche di strumenti comunicazionali per supportare l’innovazione, oggi i fattori che contribuiscono a migliorarne l’impiego sono così tanti e diversi tra loro, da non essere più possibile identificare specifiche caratteristiche delle imprese che ne determinano la diffusione. Pertanto non sono solo aumentate le imprese che impiegano la comunicazione interna, ma esse non appartengono più alla categoria delle imprese più innovative sul piano organizzativo, produttivo e commerciale o delle imprese private che appartengono ai settori produttivi più evoluti. L’importanza e la centralità assunta dalla comunicazione interna è il frutto di un’evoluzione nel tempo del concetto stesso di comunicazione. A tal proposito può essere utile rivisitare il modo in cui il concetto stesso si è evoluto nel tempo. 1 Come sostiene Domenico Masi, l’impresa è comunicazione perché è stata proprio la comunicazione del lavoro a determinare la nascita dell’impresa. Infatti, prima della comunicazione, l’impresa non c’era: c’era la piccola bottega artigiana, in cui il genitore era anche il capo, i figli erano i lavoratori ed il luogo di vita quotidiana coincideva con quello di lavoro. In questo microsistema non vi erano problemi di comunicazione, perché naturalmente coloro che detenevano il potere erano il padre e il figlio. 1 De Masi D., La distanza che non c’è: la dimensione virtuale dei nuovi lavori, tratto da G. Valeriani (a cura di) Incontri sulla Comunicazione d’impresa, Calamo, 1996. 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Ivana Di Iorio Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5045 click dal 11/01/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.