Skip to content

Humane Education: l'importanza sociologica di un modello educativo

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Parrino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Daniele Nigris
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Le crudeltà perpetrate sugli animali comportano la costruzione di atteggiamenti altrettanto violenti nei confronti degli umani. Nella conoscenza reciproca, nel gioco del riconoscimento dello stato d'animo dell'altro, è allora possibile stabilire una relazione complessa e profonda in cui ciascuna delle due parti, quella umana e quella animale, non può che arricchirsi. Su questa linea di pensiero, dagli anni 70 in poi sono state effettuate numerose ricerche per studiare il rapporto tra crudeltà sugli animali e violenza interpersonale. Queste ricerche, compiute principalmente negli USA, hanno dimostrato che:
-Più del 70% delle donne abusate tra le pareti domestiche riferisce che i loro maltrattatori hanno minacciato di ferire o uccidere i loro animali domestici o l'hanno fatto.
-Più del 30% delle donne maltrattate con figli riferisce che i loro figli hanno ferito o ucciso animali domestici.
-Tra il 25 e il 50% delle donne maltrattate nelle pareti domestiche, ritarda l'abbandono della situazione di abuso per timore di quello che potrebbe accadere agli animali domestici lasciati soli in quella situazione. Questo vale soprattutto per le donne senza bambini.
-Il 40% delle donne maltrattate riferisce che sono state costrette a prendere parte ad atti sessuali con animali come parte del mantenimento dello stato di terrore domestico.
-Circa il 50% degli stupratori ha commesso atti di crudeltà verso gli animali da bambino o da adolescente.
-Il 30% dei molestatori di bambini ha commesso atti di crudeltà verso animali da bambino o da adolescente.
-Il 15% degli stupratori stupra anche animali.
-Nel 80% delle case in cui le agenzie di protezione animale statunitensi hanno rilevato abusi o trascuratezze su animali ci sono state precedenti indagini da parte di agenzie per il benessere infantile che hanno rilevato abuso fisico e trascuratezza sui bambini.
Negli Stati Uniti questi risultati sono ormai accettati e supportano il lavoro di Forze di Polizia, FBI, magistrati ed educatori, infatti da molti anni la ricerca psicologica ha dimostrato che la violenza perpetrata dai bambini e dagli adolescenti nei confronti degli animali è spesso associata a disturbi psicologici ed in particolare ad atteggiamenti e comportamenti aggressivi nei confronti delle persone. Inoltre, la crudeltà verso gli animali nei bambini e negli adolescenti può preludere ad atteggiamenti e comportamenti antisociali di questi soggetti da adulti. Purtroppo a livello europeo l'indifferenza legislativa e istituzionale attuale verso queste forme di violenza domestica su animali non aiuta nel fronteggiarle. La crudeltà verso gli animali nei bambini e negli adolescenti può preludere ad atteggiamenti e comportamenti antisociali di questi soggetti da adulti.
Purtroppo a livello europeo l'indifferenza legislativa e istituzionale attuale verso queste forme di violenza domestica su animali non aiuta nel fronteggiarle. Questo disinteresse è principalmente dovuto a:
1.mancanza di riconoscimento sociale dei diritti degli animali;
2.errata credenza che i maltrattamenti su animali siano cosa rara mentre chi si è occupato di questo problema è riuscito a dimostrare che soltanto il 5% di questi reati finisce sui giornali;
3.i casi di crudeltà sugli animali sono erroneamente considerati come crimini isolati che non hanno alcuna relazione con altri comportamenti umani come la violenza interpersonale.
Date queste difficoltà la diffusione della Humane Education è di estrema utilità nell'educazione delle giovani generazioni all'empatia e al rispetto verso gli animali , cosa che si traduce di converso in rispetto anche verso gli esseri umani. Maggior interesse da parte delle istituzioni educative verso episodi di violenza o abusi nei confronti degli animali, porterebbe ad una pubblica condanna e disapprovazione verso questi episodi, tanto da diffondere un nuovo messaggio di pace, gentilezza e rispetto verso tutte le creature viventi. Dobbiamo ricordare infine le parole di Arluke, illuminanti a questo proposito:
«Le persone che commettono un singolo atto di violenza sugli animali sono più portate a commettere altri reati rispetto a coloro che non hanno abusato di animali. Come segnale di un potenziale comportamento antisociale, che include ma non limitato alla violenza, atti isolati di crudeltà nei confronti degli animali non devono essere ignorati dai giudici, psichiatri, assistenti sociali, veterinari, poliziotti e tutti coloro che incappano in abusi sugli animali durante il proprio lavoro».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
UNA PAROLA SULLE MOTIVAZIONI DI UN PERCORSO Il tema del rapporto tra animale umano e animale non umano ormai da anni mi appassiona e, per questo motivo ancor prima di affacciarmi alla scelta dell’argomento per la mia tesi, ho iniziato ad informarmi su questo tema controverso. Provengo da una zona del Veneto ancora molto legata alla vita della natura, dove gli umani devono condividere molto con i non umani. Sono nata nella zona del Preparco delle Dolomiti bellunesi, cresciuta tra gli animali che con la mia famiglia ho adottato raccogliendoli abbandonati e in difficoltà dalla strada, osservando le meravigliose apparizioni degli animali selvatici, senza dimenticare le loro poco piacevoli incursioni nei nostri giardini. In un certo senso sono stata introdotta fin da piccola nell’ecosistema, nel suo mutare ad ogni stagione e ad ogni intervento umano, e devo ammettere che questo ha nettamente influenzato il mio essere nel mondo. Studiare sociologia ha poi espanso i miei orizzonti, la mia curiosità e la capacità di trovare quelle informazioni che sono indispensabili quando si vuole capire qualcosa in profondità. Dopo all'incirca due anni di ricerche e letture ho iniziato la composizione di questa tesi. Per il tema trattato, molte delle mie fonti sono state di origine anglosassone perché come vedremo nel corso della trattazione sono stati i paesi anglofoni gli ideatori e i promotori di quella sorprendente risorsa che è la Humane Education. In favore dello sviluppo di un mondo dove violenze e crudeltà vengano progressivamente ridotte, e con l'auspicio che anche in Italia un giorno, sia possibile istituire programmi di Humane Education, educando i bambini al rispetto e alla compassione verso l'animale, ho scelto di fare della mia tesi di laurea un veicolo di informazione e diffusione dei principi e dei valori umanitari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abuse
abusi
adolescenza
animali
animals
ascione f.
bambini
bullismo
children
compassion
compassione
educazione
empatia
evoluzione
humane education
infanzia
maltrattamenti
neglect
piromania
protezione animali
rispetto
umanita
uomo animale
violenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi