Skip to content

Il direttore di museo in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Simona Linardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Francesca Amirante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

La tesi affronta il processo che ha coinvolto la figura del garante dell'intera attività dell'istituzione museale da sempre: il direttore di museo.
La nostra arte è la nostra vita. Il patrimonio culturale e artistico del nostro Paese è specchio delle nostre menti, ed esso dipende da chi lo ha in cura.
Il presente lavoro nasce da un paradosso: ricca di arte e vestigia del passato, l'Italia appare disattenta rispetto alle professioni museali che dovrebbero averle in cura e trasmetterne il significato.
Il museo e il sistema dei beni culturali non sono e non devono diventare un'impresa, ma potrebbero essere gestiti come tali, se consideriamo che i fondi pubblici sono necessari alla sopravvivenza dei musei. In altre parole, pur mantenendo obiettivi diversi da quelli produttivi e commerciali cui è orientato, per definizione, il mercato, questa concezione comporterebbe da parte dello Stato, oltre ad una chiarezza di obiettivi, di tempi e costi, l'onere di ottimizzare capitali e risorse umane mediante l'adozione di politiche imprenditoriali: un continuo reinvestimento degli utili e un piano sistematico di riqualificazione del personale. È però chiaro che di fronte a tali incombenze, certo impegnative ma non impossibili ad assumersi, lo Stato ha preferito passare la mano ai privati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Io non penso all'arte quando lavoro. Io tento di pensare alla vita. (Jean-Michel Basquiat) La nostra arte è la nostra vita. Il patrimonio culturale e artistico del nostro Paese è specchio delle nostre menti, ed esso dipende da chi lo ha in cura. Il presente lavoro nasce da un paradosso: ricca di arte e vestigia del passato, l‟Italia appare disattenta rispetto alle professioni museali che dovrebbero averle in cura e trasmetterne il significato. Questi mestieri sono strategici e indispensabili per la nostra sopravvivenza, per il nostro benessere, per la crescita e il futuro della comunità italiana. Le figure professionali costituiscono le linee guida lungo le quali si sono originate peculiarità, funzioni e mutamenti dei nostri musei. Per più di un secolo, la funzione di tutela degli oggetti e dei monumenti che costituiscono il patrimonio culturale della nostra nazione, la funzione di custodia e diffusione dei loro significati fu affidata a specialisti che operavano in edifici adatti a contenere e a esporre gli oggetti del patrimonio, e cioè nei musei. Questi uomini organizzavano la produzione scientifica, amministravano le dotazioni finanziarie, definivano le azioni indirizzate verso la crescita culturale della società e verso l‟educazione delle giovani generazioni, e garantivano la sicurezza delle collezioni. Su tutto ciò vigilava lo Stato, che controllava sia il livello qualitativo dei direttori e dei conservatori assumendoli attraverso duri concorsi, sia il livello della produzione culturale del museo. Con gli anni, si sono avute considerevoli trasformazioni, soprattutto in seguito ai tagli dei finanziamenti pubblici, comportando irreversibili modifiche al ruolo stesso del direttore di museo, che non incarna più meramente la figura di studioso che governa il museo, presumibilmente lontano dal trambusto della politica e del mondo esterno, ma svolge attività che hanno sempre meno a che fare con l‟arte e che comprendono operazioni di marketing e di “fundraising”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alfred barr
arte
bucarelli
direttore
dominique vivant denon
italia
mestiere di direttore
museo
storia del museo
wilhelm von bode
wittgens

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi