Skip to content

Il Curriculum Universitario del Corso di Laurea in Infermieristica: analisi storico-logica. Prospettive future attraverso la metodologia del Problem-Based Learning.

Informazioni tesi

  Autore: Irene Pavesi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Giovanna Giuffreda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Fenomeno Indagato e Razionale:
Con questa tesi si vogliono andare ad analizzare le principali caratteristiche della formazione di base offerta oggi agli studenti del Corso di Laurea in Infermieristica, sottolineandone criticità e positività alla luce di un'indagine condotta sia dal punto di vista storico che dal punto di vista critico-logico. Proposito centrale di questo elaborato è la dimostrazione di quanto sia importante strutturare un percorso formativo basato sulla pertinenza tra Formazione e Professione. Riconoscendo il Problem Solving come peculiarità dell'essere Infermiere oggi e avvalendoci di numerose fonti estrapolate dalla letteratura internazionale, si vuole infine proporre la metodologia del Problem-Based Learning come mezzo di possibile miglioramento reale della formazione professionale odierna.

Percorso dell'Indagine/Revisione:
Per dimostrare la necessità che la Formazione si basi sui principi fondanti la Professione, vengono descritte le trasformazioni avvenute nel sistema formativo e in seno alla Professione; vengono sottolineati i momenti che hanno portato alla trasformazione della professione infermieristica da “quasi professione” a “professione istituzionalizzata” per dimostrare l'importanza di quanto lo studente oggi necessiti di essere formato all'autonomia e al decision making, all'utilizzo delle proprie capacità analitiche e di ragionamento induttivo che lo aiutino nel “governo dell'incertezza” assistenziale e nella presa di responsabilità delle sue decisioni professionali. Vengono quindi confrontati i Curricula Studii più recenti e viene riportato l'esempio della metodologia della Middlesex University of London che molto si discosta da quella utilizzata in Italia. Infine, viene presentata una nuova metodologia di insegnamento/apprendimento, il Problem-Based Learning, da decenni sperimentato ed utilizzato con ottimi risultati in tutta Europa, come provano gli studi di ricerca riportati ed effettuati sull'argomento da molte Università in tutto il mondo.

Principali Risultati di interesse Infermieristiche Conclusioni:
Nel Curriculum Studii del 1997 si riconducono tutti gli insegnamenti alle competenze infermieristiche affermate dal “Profilo”, a garanzia di pertinenza formativa, senza però riuscire a collegare gli aspetti pratici con quelli teorici. Nel piano di studi del 2004 troviamo un vuoto logico-funzionale tra obiettivi formativi e competenze infermieristiche da raggiungere con essi, perdendo quindi quel tentativo di ricerca della pertinenza professionale della formazione effettuato nel 1997. La contraddizione in seno ai Curricula rimane peraltro anch'essa immutata: nelle poche ore riservate agli insegnamenti infermieristici, i docenti dovrebbero essere in grado di completare i propri insegnamenti ma anche di ricondurre tutti gli elementi disciplinari, compresi quelli clinici, alle competenze professionali. Questo elaborato vuole proporre un nuovo metodo considerato tra i migliori della didattica attiva, come evidenziato dalla letteratura scientifica, perché elimina la necessità di approccio in senso “verticale”, di cui necessita la metodologia tradizionale, stimolando lo studente al ragionamento ed abolendo l'apprendimento di tipo esclusivamente mnemonico, necessario invece all'altra metodologia. Questo metodo è il Problem-Based Learning. Partendo dal presupposto che il Problem Solving è il cuore della moderna professione infermieristica, se ne evince che il Problem-Based Learning, per definizione, può rappresentare il miglior metodo di insegnamento al fine di instillare ed implementare l'abilità dello studente, futuro professionista, nel trovare le risposte ai problemi/bisogni e fornire quindi la migliore assistenza possibile. Il PBL può essere adottato anche all'interno di un contesto formativo
tradizionale, e può essere applicato anche a singoli insegnamenti, magari proprio a quelle discipline prettamente infermieristiche caratterizzanti la professione, senza dover necessariamente stravolgere l'intera struttura formativa. Il PBL può inoltre rivelarsi un utile ed innovativo metodo per condurre le lezioni di laboratorio oppure, estrapolandone alcune metodologie di valutazione, come l'OCSE (Objective Structured Clinical Examination) e il TRIPLO SALTO, per impostare gli esami finali di tirocinio con l'obiettivo di focalizzare maggiormente queste prove sulle caratteristiche del Problem Solving e per creare una situazione formativa in cui sia possibile valutare realmente le capacità di pensiero critico e di Problem Solving dello studente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L'idea di questa tesi nasce da un'esperienza triennale vissuta a contatto con le criticità dell'attuale Curriculum Studii di Infermieristica. Nasce dalla mente di una studentessa che crede fermamente nella positività del cambiamento soprattutto quando tale cambiamento può partire “dal basso”. La trattazione che seguirà non vuole essere un semplice ed a-finalistico virtuosismo, ricamato attorno a vuote supposizioni o a timide ipotesi, ma vuole, senza presunzione, essere letta come una testimonianza riportata in chiave critica e calata nel reale mondo universitario vissuto dal punto di vista dello studente e alla luce della letteratura scientificamente convalidata. Tutto questo ruota intorno al concetto fondamentale per cui il mandato principale del Corso di Laurea in Infermieristica deve essere quello di instillare e far crescere negli studenti la consapevolezza di ogni agito infermieristico all'interno di ogni ambito della Disciplina e della Professione nonché quello di implementare le loro capacità di pensiero critico al fine di poter formare un professionista in grado di concettualizzare l'assistenza infermieristica. Al termine dei tre anni previsti dal primo ciclo universitario di studi, lo studente può avere la sensazione di non essere del tutto pronto ad iniziare la sua carriera professionale e questo forse anche perché l'attuale organizzazione del Curriculum universitario si concentra prevalentemente sul raggiungimento degli obiettivi formativi teorico-disciplinari mentre sembra essere concepito in modo poco funzionale ai fini della formazione professionale. Qui non vogliamo alludere solo alla grande disparità che esiste nella distribuzione delle ore riservate alle lezioni teoriche delle due discipline, Bio-Medica ed Infermieristica, nettamente a favore della prima, ma vogliamo anche sottolineare come il “verticalismo” con cui vengono affrontati tutti gli argomenti disciplinari crea un enorme gap tra insegnamenti teorici e quelli pratici e tra insegnamenti prettamente clinici e quelli prettamente infermieristici. Nel Capitolo 1 vengono tracciati i passaggi storici fondamentali che hanno portato alla nascita dell'attuale sistema formativo infermieristico caratterizzato dal continuo rincorrersi di “dinamismo” e “staticità”, di cambiamento e tradizione, di passato e futuro. In un periodo storico che va da prima dell'Unità di Italia ai nostri giorni, si è voluto analizzare tutti i più importanti atti legislativi, dai Regi Decreti ai documenti più moderni per l'istituzione delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Il percorso 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

curriculum formativo
curriculum per discipline
curriculum per moduli
emancipazione infermieristica
infermieristica
mansionario
problem solving
problem based learning
profilo
sociologia delle professioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi