Skip to content

Problemi di integrazione nelle zone urbane degradate: Parigi e Milano

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Pacini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Antonio Chiesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

La tesi analizza i motivi dell'esclusione sociale degli immigrati e dei loro discendenti e la tendenza alla ghettizzazione nelle metropoli urbane. Vengono esaminati i casi di Parigi e Milano, nelle loro differenze e nei loro tratti comuni, con particolare riferimento a momenti di criticità sociale come le rivolte nelle banlieues del 2005 e gli scontri di Via Padova del Febbraio 2010.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.

 6 
 Introduzione
 
 Il
presente
lavoro
mette
a
confronto
due
realtà
profondamente
diverse,
ma
che
 hanno
 dei
 punti
 in
 comune.
 La
 banlieue
 parigina
 e
 la
 provincia
 di
 Milano
 ospitano
entrambe
un’alta
concentrazione
di
immigrati,
e
nel
caso
francese
a
 questi
 vanno
 accostati
 i
 discendenti
 degli
 stranieri
 arrivati
 con
 le
 ondate
 migratorie
 degli
 anni
 Cinquanta.
 Entrambe
 le
 zone
 d’interesse,
 inoltre,
 presentano
il
fenomeno
del
degrado
urbano
e
la
sovrapposizione
di
diversi
 fattori
di
disagio
sociale
ed
economico,
complicati
dai
problemi
di
integrazione
 della
consistente
popolazione
immigrata.

 La
concentrazione
degli
immigrati
e
delle
comunità
etniche
però
è
molto
più
 forte
nelle
periferie
francesi:
nella
provincia
di
Milano
il
fenomeno
non
è
così
 netto.
Allo
stesso
modo,
nel
capoluogo
lombardo
gli
immigrati
non
abitano
solo
 le
periferie,
ma
anche
alcuni
quartieri
centrali.
Tuttavia
spesso
anche
in
Italia,
 per
motivi
socioeconomici,
legati
anche
al
mercato
immobiliare,
oltre
che
per
 effetto
delle
reti
sociali
ed
etniche,
si
verifica
una
certa
concentrazione
degli
 immigrati
in
aree
circoscritte,
ma
nel
caso
di
Milano
si
tratta
di
vie,
tratti
di
vie
 o
condomini.
In
ogni
caso
queste
zone
sono
immerse
in
un
contesto
urbano

 ampio

e
quindi
non
sono
isolate.
Un’altra
differenza
sostanziale
tra
Italia
e
 Francia
 è
 la
 politica
 per
 l’integrazione.
 Mentre
 la
 Francia
 ha
 una
 lunga
 esperienza
al
riguardo,
l’Italia
non
ha
ancora
una
linea
politica
definita,
anche
 perché
 rientra
 nel
 modello
 mediterraneo,
 e
 dunque
 è
 un
 Paese
 meta
 di
 immigrazione
solo
da
tempi
relativamente
recenti
(Ambrosini,
2005).
Infine,
va
 fatta
 una
 profonda
 distinzione
 tra
 Italia
 e
 Francia
 per
 quanto
 riguarda
 l’approccio
delle
istituzioni
alla
questione
dell’immigrazione
e
il
rapporto
fra
 Stato
e
stranieri.
Lo
Stato
francese
è
infatti
molto
più
attivo
nella
gestione
 dell’immigrazione
rispetto
a
quello
italiano.
Gli
ideali
della
 République,
inoltre,
 uniti
 al
 modello
 assimilazionista,
 hanno
 creato
 nelle
 nuove
 generazioni
 di
 origine
straniera
delle
aspettative
molto
elevate
di
inclusione
sociale,
disattese
 dai
fatti.
In
Italia
la
situazione
per
il
momento
è
diversa
e
da
questo
punto
di
 vista
i
due
Paesi
non
sono
comparabili.

 Questi
temi
sono
trattati
nel
primo
e
nell’ultimo
capitolo.
Il
primo
è
dedicato
al
 confronto
delle
condizioni
degli
immigrati
in
Italia
e
in
Francia,
con
particolare
 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banlieue
banlieues
degrado
ghetto
immigrazione
integrazione
marginalità
milano
parigi
rivolte
stranieri
via padova

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi