Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giovani, lavoro e sindacato: i risultati di una ricerca in Campania

Il presente lavoro nasce dunque dall’ idea di voler illustrare le attuali condizioni di lavoro dei giovani e il rapporto tra i giovani e il sindacato.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi anni si sta assistendo a profonde trasformazioni del sistema economico-capitalistico, sviluppatosi a seguito dell’ industrializzazione, che hanno forti ripercussioni sulla forma del lavoro e della sua organizzazione. Infatti, la crisi del sistema fordista, la terziarizzazione dell’ economia mettono in discussione la figura del lavoratore salariato, ossia quello dipendente a tempo pieno e indeterminato. Indici di questi cambiamenti sono la diffusione di nuove forme contrattuali: i lavori atipici. Le mutate condizioni occupazionali comportano la necessità di un aggiornamento del sistema di welfare che è diventato inadeguato di fronte a tali trasformazioni. Infatti, il sistema delle assicurazioni sociali obbligatorie, che è stato fondamentale per il buon funzionamento dell’ intero sistema di welfare fordista, serve ben poco a soddisfare la richiesta di protezione sociale degli atipici. E’ parso, dunque, necessario effettuare un passaggio dalle politiche passive alle politiche attive del lavoro: misure di incentivazione del lavoro, programmi di inserimento lavorativo, e progetti di formazione professionale. Ma i risultati ottenuti sono oggi discutibili. Con questa situazione si confrontano le organizzazioni sindacali che si propongono di rappresentare i lavoratori atipici, trovandosi di fronte alla necessità di aggiornare i propri strumenti di azione. Al riguardo si è parlato di “incertezza della rappresentanza”. Infatti, oltre alla riduzione nelle adesioni dovuta alla crescente disoccupazione verificatasi nell’ industria, si riscontra un’ insufficiente rappresentanza dei nuovi lavoratori. Si è riscontrata una sua incapacità di sintesi degli interessi di lavoratori molto

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Rosa Passaro Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1503 click dal 27/12/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.