Skip to content

La progettazione partecipata in un'ottica di sviluppo sostenibile

Informazioni tesi

  Autore: Marco Trabucchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Guido Martinotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 211

Tutte le società avanzate sono fortemente pianificate; la pianificazione in senso generale ha due direttrici principali, quella economica (il budget, gli incentivi e disincentivi) e quella fisico-territoriale (il quadro delle risorse idriche o delle aree protette, o dei piani regolatori o delle infrastrutture di trasporto). Le due attività sono decisive per determinare il futuro (della regione, del paese e del mondo) compresa la sua “sostenibilità”, la qualità della vita e l’ambiente. Per questo motivo questa tesi si struttura in due direzioni apparentemente distanti ma in realtà molto vicine: la dimensione locale e quella globale. Lo slogan ambientalista per eccellenza: “Pensare globalmente, agire localmente” in questo senso “calza a pennello”.
Nella prima parte le motivazioni che ci hanno spinto ad analizzare la problematica “sviluppo sostenibile”, trovano giustificazione nella constatazione che molti tentativi di riportare l’uso dello spazio fisico a criteri ambientali eco-sostenibili e quantificabili, sono legati al concetto di “soglia”, la risorsa minima da non intaccare; un concetto che allargato finisce in qualche modo per comprendere anche quello di “impatto” ambientale e di sviluppo ecocompatibile (che in questa ricerca riprendiamo). L’approccio che abbiamo seguito è stato quello di delineare i contorni sfumati di un problema che abbraccia molti saperi e “sfaccettature” (il problema ecologico e quello sociale). Abbiamo dunque tentato di dare una valutazione etica alla problematica ambientale e sociale partendo da una sostanziale “critica” al modello economico che ha portato alle attuali condizioni. Riteniamo sia importante cercare di valorizzare quanto di buono è stato fatto per invertire la rotta, coscienti che l’ambientalismo ha spesso avuto una connotazione esclusivamente critica e passiva.
La seconda parte dell’analisi, esamina le richieste sorte recentemente nella comunità internazionale, in seguito alla presa di coscienza dei paesi sviluppati alla problematica “sviluppo sostenibile”. I trattati internazionali e la geopolitica regionale si sono “evoluti”, o meglio, la cooperazione internazionale si è allargata alle problematiche ecologiche e sociali, l’excursus storico dei trattati internazionali delineato è servito a sottolineare l’evoluzione del ruolo giocato dalle organizzazioni sovranazionali, prima fra tutte le Nazioni Unite. Il nuovo corso cui dovrebbe conformarsi l’intero gioco politico-strategico futuro appare delinearsi all’orizzonte: la lotta all’inquinamento, alle disuguaglianze nei rapporti nord-sud, all’immigrazione, alla qualità di vita nelle città; tutte argomentazioni che ancora confluiscono nel calderone “sviluppo sostenibile” e dalle quali non possiamo esimerci.
Nella terza parte si focalizza la problematica a livello locale, si riprende la pianificazione (o progettazione) in una dimensione urbana attraverso l’analisi di alcune esperienze di progettazione partecipata, ci siamo occupati di quelle piccole mosse che “dal basso” potrebbero rilanciare le azioni per uno sviluppo sostenibile e per una maggiore coscienza ecologica. Allo stesso modo si è cercato di porre l’accento sugli aspetti positivi che essa implica e gli attori che rilancerebbero la pianificazione in “auge” in tutte le realtà territoriali: i bambini. L’oggetto della ricerca si delinea sul livello urbano e le problematiche che investono la società attuale e la città contemporanea. Nei nuovi agglomerati urbani si riflette nitidamente la società moderna a livello microsociale, i suoi rapporti e le sue disuguaglianze, che spesso si materializzano in una deprivazione affettiva della civitas.
Viene in particolar modo messa a fuoco la condizione del minore, quale anello debole della nostra catena sociale, colui che più soffre delle condizioni urbane contemporanee, l’oggetto del nostro argomento rimane dunque focalizzato sulla “problematica” minorile (mancanza di luoghi aggregativi, disgregazione del senso di comunità, ecc.). Vengono in seguito prese in considerazione tre esperienze di progettazione partecipata, quali concrete realizzazioni per migliorare la qualità urbana, soprattutto per i piccoli fruitori, allargandone le potenzialità verso gli utenti più adulti, in un’ottica che vede la partecipazione quale via alla sostenibilità, in un processo “a cascata”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Tutte le società avanzate sono fortemente pianificate; la pianificazione in senso generale ha due direttrici principali, quella economica (il budget, gli incentivi e disincentivi) e quella fisico-territoriale (il quadro delle risorse idriche o delle aree protette, o dei piani regolatori o delle infrastrutture di trasporto). Le due attività sono decisive per determinare il futuro (della regione, del paese e del mondo) compresa la sua “sostenibilità”, la qualità della vita e l’ambiente. Per questo motivo questa tesi si struttura in due direzioni apparentemente distanti ma in realtà molto vicine: la dimensione locale e quella globale. Lo slogan ambientalista per eccellenza: “Pensare globalmente, agire localmente” in questo senso “calza a pennello”. Nella prima parte le motivazioni che ci hanno spinto ad analizzare la problematica “sviluppo sostenibile”, trovano giustificazione nella constatazione che molti tentativi di riportare l’uso dello spazio fisico a criteri ambientali eco-sostenibili e quantificabili, sono legati al concetto di “soglia”, la risorsa minima da non intaccare; un concetto che allargato finisce in qualche modo per comprendere anche quello di “impatto” ambientale e di sviluppo ecocompatibile (che in questa ricerca riprendiamo). L’approccio che abbiamo seguito è stato quello di delineare i contorni sfumati di un problema che abbraccia molti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
globalizzazione
sviluppo sostenibile
progettazione partecipata
pianificazione urbana
qualità urbana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi