Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La presenza cinese in Africa: luci e ombre della sua influenza sui processi di sviluppo

Questo studio si propone di capire come e in che misura il nuovo interesse commerciale e diplomatico della Cina verso l’Africa possa incidere sullo sviluppo delle strutture economiche, politiche e sociali africane. Da una parte le autorità cinesi descrivono la loro presenza in Africa come una nuova forma di cooperazione sud-sud, un’alleanza per lo sviluppo basata sulla complementarietà vocazionale tra Cina e Africa, in definitiva un’alternativa dal sud rispetto alle pretese egemoniche del mondo occidentale e rispetto all’imposizione del loro modello di sviluppo. Dall’altra parte, i fatti e le cifre contenute in vari studi descrivono la strategia cinese basata su una logica commerciale di espansione selvaggia; disponendo di capitali quasi inesauribili, è logico che la Cina li investa in Africa, usando una strategia spregiudicata, soprattutto tenendo artificialmente basso il valore dello yuan e immettendo sui mercati prodotti a prezzi stracciati grazie al costo irrisorio della manodopera.
Il lavoro si struttura in tre capitoli:
· nel primo si analizzano le origini della relazione Africa – Cina, fino alla nascita del Forum di cooperazione Africa-Cina (FOCAC);
· nel secondo si analizza la portata e le conseguenze della sete energetica cinese, attraverso lo sviluppo del settore petrolifero.
· nel terzo ed ultimo capitolo, si esamina nel dettaglio la strategia di penetrazione cinese nelle aree-chiave del continente nero, il caso emblematico trattato sarà quello del Sudan.
Di fronte allo straordinario ed inatteso fenomeno del capitalismo di stato, un’espansione internazionale che garantisca l’accesso a grandi quantità di materie prime, a fonti sicure di energia e a nuovi mercati diventa semplicemente un’ esigenza prioritaria. Il punto di partenza di questa strategia è costituito da una solida strategia diplomatica, basata sulla capillare rappresentanza della Cina nelle istituzioni politiche ed economiche africane a livello nazionale, regionale e continentale, senza trascurare infine l’importanza della presenza in organismi multilaterali e degli scambi diplomatici cinesi-africani. L’obiettivo fondamentale di questa strategia diplomatica è quello di creare le condizioni per facilitare gli investimenti e l’apertura commerciale tramite le riduzione dei dazi doganali. Lo studio, evidenzia, come l’approvvigionamento di risorse energetiche e materie prime sia uno dei punti chiave per capire la penetrazione economica cinese in Africa ed in altre aree del mondo considerate ancora Paesi terzi, che rientrano nella categoria del Sud del mondo. In termini di priorità, le attività cinesi in Africa si concentrano nell’ambito del settore petrolifero. In questo quadro particolarmente importanti sono i progetti di sviluppo di linee ferroviarie ed oleodotti. Altre iniziative di rilievo riguardano la concessione di prestiti, collegati a precisi progetti di sviluppo economico. I prestiti vengono concessi in grande quantità, a bassi tassi di interesse e senza nessun tipo di condizioni politiche. Infine, l’aiuto allo sviluppo, benché non costituisca un’attività prioritaria, è parte integrante della strategia cinese per l’Africa. In particolare, sul principio base di una cooperazione amichevole e senza condizioni viene improntato tutto il rapporto tra i due paesi, attraverso l’azzeramento di miliardi di dollari di debiti contratti dai paesi africani; l’annullamento dei dazi su numerosi prodotti d’importazione africana e la garanzia fornita a diversi governi di regioni africane di ricevere, in cambio del petrolio, dei benefits, i quali, oltre a favorire la conclusione di accordi nel settore energetico, rappresentano spesso occasioni irripetibili di uscita dalla povertà per questi paesi. Il lato negativo che tuttavia emerge dalle novità dell’approccio cinese alla cooperazione riguarda l’incompletezza o totale assenza di risposta ai bisogni reali della popolazione africana, in quanto i benefici prodotti dalla cooperazione di Pechino in molti Paesi africani, pur avendo determinato risultati di crescita economica sorprendenti, non hanno permesso sostanziali miglioramenti nelle condizioni di vita delle popolazioni.
Questo studio si propone di individuare dove stanno i benefici, soprattutto in termini di sviluppo sostenibile, della cosiddetta via cinese per lo sviluppo dell’Africa; e se questo nuovo scenario internazionale possa rappresentare per l'Africa un reale inserimento nelle dinamiche del commercio internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
前言 我 的 论文 涉及 到 中国人 前 往 非洲,及 对 非洲 未来 的 影响。中国 与 非州 的 关系 其有 悠久 的 历史。早在 一九五五 年 Bandung 国际 会议 上 中国 就 开始 与 非州 建议 友好 关系 了。而 +今天 中国 与 非洲 的 关系 变 得 更加 重要。本 文 意 在 研究 通过 中国 对 非洲 商业 上 的 援助,非 洲 在 经济,政治 以及 社会 得以 发展。表面 上,中国 政府 是 认为:诚恳友 好,平等,团结合作,共同 发展 是 中非 交往 与 合作 的 原则。可是 有 还 很 多 文章 与 数字 说明 中国 对 非洲 是 用 商业 上 的 强势 战略 。我 的 论 文 有 三 个 章节:第 一 章 谈 中国 与 非洲 关系 的 历史,直至 中非 合作 论坛 的 产生。第 二 章 分析 合作 的 目的 是 对非洲 能源 的 开发,比如 对 石油 的 开发。第 三 章 专题 分析 中国 在 非洲 的 战略:分析 Sudan 与 中 国 的 关系。中国政府 使用 强大 的 政治 和 外交。其 目标 是 鼓励 中国 的 企业 对 非洲 的 投资,使 非洲 产品 更 容易 进入 中国 市场,以便 扩大 和 平衡 双边 贸易,优化 贸易 结构。 中国 的 经济 活动 在 非洲 集中 在 石油 部门。有 一些 很 重要 的 发展 的 计划,最 重要 的 计划 是建设 铁路,公路 和 输油管。本 文 提出 如果 非洲 能 登上 从 中国 得 益,将来 非洲 是 否 国际 贸易。 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Pandora Puccioni Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2472 click dal 22/12/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.