Skip to content

La ricerca sociale sul campo

Informazioni tesi

  Autore: Viola Valenti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Alessandro Bruschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

Il presente elaborato è una panortami della sperimentazione nelle scienze sociali, concentrandomi specialmente sull'esperimento sul campo. Nel primo capitolo affronto sinteticamente la nascita della sperimentazione e il suo approdo alle scienze sociali passando attraverso l’esperimento biologico. Addentrandomi poi nella sperimentazione sociale, tratto dei problemi che questa comporta da due punti di vista, tecnico e morale. Gli aspetti metodologici del problema saranno affrontati nel corso dell’intero elaborato. Nel primo capitolo mi concentro sul concetto di validità e sulla sua applicazione tanto ai disegni sperimentali quanto agli strumenti utilizzati. Nel secondo capitolo descrivo le classificazioni che i vari autori hanno fatto tra gli esperimenti sociali, partendo dalla classificazione in base all’ambientazione che li distingue in esperimenti di laboratorio e esperimenti sul campo. Mi soffermo quindi sulla sperimentazione di laboratorio, sui pregi e i difetti che essa annovera e sui vari disegni sperimentali che sono stati approntati. In seguito tratto della distinzione, operata da Donald T. Campbell, tra esperimenti e quasi - esperimenti e di quella basata sulla dimensione temporale che classifica gli esperimenti in disegno trasversale, progettato ed ex post. Nel terzo ed ultimo capitolo mi concentro sulla tematica centrale del presente elaborato, la sperimentazione sul campo. Dopo aver affrontato le questioni attinenti le procedure metodologiche, mi soffermo sui vari tipi di disegni sperimentali, distinguendoli in due macro categorie: nonequivalent groups designs e interrupted time series designs. Concludo affrontando la questione della collaborazione tra scienziati e operatori sociali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di società della conoscenza. Questo concetto presenta numerose sfaccettature nelle diverse sfere sociali in cui viene applicato; tuttavia in generale indica una società che basa il proprio sviluppo e le proprie decisioni sull’avanzamento del sapere. È un modello astratto, ancora ben lontano dall’essere realizzato: l’Unione Europea è stata finora l’organizzazione che con più vigore e convinzione ha portato avanti questo progetto e lo ha percorso seguendo due strade principali. Da una parte incentivando l’istruzione e valorizzando coloro che acquisivano competenze sempre più specifiche; dall’altra incoraggiando un connubio proficuo tra scienziati e decisori, sia pubblici sia privati. Per il loro oggetto di studio, gli scienziati sociali sono stati fin dall’inizio coinvolti in questo tipo di progetto. Si pensi, ad esempio, alla Scuola di Chicago e in generale all’approccio statunitense alla sociologia: per loro questa disciplina non aveva le finalità teoriche che aveva in Europa, ma doveva essere un valido sostegno su cui i programmi sociali dovevano basarsi. La Scuola di Chicago, in particolare, si avvaleva dell’osservazione come strumento principale per indagare le dinamiche sociali. Tuttavia i suoi membri si limitavano a registrare i fenomeni sociali e a comunicarli ai decisori competenti, i quali progettavano i relativi interventi. Prima di estendere tali interventi a tutta la popolazione interessata, era necessario testarne gli effetti. C’era un unico metodo d’indagine che poteva permetterlo: la sperimentazione. La sperimentazione sociale, nata nelle scienze naturali e da queste passata alla biologia per poi approdare alle scienze sociali, fu dapprima applicata in psicologia dove ebbe, ed ha ancora, come ambientazione principale il laboratorio. Questo tipo di sperimentazione, tuttora molto utilizzato, ebbe fortuna specialmente nel periodo in cui si cercava di elevare le scienze sociali allo stesso piano di quelle naturali. Da una parte l’influenza della psicologia portò ad avvalersi dell’esperimento di laboratorio, che appunto appariva come una strada per eguagliare i risultati raggiunti nelle scienze fisiche. Dall’altra, però, la biologia aveva allestito le proprie sperimentazione sul campo e sembrava naturale, quindi, che questa ambientazione potesse essere lo sfondo della sperimentazione sociale, dando vita all’esperimento sul campo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

campbell
esperimento
esperimento ex ante
esperimento ex post
esperimento in itinere
scienze sociali
sociologia
sperimentazione di laboratorio
sperimentazione sul campo
storia esperimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi