Skip to content

Le attività terapeutiche degli internati dell'Ospedale Psichiatrico Giudiziario ''F. Saporito'' di Aversa

Informazioni tesi

  Autore: Nicoletta Palma
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Dora Gambardella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Nella mia ricerca ho trattato delle attività terapeutiche degli internati dell’O. P. G. “F. Saporito” di Aversa. Essi praticano una serie di attività: centro ascolto, area verde, teatro, laboratorio colore, musicoterapia, psicodramma, cineforum, centro lettura, gruppo gestalt, corsi professionali di ceramica e pittura, scuola elementare e media, e anche alcuni lavoretti ricevendo in cambio una paga sindacale. Io però ho trattato solo di tre attività: il centro ascolto, l’area verde e il laboratorio colore.
I tentativi di trattamento iniziarono nel 1980 e si iniziò con la sperimentazione delle tecniche psicodrammatiche poiché il direttore dell’O. P. G. è esperto in materia. Poi si passò a sperimentare dei gruppi d’ascolto in uno spazio aperto per stimolare la comunicazione e nel rispetto dei tempi dei ricoverati. E così si cominciava a risocializzare. Nel 1999 fu allestito un laboratorio di espressione con il colore con la collaborazione della dott. ssa Mancini, studiosa di linguaggi e già esperta nel campo del laboratorio colore. Col passare degli anni, i ricoverati diminuirono perché fu attuato un piano di evacuazione con affidamento alle strutture territoriali di salute mentale dei loro luoghi d’origine. Parallelamente si cercava di apportare anche altri cambiamenti, come ad es. l’eliminazione nel 1997 del servizio di sorveglianza sulle torrette del muro perimetrale e l’istituzione di un’autopattuglia, che fu successivamente anch’essa eliminata nel 1998. Furono organizzati reparti di socioterapia trattamentale gestiti dai ricoverati con l’ausilio del solo personale sanitario paramedico, senza la presenza della Polizia Penitenziaria.
Nell’O. P. G. attualmente sono presenti 250 ricoverati: 107 prosciolti, 40 seminfermi, 72 provvisori con un giudizio non ancora definito, 11 detenuti, 1 ricoverato che si trova in un luogo esterno di cura e 19 internati in licenza finale esperimento. I ricoverati sono tutti di sesso maschile, la loro età media è di 42 anni. La metà proviene dal Meridione e due terzi sono tossicodipendenti e immigrati stranieri. Per quanto riguarda lo stato civile, la maggior parte è celibe, pochi sono i separati/divorziati e i vedovi sono per lo più responsabili della loro vedovanza. Più della metà degli internati è analfabeta o comunque ha un livello di scolarità molto basso, solo due sono laureati. I reati commessi sono in maggioranza contro la persona: omicidio, sequestro di persona, rapina, violenza sessuale, trasgressione degli obblighi di libertà vigilata, tentato omicidio, tentata violenza sessuale, danneggiamento, incendio, estorsione, furto, lesioni personali. Non pochi però sono i casi di persone che stanno in O. P. G. , ma potrebbero tranquillamente uscire e non lo fanno perché non ci sono familiari in grado di accoglierli o per l’inesistenza di servizi sociali sul territorio, come ha denunciato anche un’inchiesta fatta da “Il Manifesto” il 16/11/2003.
Come tecnica di analisi ho utilizzato l’osservazione partecipante e l’intervista semi-strutturata, con domande socio anagrafiche riguardanti l’età, la provincia di nascita e di residenza, lo stato civile, il titolo di studio, la condizione occupazionale, il reato commesso, la misura di sicurezza detentiva e domande riguardanti la partecipazione alle attività terapeutiche. Ho intervistato l’educatrice dell’area trattamentale, la cui intervista per me è stata di fondamentale importanza perché, ad es. mi ha spiegato quali sono tutte le tappe da seguire perché avvenga la partecipazione di un ricoverato ad un’attività terapeutica; e 7 internati. In realtà, ne avrei dovuto intervistare 6, ma quando ho fatto l’ultima intervista all’area verde un ricoverato mi ha chiesto di essere intervistato.
Ho anche consultato le inchieste socio familiari, da cui è emerso che il più delle volte i segni di disagio sono già rinvenibili nella famiglia d’origine, dove ci sono situazioni di alcolismo e episodi di violenza. La maggior parte dei ricoverati da piccolo è stato rinchiuso in istituti per minori, e già mostrava disturbi comportamentali. Inoltre non hanno contatti con i familiari o hanno solo contatti telefonici. I familiari danno la colpa delle disgrazie accadute, soprattutto nel caso dei reati più gravi, alla sordità delle istituzioni competenti, in quanto spesso si chiede aiuto all’ASL o al DSM senza avere alcuna risposta.
Dalle osservazioni, invece, è venuto fuori che nelle attività non si può parlare della costituzione di gruppi, ma in ognuna c’è 1 leader che esercita una sorta di fascino carismatico sugli altri, e quindi nasce un effetto imitazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La ricerca riportata in questo scritto riguarda lo studio delle attività terapeutiche degli internati dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario “F. Saporito“ d’Aversa. Il desiderio di riflettere su questo argomento mi è venuto leggendo 2 e-mail sul sito dell’O. P. G., la cui home page è costituita da un’immagine espressiva e emblematica: persone che si arrampicano su un immaginario muro (la scritta O. P. G. Aversa) per oltrepassarlo. Le 2 e-mail sono state inviate all’Unità on line: 1 è di un internato e una è da parte di tutti. Sono velate da un filo di ironia, ma al contempo sono molto pungenti e lamentano le condizioni in cui versano gli internati. Le riporto qui di seguito: 1) Noi siamo stanchi di come funziona quest’O. P. G. La mattina per cominciare vogliamo mangiare due biscotti col burro e colla marmellata oltre un semplice latte e caffé. Poi vogliamo mangiare l’aragosta e vogliamo i camerieri in livrea. Poi io fumo le lucky Strike e non posso fumare delle semplici Merit o Marlboro o MS. Poi ripeto il mangiare non è buono: non mangiamo mai spaghetti colle vongole, i cannoli e il gateau di patate. E pensate un po’ che non abbiamo neanche due o tre piscine termali per farci il bagno. E poi la spesa non funziona proprio. Per cominciare ad esempio all’area verde ci vorrebbe un chioschetto che venda paste e caffé a profusione. E no e no l’O. P. G. non va proprio bene. Ci vorrebbe una scala mobile per non farci sforzare quando camminiamo. Protestiamo tutti con la direzione perché non ci danno una chitarra a testa per poter suonare tranquillamente due stornelli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

area verde
attività terapeutiche degli internati
centro ascolto
internati
interviste internati
laboratorio colore
manicomi criminali
opg
opg aversa
ospedale psichiatrico giudiziario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi