Skip to content

File sharing e pirateria audiovisiva. Le pratiche di download, le contro-offensive legali, la retorica del furto e le reazioni degli utenti.

Informazioni tesi

  Autore: Luca Bortolotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline Semiotiche
  Relatore: Giovanna Cosenza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 364

La pirateria, intesa come la pratica di creare e distribuire in maniera illegale copie contraffatte di prodotti dell’ingegno di vario tipo (musica, film, giochi, libri), ha radici che partono da lontano, e che ha subito profonde trasformazioni nel corso degli ultimi dieci anni.
Prima c’erano le videocassette e le musicassette: se ne trovavano sulle bancarelle lungo le vie delle grandi città, oppure lungo le spiagge nei mesi estivi. Copertine fotocopiate, artwork riprodotti in maniera grossolana, ma se non si avevano troppe pretese sulla qualità, si poteva ottenere un prodotto appena uscito sul mercato ufficiale a prezzi da occasione. In modo illegale, naturalmente. Si trattava però ancora di una questione che riguardava i venditori ambulanti o la criminalità organizzata: la maggior parte della popolazione era semplice consumatrice occasionale di questi prodotti comprati sulle bancarelle.
Duplicare una videocassetta era operazione lunga e noiosa, che richiedeva peraltro strumenti particolari che non tutti avevano a disposizione, oppure lunghe manovre per collegare due videoregistratori per trasferire i dati da una cassetta a un’altra. Un’operazione riservata solo ad occasioni particolari, che non presentava vantaggi economici e pratici tali da giustificare la fatica e il tempo impiegati. Senza contare che la qualità del video nel passaggio dall’originale alla copia si abbassava notevolmente, a volte rendendo il prodotto addirittura impossibile da fruire.
Per quanto riguarda le musicassette, le cose erano un po’ più semplici: duplicare un’audiocassetta originale richiedeva qualche sforzo in meno rispetto a un Vhs, ma servivano comunque attrezzature che ancora non tutti gli impianti audio possedevano, tanto che per avere a disposizione per il proprio uso le ultime hit del momento generalmente si preferiva registrare in presa diretta le canzoni dalle stazioni radio.
L’epoca del file sharing, della diffusione di massa di prodotti audiovisivi tramite Internet, era ancora ben lontana, anche solo dall’immaginazione. Ci si limitava a passarsi una cassetta tra amici, a prestarsi vicendevolmente qualche film. Il resto era tutto nelle bancarelle e nei borsoni dei venditori di strada, sempre guardati con sospetto.
Poi arrivarono il digitale, i Cd e poi i Dvd, Internet cominciò a diventare un servizio a disposizione di tutti, fino a quando uno studente americano inventò Napster, il primo programma di file sharing della storia. E nulla fu più come prima. Ora film e musica venivano scambiati direttamente tra gli utenti, senza bisogno di intermediari, e a titolo totalmente gratuito: era nato il file sharing. La pirateria online divenne un problema serio da affrontare per le aziende e per gli autori di opere dell’ingegno, che videro improvvisamente le proprie creazioni diffondersi senza controllo sulla rete, circolando tra utenti che iniziarono a scambiarsele tra di loro senza più pagarle. Ecco che allora si rese necessario prendere contromisure, principalmente di due tipi: da una parte, leggi ad hoc che punissero chi rendeva possibile e praticava la pirateria; dall’altra una campagna comunicativa in grado di convincere i file sharer a desistere dalla propria azione. Nel corso di questa trattazione, si cercherà di dimostrare come e perché queste contromisure hanno fallito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
18 1.2.2 La rivoluzione Napster, l’atto di nascita del file sharing. Nel 1998 uno studente americano di nemmeno 18 anni, Shawn Fanning, decise di cambiare per sempre la sua vita, ma anche quella di milioni di utenti Internet, appassionati di musica e di cinema, nonché di tutte le più grandi case discografiche e cinematografiche del mondo. Il suo pallino per l‟informatica, che di certo tra i suoi amici gli sarà valso l‟appellativo di nerd, lo portò a lavorare per mesi su un progetto ambizioso quanto folle, almeno per l‟epoca: un codice informatico che permettesse la creazione di un programma in grado di fornire un modo semplice di scaricare e condividere file musicali in formato .mp3 attraverso Internet. Per molti, un semplice “smanettone” come tanti, non diverso da chi cercava di violare le password dei siti pornografici a pagamento. La sua rivincita per mesi spesi davanti a uno schermo cominciò a prendere forma sul finire del 1998, e si concretizzò nel giugno del 1999, quando venne aperto Napster, il primo vero programma di file sharing della storia. La rete conobbe così qualcosa di nuovo, una sorta di motore di ricerca all‟interno del quale potere cercare i brani più famosi della storia della musica, le hit del momento, gli album che prima si potevano trovare solo in polverosi negozi di periferia o le ultime uscite che normalmente si era costretti a pagare a caro prezzo. E fu un successo immediato quanto dirompente. Figura 2. Shawn Fanning, una mente rivoluzionaria sotto a un cappello da baseball.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi