Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di una realtà aeroportuale: crisi e strategie di risanamento di Malpensa

Questa tesi di laurea nasce con l’intento di approfondire e fornire un quadro riassuntivo e una visione d’insieme delle vicessitudini che hanno caratterizzato la storia di Malpensa in questi 10 anni di vita. Questa infatti è la storia di un aeroporto nato per essere un grande hub ma che, dopo il terribile colpo ricevuto dall’abbondono di Alitalia come hub carrier, ha visto improvvisamente offuscarsi ogni più rosea prospettiva di crescita, rischiando di tramutarsi in scalo secondario. Ma questa non è solo la storia della crisi, è anche la storia della rinascita di Malpensa. Una rinascita confermata dai dati del primo semestre 2010 che vedono i passeggeri aumentare del 5,7% sull'analogo periodo del 2009 (+8,6% la crescita nel solo mese di giugno), e suggellata da un prestigioso primato: il gigantesco Airbus 380, l'aereo più grande del mondo, atterrato sulla pista di Malpensa (con le insegne della Lufthansa) e per la prima volta in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA L‟aeroporto non è solo un luogo di transito. È la porta che si apre davanti al viaggio, è la porta che ci accoglie al ritorno e ogni suo particolare farà parte dei nostri ricordi. L‟aeroporto è una soglia verso un‟esperienza nuova e diversa: ha il potere di immergerci in uno spazio composto dall‟architettura dei luoghi, da un ambiente stimolante ricco di attività e modi di vivere la socialità. Per lavoro, per necessità, per piacere, per situazioni felici o drammatiche, per momenti di riposo o di intensa attività, per milioni di persone l‟aeroporto rappresenta un punto significativo di passaggio. L‟aeroporto di Malpensa è stato ideato, pensato e realizzato per essere tutto questo; una magica combinazione tra tecnologia, desiderio, passione, capacità, professionalità e quotidianità. Malpensa, come tutti i grandi aeroporti del mondo, ha il suo percorso, le sue vicissitudini, le sue crisi e i suoi successi, la sua storia; quello che può essere solo un luogo asettico, una grande e bella infrastruttura, è invece un ambiente reso vivo da chi con passione ci lavora e da chi lo utilizza. Malpensa non è solo un aeroporto, è un complesso sistema organizzativo concepito per coordinare un elevato numero di voli, ottenuto grazie alla piena collaborazione di tutti i soggetti che costituiscono il mondo aeroportuale, in primo luogo il territorio di riferimento. La scelta di concentrarmi su questo tema nasce così non solo dalla curiosità di conoscere un luogo dove si incontrano ogni giorno centinaia di migliaia di persone, con le loro vite, le loro storie, ma anche da una precedente esperienza lavorativa, che oltre a consentirmi di capire cosa significa vivere la quotidianità di un aeroporto come Malpensa, ha fatto sorgere in me il desiderio di approfondire le dinamiche di funzionamento di questa struttura aeroportuale, per conoscere, comprendere e analizzare alcuni aspetti fondamentali quali l‟origine di un vantaggio competitivo duraturo e sostenibile e come diretta conseguenza anche i motivi e le cause della crisi che hanno colpito lo scalo milanese nel corso degli ultimi anni. I continui cambiamenti, criticità o migliorie di cui è soggetto con una certa frequenza questo aeroporto, ha creato sì numerose difficoltà nella stesura della presente tesi, ma nello stesso tempo ha anche accresciuto in me il proposito di voler concepire un‟opera, se non innovativa, che quantomeno potesse fornire una visione d‟insieme di ciò che significa 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Tagliabue Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 649 click dal 24/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.