Skip to content

Messa a punto di metodi diagnostici in real time PCR per malattie delle piante da Oomiceti del genere Phytophthora

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Mancini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Paolo Capretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

Organismi del genere Phytophthora, presenti in habitat terrestri e acquatici, sono noti per essere i principali patogeni che vanno a colpire le radici deputate all’assorbimento delle sostanze nutritive e responsabili di marciumi del colletto di numerose piante (Moralejo et al., 2009).
Tra gli strumenti diagnostici sviluppati in patologia vegetale, la real-time PCR è risultata essere un metodo efficace in grado di rilevare e quantificare le specie di Phytophthora in ambienti diversi.
In questa tesi è stata messa a punto una metodica in real time PCR, utilizzando la chimica SYBR Green, per rilevare e quantificare alcune specie di Phytophthora in diverse matrici (tessuti vegetali, suolo ed acqua) ed in diversi ambiti: P. cactorum e cinnamomi in ambiente vivaistico; P. cambivora in bosco su piante di castagno; Phytophthora spp. su ippocastano in ambito urbano.
Sono stati raccolti campioni di corteccia da piante di castagno sintomatiche (Castanea sativa) infette da P. cambivora e da piante di ippocastano con sintomi provocati da Phytophthora spp. e campioni di suolo in castagneto. In laboratorio sono stati preparati campioni di terreno sterilizzato inoculati con P. cambivora, campioni di acqua sterilizzata inoculati con P. cinnamomi e P. cactorum e piantine di Vicia faba inoculate con P. cinnamomi e P. cactorum.
Il DNA è stato estratto da micelio fungino, materiale vegetale e acqua come descritto da Luchi et al. (2005). Il DNA dai campioni di suolo è stato estratto utilizzando FastDNA SPIN Kit for Soil (MP Biomedicals) seguendo le istruzioni del produttore.
La metodica in real time PCR è stata sviluppata utilizzando dei primers descritti da Schena et al. (2008). Primer specifici sono stati utilizzati per rilevare P. cambivora, mentre le altre specie sono state rilevate utilizzando primers generici. La loro specificità è stata dapprima testata su DNA estratto da colture pure di Phytophthora spp. e Pythium.
Utilizzando primers specifici con la real time PCR, è stato possibile rilevare la presenza di P. cambivora nei tessuti di castagno e nel suolo inoculato con P. cambivora. Il DNA di P. cambivora è stato rilevato nei campioni di corteccia dopo una nested PCR. Mentre dai campioni di suolo presi in castagneto non è risultata la presenza di P. cambivora.
La sensibilità del metodo durante la fase iniziale della colonizzazione è stata evidenziata rilevando il DNA di P. cinnamomi e P. cactorum in semenzali di fava dopo 3, 5 e 10 dall'inoculazione. Il DNA dei patogeni è stato quantificato e varia da 103 a 104 pg/g. E 'stato anche possibile rilevare la presenza e quantificare il DNA di P. cactorum e P. cinnamomi in acqua (102 pg/g e 103 pg/g rispettivamente). Mentre dai tessuti di ippocastano non è stata rilevata la presenza di Phytophthora spp.
La sensibilità e la specificità della real time PCR sono state confermate anche in piante infette, acqua e suolo, mostrando la sua capacità di rilevare piccole quantità di DNA di Phytophthora da differenti campioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE Gli oomiceti (Oomycota, sinonimo Oomycetes) sono una classe di microrganismi appartenenti al regno dei Cromisti. Questo gruppo, è stato di recente separato da quello dei funghi ai quali somiglia per avere un micelio con sviluppo filamentoso. Gli oomiceti si caratterizzano per la presenza di cellule mobili fornite di ciglia, utili durante la fase di diffusione; inoltre la parete cellulare è costituita da una miscela di composti cellulosici e glucani (non chitina, come nei funghi). I nuclei all'interno dei filamenti sono diploidi, con due insiemi di informazioni genetiche, non aploidi come nei funghi. Le loro strutture riproduttive sono costituite da anteridi e oogoni. Agli Oomiceti, che nella letteratura inglese vengono citati come organismi “fungus- like” o “water moulds” “funghi d’acqua", appartiene la famiglia delle Pythiaceae con due generi, molto importanti nel campo fitopatologico: Pythium e Phytophthora. Negli Oomiceti la riproduzione asessuata avviene tramite zoospore mobili, biflagellate che vengono formate all’interno di un “sacco” detto “zoosporangio” portato da un’ifa sporangiofora. A maturità, una piccola apertura si forma sulla parete e le zoospore vengono rilasciate nell’ambiente dove sono capaci di diffondersi muovendosi nell’acqua. In alcune specie si formano delle strutture vegetative a parete spessa dette “clamidospore", che permettono la conservazione e il mantenimento dell’organismo quando le condizioni ambientali sono sfavorevoli. La riproduzione sessuata avviene a seguito della fusione della struttura maschile (anteridio) con quella femminile (oogonio), ben distinte morfologicamente. A differenza dei veri funghi, solamente i nuclei dei due gameti maturi sono aploidi, mentre il micelio e le zoospore sono diploidi. Gli oogoni fertilizzati maturano e danno luogo alle “oospore” organi preposti alla conservazione e alla infezione. I due gameti possono essere portati e formarsi da un solo e singolo micelio ("tallo", in tal caso omotallico), o da due differenti miceli (eterotallico). Il ciclo biologico di questi organismi è legato all’acqua, che rappresenta il principale vettore di diffusione della malattia. Hanno micelio cenocitico con pochi o nessun setto e in acqua producono zoosporangi che portano zoospore biflagellate. Le oospore, che si formano singolarmente all’interno dell’oogonio dopo che è stato fecondato dall’anteridio, permettono al patogeno di conservarsi nel terreno anche per molti anni. Altre strutture di conservazione sono le clamidospore. Attualmente, le specie di Phytophthora riconosciute sono oltre 70. La maggior parte di esse hanno habitat terricolo e numerose tra quelle descritte recentemente sono state

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

castagno
mal dell'inchiostro
phytophthora
real time-pcr

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi