Skip to content

La comunicazione politica americana da Franklin D. Roosevelt a Barack H. Obama

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Salvatore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze politiche, comunitarie e delle relazioni internazionali
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Daniele De Luca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

Nell’arco di meno di cento anni gli Stati Uniti hanno rilevato il “fardello” della Gran Bretagna nel reggere le sorti economiche (prima) e politiche (dopo) dell’intero pianeta. Questa sfida ha viaggiato parallelamente al binario dell’evoluzione della scienza e della tecnica, che hanno dotato gli esseri umani di poteri mai conosciuti prima.
Se i giornali e le riviste hanno accompagnato la storia dell’umanità molto prima del secolo breve, il Novecento darà i natali a tre grandi rivoluzioni nel campo della comunicazione: la radio, la televisione e internet.
Questo lavoro è una ricognizione storica sul meccanismo che, nel caso specifico degli Usa, ha portato la politica ad accedere ai mezzi di comunicazione e sul modo in cui alcuni Presidenti hanno sfruttato questi mezzi per arrivare al pubblico.
Trattandosi di una ricognizione storica e non politologica, ho scelto quattro presidenti come Franklin D. Roosevelt, John F. Kennedy, George W. Bush e Barak H. Obama non per il loro background politico (tre democratici e un repubblicano), ma per la particolarità del loro linguaggio, il particolare uso dei mezzi di comunicazione e soprattutto per le fasi storiche che hanno dovuto affrontare (la Grande Depressione, la Guerra Fredda, il terrorismo, la nuova crisi economica).
Nella prima parte sono stati affrontati elementi tecnici del mondo della comunicazione: il capitolo 1 offre una panoramica sulle tre ere principali della comunicazione politica: premoderna, moderna e postmoderna; il capitolo 2, invece, descrive il principale momento elettorale americano, quello delle elezioni presidenziali, e gli elementi sui quali i candidati fanno leva per attirare a sé gli elettori. All’interno di questo capitolo ho voluto spiegare il meccanismo attraverso cui la comunicazione diventa fondamentale per raccogliere fondi e far leva su gruppi e movimenti.
Il capitolo 3, che conclude la prima parte, tratta poi il ruolo che i tre media fondamentali (radio, televisione e internet) hanno avuto nella storia della politica americana. In particolar modo, vengono descritti quali modelli della comunicazione sono stati trasferiti dalla radio alla tv, quali nuove idee sono venute dal mondo della televisione (dibattiti e spot elettorali); l’ultimo paragrafo del capitolo è dedicato poi al mondo di internet e alla sua continua evoluzione.
La seconda parte è un’analisi di quattro diverse presidenze, ognuna delle quali ha retto nuove sfide con mezzi di comunicazione diversi.
Il capitolo 4 si occupa di Franklin D. Roosevelt, il primo presidente che “entrò” nelle case degli Americani attraverso la radio, dagli anni della grande Depressione sino alla tragica fine della seconda guerra mondiale; nel capitolo vengono descritte le prime strategie di comunicazione pianificata che portarono Roosevelt a servirsi della stampa, della radio e anche della cinematografia.
Il capitolo 5 si occupa della presidenza, seppur breve, di John F. Kennedy: un presidente giovane, bello, cattolico, ideatore della nuova Frontiera, fece entrare il mezzo televisivo perfino nella vita privata della Casa Bianca nei difficili anni della guerra fredda. Nel capitolo vengono trattati temi che hanno permesso la sua ascesa politica: la campagna elettorale come sforzo di gruppo del clan Kennedy, la capacità oratoria, la questione dei diritti civili, il rapporto con la stampa e la televisione.
Il capitolo 6 è dedicato ad una presidenza recente, quella di George W. Bush, che raccolse l’eredità dell’era Clinton per ritrovarsi a fronteggiare una delle sfide più difficili: il terrorismo internazionale di matrice islamica e lo “scontro di civiltà”. L’appello a temi della corrente jacksoniana come la rinascita spirituale cristiana e la riscoperta del ruolo di “arsenale della democrazia” torneranno sui media.
L’ultimo capitolo è dedicato allo studio di un fenomeno nuovo e di una presidenza altrettanto recente, quella di Barak H. Obama. Il primo presidente afroamericano della storia degli Usa ha portato con sé una rivoluzione senza precedenti: “Yes we can” è un tema che riporta nella competizione politica la retorica del sogno, meno ideologica di quella kennedyana, che potrebbe ancora una volta funzionare. Non è possibile costruire un’analisi storica su di un presidente che è entrato in carica poco più di un anno fa, ma è possibile analizzare un linguaggio che ha appassionato milioni di persone e che ha fatto del web il suo canale privilegiato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il XX secolo, il “secolo breve” di Eric Hobsbawm, è stato, da un lato, l’era di grande tragedie come due guerre mondiali, la guerra fredda, il rischio nucleare, il terrorismo, ma dall’altro, ha segnato momenti importanti come la fine delle dittature e l’inizio dell’era della globalizzazione. Nell’arco di meno di cento anni gli Stati Uniti hanno rilevato il “fardello” della Gran Bretagna nel reggere le sorti economiche (prima) e politiche (dopo) dell’intero pianeta. Questa sfida ha viaggiato parallelamente al binario dell’evoluzione della scienza e della tecnica, che hanno dotato gli esseri umani di poteri mai conosciuti prima. Se i giornali e le riviste hanno accompagnato la storia dell’umanità molto prima del secolo breve, il Novecento darà i natali a tre grandi rivoluzioni nel campo della comunicazione: la radio, la televisione e internet. La politica non ha potuto ignorare le potenzialità di questi mezzi per guadagnarsi il consenso a causa dell’allargamento del suffragio universale. Ha smesso di essere un’oscura attività di palazzo, ha smesso di essere la professione di un’èlite che decideva per milioni di persone. Questo lavoro è una ricognizione storica sul meccanismo che, nel caso specifico degli Usa, ha portato la politica ad accedere ai mezzi di comunicazione e sul modo in cui alcuni Presidenti hanno sfruttato questi mezzi per arrivare al pubblico. Trattandosi di una ricognizione storica e non politologica, ho scelto quattro presidenti come Franklin D. Roosevelt, John F. Kennedy, George W. Bush e Barak H. Obama non per il loro background politico 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi