Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli obblighi degli amministratori di S.p.A dopo lo scioglimento

La riforma del codice civile ha fatto si che le norme in materia di Scioglimento e liquidazione di società di capitali siano ora raggruppate negli artt. 2484-2496, con alcune modifiche riguardo le operazioni che possono essere intraprese dagli amministratori nel gestire la società in liquidazione.
L'oggetto del presente lavoro é l' analisi degli obblighi e dei poteri degli amministratori di società per azioni al verificarsi di una causa di scioglimento sino alla loro cessazione dalla carica.
Nel primo capitolo presenterò le cause che portano allo scioglimento di una società, il prodursi degli effetti a queste correlate e gli adempimenti cui sono tenuti gli amministratori in questa fase.
Si farà poi particolare riferimento a poteri-doveri spettanti agli amministratori nel gestire la società ai soli fini conservativi del patrimonio sociale e le responsabilità derivanti dalla violazione di tale obbligo.
Concludo il mio lavoro esaminando gli adempimenti tra organo amministrativo uscente, che ha completato la propria funzione istituzionale , e quello liquidatorio subentrante proprio in virtù dell' apertura formale della liquidazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L’individuazione delle cause di scioglimento e responsabilit a connesse 1.1 Criteri direttivi della riforma Con la riforma del diritto societario, attuata con il D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, il legislatore ha inciso sulla disciplina dello Scioglimento e liquidazione mediante norme ispirate alla conservazione del patrimonio dell’impresa so- ciale. E’ ora consentito all’assemblea dei soci di neutralizzare gli eetti di talune cause di scioglimento con opportune modiche statutarie; e prevista la possibilit a di revoca della liquidazione previa eliminazione della causa di scioglimento; e anche ammessa la facolt a di conferire ai liquidatori il potere di compiere gli atti necessari alla conservazione del valore d’ impresa, com- preso l’ esercizio provvisorio in funzione del miglior realizzo. Le novelle apportate dalla riforma societaria sono state ispirate dai principi 1 e criteri direttivi della leggedelega 3 ottobre 2001, n. 366 che all’art. 8 richiedeva di adeguare la disciplina dello scioglimento e della liquidazione al ne di: a) accelerare e semplicare il procedimento, disciplinandone e chiarendone l’inizio, lo svolgimento ed il termine; b) disciplinare le condizioni, i limiti e le regole per la conservazione dell’e- ventuale valore dell’impresa; c) disciplinare la redazione dei bilanci nella fase di liquidazione in conformit a a criteri adeguati alle loro speciche nalit a. 1 Bartolomucci, Mandrioli, Pollio e Viotti, Scioglimento e liquidazione delle societ a di capitali., 2004: 357. 3

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Piera Torre Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1771 click dal 25/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.