Skip to content

Educare all'esperienza interculturale

Informazioni tesi

  Autore: Mario Bombelli
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di II Livello in Dirigenza Scolastica
Anno: 2009
Docente/Relatore: Giuliana Sandrone
Istituito da: Università degli Studi di Bergamo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

Il problema dell’educazione interculturale è un problema complesso e per certi aspetti nuovo nel campo dell’educazione, così come si va configurando nella società italiana. Complesso e nuovo lo è per la scuola in Italia, che solo da pochi anni si trova a dover affrontare la multiforme ricchezza delle etnie e dei popoli, delle lingue e delle educazioni e delle concezioni della vita .
Il nostro lavoro non ha pretese di apporti specifici nel campo dell’educazione interculturale. Il solco dentro il quale ci collochiamo è quello di una lineare riflessione rispetto un problema ormai presente con sempre maggiore evidenza nella società italiana. L’angolatura e la prospettiva è quella del Dirigente scolastico, cioè di quella figura specifica nell’ordinamento scolastico italiano che, dall’introduzione della legge sull’Autonomia consegnata alle scuole come Legge 15 marzo 1997, è sempre di più soggetto di riferimento in tutte le sue componenti: con il territorio, sul quale la scuola è inserita e in generale con tutto il sistema sociale.
Il punto di partenza sarà quello di un rapido excursus storico, che dall’inizio degli anni ’70 alle, come abbiamo voluto chiamarle, ‘nuove educazioni’ degli anni 2000, cercherà di ripercorrere il cammino dei processi pedagogici che hanno accompagnato la scuola italiana, passando per le direttive europee in campo scolastico. L’Europa che ha dovuto, e continua ad avere, a che fare con i flussi migratori di tanti popoli in cerca di stabilità: il fenomeno della globalizzazione.
Sarà nella seconda parte del lavoro che emergerà il lavoro compiuto (forse sarebbe meglio dire che ancora in larga parte ci attende), dalla Società italiana, nello specifico, dalle Istituzioni scolastiche, rispetto al processo di educazione all’esperienza interculturale. Il doppio binario dentro il quale si muove la riflessione e le scelte messe in atto per fare fronte alla sempre maggiore domanda di condivisione di esperienze.
Centrale è la figura del Dirigente scolastico che promuove e organizza, all’interno di un quadro legislativo definito, e a volte non sempre del tutto chiaro, l’educazione all’interculturalità non solo come processo di integrazione per coloro che provengono da differenti realtà territoriali, bensì come nuova forma mentis dell’educazione, dove vengono coinvolti tutti i soggetti che operano nell’istituzione scolastica. Ne segue che la nuova prospettiva è quella di un’emergenza delle ‘culture’, intese come complessi di aggregati (lingue, religioni, ecc.) che incontrano e si devono integrare all’interno di una realtà locale differente e specifica. Non più solo insegnare una specifica lingua, quella d’arrivo, per consentire l’integrazione, ma la comprensione di un sistema che si è sviluppato e cresciuto in contesto totalmente differente. Integrazione ed interazione sono le parole che devono segnare il processo scolastico nel suo insieme. Lo spazio dedicato ai metodi didattici per educare all’interculturalità hanno consentito, crediamo, di giungere alle seguenti conclusioni:
• l’identità umana non è monolitica, ma dialogica, relazionale;
• la relazionalità pone in primo piano l’identità dell’Io, in rapporto al Tu;
• l’identità dell’uomo si pone nella storia come racconto ed è un’identità essenzialmente narrativa, sia a livello di singola persona, che di popoli e civiltà;
• l’agire umano chiama in gioco la responsabilità nei confronti non solo degli altri presenti ora, ma anche dei posteri e dell’umanità in quanto tale;
• la comprensione dell’altro si struttura a livelli diversi ed è un processo che chiama in gioco l’ermeneutica e, sotto certi aspetti si serve della metafora e dell’arte.
La figura del mediatore culturale diviene determinante e insostituibile nella ‘città multiculturale’, in un mondo che si definisce ‘Mondo globale’, ma che porta in sé i segni di una forte localizzazione, sia come rivendicazione di identità, sia come difesa di un vissuto da non perdere: i ‘Mondi locali’. Soggetto nuovo nella società italiana, quella del mediatore, che, così come configurato nella legislazione, ha il compito di far incontrare i ‘due estremi’: gli immigrati e gli autoctoni. Si farà riferimento alla sua funzione di raccordo con il territorio, così come la figura del Dirigente scolastico è il punto di collegamento con il tessuto sociale all’interno del quale si colloca l’Istituzione scolastica che dirige.

“(…) L’educazione interculturale non può essere ridotta al’ambito dell’immigrazione come educazione “compensativa” del diverso, ma è educazione per tutti alla diversità” .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il problema dell‟educazione interculturale è un problema complesso e per certi aspetti nuovo nel campo dell‟educazione, così come si va configurando nella società italiana. Complesso e nuovo lo è per la scuola in Italia, che solo da pochi anni si trova a dover affrontare la multiforme ricchezza delle etnie e dei popoli, delle lingue e delle 1 educazioni e delle concezioni della vita. Il nostro lavoro non ha pretese di apporti specifici nel campo dell‟educazione interculturale. Il solco dentro il quale ci collochiamo è quello di una lineare riflessione rispetto un problema ormai presente con sempre maggiore evidenza nella società italiana. L‟angolatura e la prospettiva è quella del Dirigente scolastico, cioè di quella figura specifica nell‟ordinamento scolastico italiano che, dall‟introduzione della legge sull‟Autonomia consegnata alle scuole come Legge 15 marzo 1997, è sempre di più soggetto di riferimento in tutte le sue componenti: con il territorio, sul quale la scuola è inserita e in generale con tutto il sistema sociale. Il punto di partenza sarà quello di un rapido excursus storico, che dall‟inizio degli anni ‟70 alle, come abbiamo voluto chiamarle, „nuove educazioni‟ degli anni 2000, cercherà di ripercorrere il cammino dei processi pedagogici che hanno accompagnato la scuola italiana, passando per le direttive europee in campo scolastico. L‟Europa che ha dovuto, e continua ad avere, a che fare con i flussi migratori di tanti popoli in cerca di stabilità: il fenomeno della globalizzazione. Sarà nella seconda parte che emergerà il lavoro compiuto (forse sarebbe meglio dire che ancora in larga parte ci attende), dalla Società italiana, nello specifico, dalle Istituzioni scolastiche, con riferimento al processo di educazione all‟esperienza interculturale. Il doppio binario dentro il quale si muove la riflessione e le scelte messe in atto per fare fronte alla sempre maggiore domanda di condivisione di esperienze. Centrale è la figura del Dirigente scolastico che promuove e organizza, all‟interno di un quadro legislativo definito, e a volte non sempre del tutto chiaro, l‟educazione all‟interculturalità, non solo come processo di integrazione per coloro che provengono da differenti realtà territoriali, bensì come nuova forma mentis dell‟educazione, dove vengono coinvolti tutti i soggetti che operano nell‟istituzione 1 Cfr. D. DEMETRIO, Nel tempo della pluralità. Educazione interculturale in discussione e ricerca, La Nuova Italia, Firenze 1997, pp. 5-9. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi